22.8 C
Verona
martedì, 27 Luglio 2021

Il Montebelluna batte 2 a 1 al “Montindon” la Virtus Bolzano e la condanna alla retrocessione in Eccellenza

In una giornata caldissima ed afosa si è giocato ieri, sul campo neutro dello stadio “Montindon” di San Pietro in Cariano, l’ultimo atto del girone C del campionato di Serie D, lo spareggio salvezza tra la Prodeco Montebelluna di mister Francesco Bordin e la Virtus Bolzano di mister Alfredo Sebastiani. Una gara secca per decidere la squadra che saluterà la Serie D per ritornare in Eccellenza assieme al già retrocesso Chions. Dopo quindici minuti di studio reciproco, al 18° c’è la prima incursione del Montebelluna in contropiede con il numero 10 Fasan che appena entrato in area incespica al momento di concludere sprecando una ghiotta occasione da rete. Il Bolzano risponde al 20° con un bel tiro del numero 4 e capitano Arnaldo Kaptina con il portiere Bonato che devia sopra a traversa da campione. Al 21° l’arbitro concede un rigore al Bolzano per fallo di mano in area di un giocatore trevigiano, sul dischetto va il numero 11 bolzanino Matteo Timpone che batte Bonato e porta in vantaggio la Virtus. Un minuto dopo risponde il Montebelluna con un tiro da fuori area forte e preciso del 32 Alessandro Cattelan, ma il portiere del Bolzano Iardino è attento e para in tuffo. Al 27° tiro in area per il Bolzano di Kevin Kuka che termina a lato. Al 30° punizione per il Montebelluna battuta dal numero 10 Davide Cremonini che pesca in area un compagno che colpisce debolmente di testa sul portiere. Al 33° punizione da fuori area di Cattelan per la Prodeco Montebelluna che finisce alta. Poco dopo azione convulsa in area e l’arbitro fischia il penalty con Matteo Timpone che viene espulso per proteste e lascia il Bolzano in 10 uomini. Sul dischetto va Alessandro Cattelan che pareggia i conti per il Montebelluna. Il primo tempo si chiude sull’1 a 1 con due gol su calcio di rigore.

Nel secondo tempo dopo solo 2 minuti Cattelan potrebbe raddoppiare per il Montebelluna ma il n.32 solo in area a tu per tu con il portiere bolzanino si mangia un gol già fatto. La gara è nervosa e un altro giocatore del Bolzano viene espulso per fallo pericoloso lasciando i tirolesi in nove contro undici. Al 12° mister Bordin toglie Barra e inserisce il numero 9 del Montebelluna Amorildo Gjoni. Al 13° Fasan si incunea in area ma trova una parata super del portiere che devià in angolo, occasione Montebelluna. Subito dopo altra paratona del portiere della Virtus Denis Iardino sul numero trentadue del Montebelluna Alessandro Cattelan. Al 30° il Bolzano ci prova con una botta da fuori di Arnaldo Kaptina che non inquadra la porta. Poco dopo tiro alle stelle del numero 8 del Montebelluna Alessandro Zago. Al 36° Bordin toglie il 32 Alessandro Cattelan ed entra il n. 16 del Montebelluna. Poco dopo il neo entrato Gjoni spreca una buona occasione in area per il Montebelluna. Nel finale di gara Nicola Fasan spreca una grande occasione per il Montebelluna che poco prima del 90° trova il gol del 2 a 1 con il neo entrato Antonio Lukanovic che regala la salvezza al Montebelluna e condanna la Virtus Bolzano.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
cielo sereno
22.8 ° C
25.6 °
18.7 °
78 %
1.5kmh
0 %
Mar
22 °
Mer
31 °
Gio
33 °
Ven
34 °
Sab
33 °