Il Legnago vince all’ultimo secondo a Montebelluna (3-4) e conferma il suo 2° posto

Ora sono tre i punti di vantaggio sul terzo posto. Domenica a Legnago arriva il Mestre

172

Il Legnago non smette di stupire e vince al 95° dopo 5 minuti e mezzo di recupero la partita in casa del Montebelluna in terra trevigiana. Una gara da sconsigliare ai deboli di cuore e ricca di episodi, due rigori per i padroni di casa, un rigore prima concesso al Legnago e poi annullato, ed emozioni a ripetizione. Il Legnago in vantaggio di due gol dopo il primo tempo, veniva agganciato sul 2 a 2 ad inizio ripresa, poi ancora ancora in avanti i biancazzurri ripresi sul 3 a 3 dai locali grazie ad un secondo rigore concesso, quindi la rete del successo con Antonelli nell’ultimo istante di recupero della gara. Da quando il Legnago è tornato in serie D allo stadio “San Vigilio”di Montebelluna ha giocato sette volte: il 28 agosto 2011 è stato eliminato dalla Coppa Italia per 13 a 12 dopo ben 25 rigori, il 19 ottobre 2011 i biancazzurri avevano vinto per 2 a 0, poi ben quattro pareggi per 2 a 2, il 13 ottobre 2012 con le reti di Nicolis e Manfrin, il 24 gennaio 2013 con una doppietta di Fioretti, il 16 ottobre 2016 con una doppietta di Formuso, il 16 dicembre 2017 con i gol di Gulinatti e Marchetti. E mercoledì la bella vittoria del team di mister Bagatti alla presenza del presidente Davide Venturato, del vice Giorgio Schiavo, del socio Claudio Berlini e dell’amministratore delegato Stefano Michelazzi.

Il Legnago si schiera nella formazioni prevista, in panchina con Zanchetta ci sono Forestan, Contri, Mazzali, Ranelli, Sabba, Finessi, Broso e Miatton. Il Legnago parte sparato e Giacobbe tira deciso e guadagna il primo degli 8 angoli finali. Al 7° Fasan tira a lato di un soffio, poi bella inzuccata di Franceschini parata da Enzo. All’11° bella girata di Chakir mentre due minuti dopo va al tiro Cicarevic con palla deviata in angolo. Batte Cicarevic e Bondioli incorna in rete l’1 a 0. Il Legnago è sciolto e c’è subito una bella azione Cicarevic-Barone, poi Bondioli reclama un rigore. Al 21° gran parata di Enzo su incornata di capitan Caso. Al 40° il Legnago raddoppia con la rete di Chakir ben innescato da Barone. Prima del riposo altro tiro di Barone parato da Pigozzo. Si va negli spogliatoi sul punteggio di 2 a 0.

Nella ripresa subito azione di Chakir per Barone e palla in corner, batte Cicarevic e Antonelli va vicino allo 0 a 3. Al 7° Nicola Fasan è affrontato in area da Enzo, l’arbitro vede un fallo e concede un rigore generoso ai locali. Batte Nchama che non perdona. Al 16° è già 2 a 2: Cicarevic è macinato da un contrasto non punito e rimane a terra, l’azione viziata prosegue e Tronchin, con un preciso rasoterra angolato batte Enzo. Al 26° angolo di Botturi e Finessi incorna alto. Due minuti dopo il corner si ripete e stavolta Finessi inzucca in rete il 2 a 3. Al 30° azione in area del Montebelluna con fallo su Barone, l’arbitro concede il rigore ma poi lo annulla su segnalazione dell’assistente per fuori gioco dello stesso Barone. Al 35° palo di Finessi che sfiora la doppietta. Al 39° bella girata di Fasan con Enzo che ribatte. Al 42° Fasan viene a contatto con Demian in area e secondo rigore concesso ai locali dal signor Rizzello di Casarano. Sul dischetto va Passamonti per il 3 a 3 del Montebelluna. Al 45° Enzo impedisce il gol a Fasan e al 48° Scevola spara su Enzo il pallone del possibile 4 a 3 per i locali che al 50° minuto vengono puntualmente puniti sull’ultima azione degli ospiti. Assist di Broso per Antonelli che realizza il 4 a 3 per il Legnago. Non c’è il tempo di mettere la palla al centro che l’arbitro fischia la fine. Grande ammucchiata di giocatori biancazzurri e il team manager Vincenzo Piva ostenta con una lavagna luminosa un bel 4 a 3.

Negli spogliatoi l’allenatore del Legnago Massimo Bagatti scherza sui rigori dati e non concessi dall’arbitro. “E’ rigore quando arbitro fischia…” Sulla gara invece dichiara: “Mi sono arrabbiato per i troppi errori. Abbiamo avuto occasioni clamorose ma vincere è sempre difficile, tutte le squadre sono forti e quando si vince è sempre una bella impresa…” Il presidente del Legnago Davide Venturato dice: “Abbiamo vinto battendo anche l’arbitro”. L’amministratore delegato Stefano Michelazzi aggiunge:“Ci mancano due rigori su Bondioli e Barone.” Il direttotre generale Mario Pretto afferma: “Vittoria strameritata ma partita complicata per due rigori generosi contro di noi. Squadra combattiva fino all’ultimo secondo.” Il mister biancoceleste Loris Bodo evidenzia: “Sotto tono nel primo tempo, poi abbiamo rimediato sfiorando il 4 a 3 e subendo la sconfitta dopo 5 minuti e mezzo di recupero. Noi stranamente lacunosi in difesa”.

Montebelluna (4-3-3): Pigozzo, Scevola, Vedova (22’st Da Col), Celestri (11’st Zago), Zucchini, Fabbian, Caso, Franceschini ( 32’st Passamonti), Nchama, Ndreca (32’st Tronchin), Fasan. All. Bodo
Legnago Salus (4-3-1-2): Enzo, Demian, Botturi (47’st Mazzali), Antonelli, Bondioli, Moretti, Giacobbe ( 29’st Ranelli), Yabre, Barone (40’st Sabba), Cicarevic (18’st Broso), Chakir (12’st Finessi). All. Bagatti
Arbitro: Rizzello di Casarano
Reti: 13’pt Bondioli 40’pt Chakir, 7’st Nchama (rigore), 16’st Tronchin S., 28’st Finessi,42’st Passamonti (rigore), 50’st Antonelli
Note: Spettatori 200 circa. Ammoniti Zucchini, Demian, Yabre. Angoli 4-8 Recuperi 3’ e 5’ .

Aldo Navarro per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata