25.3 C
Verona
martedì, 27 Luglio 2021

Serie D girone C: Il punto sulla 13^ giornata

Un Caldiero sciupone e sfortunato cade a Belluno (1 a 0). Finalmente una vittoria per l'Ambrosiana che liquida 2 a 1 la Virtus Bolzano.

Sconfitta immeritata per il Caldiero Terme in casa dell’A.C. Belluno 1905 di mister Renato Lauria che si aggiudica i 3 punti grazie al rigore trasformato da Corbanese. Partita giocata in un campo ghiacciato con ai bordi del campo oltre mezzo metro di neve spalata dagli operatori per permettere la disputa. Gara inizialmente di studio poi al quarto d’ora di gioco cross insidioso dalla destra con la difesa del Caldiero che mette in angolo. Al 17° ci prova ancora il Belluno con Mosca da fuori area ma la palla esce dallo specchio della porta. Tre minuti dopo Sommacal mette in rete di testa ma il gol viene annullato per fuorigioco dello stesso giocatore. Alla mezz’ora occasione d’oro per il Caldiero, fallo di Bragagnolo su Zerbato e l’arbitro assegna il rigore. Sul dischetto si presenta Lorenzo Zerbato che spara alto sopra la traversa (foto grande). Passano solo 3 minuti ed il Belluno rimane in dieci uomini, Bragagnolo ferma un contropiede con un fallo di mano e si becca la seconda ammonizione e il susseguente cartellino rosso. Il primo tempo si chiude sullo 0 a 0. Nella ripresa dopo soli 5 minuti c’è un calcio di rigore per il Belluno concesso dall’arbitro per l’atterramento in area di Corbanese. Dal dischetto va lo stesso capitano gialloblù che segna con un piattone secco alla sinistra del portiere termale. Preso il gol il Caldiero ha una bella reazione, al 65° Manarin ci prova con un tiro rasoterra dal limite ma la palla esce a lato. Al 75° il Belluno si salva incredibilmente su una percussione offensiva del Caldiero che colpisce il palo con una conclusione di testa a portiere battuto, la palla viene raccolta da un attaccante gialloverde che si libera del difensore e colpisce ancora il palo nello stessa punto alla destra della porta bellunese. La partita sembra stregata per i termali che al 90° si vedono negare il pari da un miracolo del portiere locale Dan che salva sulla linea un gran tiro esploso dal limite. L’A.C. Belluno supera 1 a 0 un Caldiero sciupone e sfortunato e sale al 2° posto in classifica a -1 dalla capolista Manzanese. Caldiero 10° a 17 punti con Este e Montebelluna.

 Torna finalmente alla vittoria l’Ambrosiana che con una prova autoritaria batte 2 a 1 la Virtus Bolzano. La squadra rossonera di mister Tommaso Chiecchi che si sbarazza dei bolzanini grazie ad un primo tempo sontuoso e molto intenso. Nella ripresa, in vantaggio 2 a 1, la squadra locale stanca è brava a smorzare le manovre ospiti e a portare a casa tre punti importanti in chiave salvezza. Dopo il secondo giro di orologio della prima frazione di gioco l’Ambrosiana passa in vantaggio grazie ad una perfetta rasoiata da fuori area di Francesco Perinelli (ieri fra i migliori assieme a Rabbas) che segna lasciando esterrefatto il portiere Bolzanino Grbic. Rivitalizzata dal gol l’Ambrosiana mantiene stabilmente l’iniziativa costruendo manovre offensive di pregevole fattura. La squadra di Bolzano non riesce a rendersi pericolosa, producendo un gioco lento ed opaco. Al 15° Rabbas obbliga ad un intervento quasi miracoloso il portiere biancorosso Grbic che devia con bravura la sfera in calcio d angolo. Quattro minuti dopo la punta Bertoli in area conclude debolmente. Al 22° staffilata da fuori area di Alba che si vede deviare ancora una volta il pallone in angolo. Al 29° l’Ambrosiana perviene al raddoppio con una sfortunata deviazione nella propria rete, su tiro da fuori di Perinelli, di un difensore della Virtus Bolzano. Al 35° Moraschi potrebbe triplicare ma il palo gli nega la gioia a portiere battuto. Al 45° si vede finalmente la formazione di mister Sebastiani che con Carella accorcia le distanze con un colpo di testa su azione da calcio d’angolo.

Nella ripresa la partita, malgrado il freddo pungente, continua ad essere bella. Ora è la Virtus a fare la partita prendendo in mano le redini del gioco alla ricerca disperata del pareggio. L’Ambrosiana si rintana nella propria trequarti costruendo una diga a difesa del portiere Scalera, sempre attento a chiudere ogni varco al Bolzano. Ma bisogna attendere il 26° minuto per vedere un tiro alle stelle della Virtus Bolzano del neo entrato Osorio. Nei restanti minuti l’Ambrosiana fallisce con Moraschi tre nitide palle da gol, mentre Forti e soci si dimostrano con le polveri bagnate in fase d attacco. Al triplice fischio finale l’Ambrosiana di mister Tommaso Chiecchi ritrova il sapore della vittoria e i tre punti mentre la squadra ospite torna a casa con zero punti ed una bruciante sconfitta. La compagine rossonera del presidente Gianluigi Pietropoli scavalca l’Union Feltre e sale in quint’ultima posizione con 10 punti.

Negli spogliatoi clima euforico dei padroni di casa dopo la gara. Il soddisfatto mister Tommaso Chiecchi dice: “Sono molto contento di questa vittoria per la squadra, il mio staff e la mia società. Avevamo dato tanto nelle partite precedenti dove non avevamo raccolto molto mentre oggi sono arrivati finalmente i tre punti. Abbiamo giocato un primo tempo incredibile per azioni e gioco, mentre il secondo è stato più duro. Abbiamo subito il loro gol per una distrazione difensiva ma lasciamo perdere e godiamoci questo momento. Oggi siamo scesi in campo con otto giovani che hanno fatto la loro bella figura. I miei ragazzi si impegnano e fanno qualche errore ma danno sempre tutto. Ora ci rilassiamo e poi penseremo al prossimo match in casa del Chions”.

Il presidente Pietropoli aggiunge: “Abbiamo giocato alla grande e questa vittoria è arrivata con merito. Sappiamo di essere una squadra giovane ed inesperta, ma siamo fiduciosi che prima o poi i nostri giovani ci dimostreranno in pieno il loro valore. Oggi abbiamo giocato un grandissimo primo tempo mentre nel secondo abbiamo sofferto ma ci siamo difesi con i denti ed abbiamo conquistato una grandissima vittoria. Oggi ho una visto una bella squadra nonostante tante assenze importanti. Grinta da vendere e spirito di gruppo hanno fatto il resto, giocando con tanta qualità. Io mi godo i miei ragazzi e sono sicuro che alla fine ci salviamo anche quest’anno. Viviamo un 2021 ancora segnato dal Covid-19 che ha colpito tutti noi. Noi andiamo avanti con ragazzi della prima squadra che sono attenti e responsabili alle regole. Però a mio parere il nostro campionato di serie D è falsato e purtroppo il Covid-19 è sempre protagonista. Ci sono squadre che devono recuperare 5 partite, io ho paura che queste gare vengano recuperate a marzo o aprile, con la classifica già un po’ sistemata. Queste partite potrebbero diventare dei boomerang con ognuno che le gestisce come vuole. Ribadisco è un campionato falsato. A mio parere dovrebbero fermare i campionati per un mese e recuperare tutte le partite che mancano per rimetterci tutti alla pari. Ci sono problemi logistici, economici e così via. Insomma è un bel casino. Meno male che almeno possiamo giocare al calcio visto che altre realtà, come i nostri amati dilettanti, da ottobre si sono fermati. Ragazzi che sono a casa e che non possono fare l’attività sportiva, che fa bene al fisico e alla mente, e che ora sono sul divano a casa a far niente”.

Roberto Pintore e la redazione di www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
forte pioggia
25.3 ° C
28.5 °
23.6 °
80 %
1.6kmh
23 %
Mar
25 °
Mer
31 °
Gio
33 °
Ven
34 °
Sab
33 °