22.8 C
Verona
martedì, 27 Luglio 2021

Serie D girone C: Il punto sulla 38^ giornata

Spettacolare 3 a 3 dell'Ambrosiana contro l'Arzignano Valchiampo (seconda forza del girone) che mercoledì se la vedrà con lo splendido Caldiero che si guadagna i play-off affossando 5 a 1 il Montebelluna.

Finisce in bellezza l’Ambrosiana di mister Tommaso Chiecchi che impone ai giallocelesti dell’ArzignanoChiampo di mister Bianchini, seconda forza del girone, un pirotecnico 3 a 3 che ha divertito i molti spettatori presenti sugli spalti. Ora i vicentini torneranno in campo già mercoledì quando al “Dal Molin” di Arzignano affronteranno nel primo turno dei play off un’atra squadra veronese, il Caldiero di mister Cristian Soave. Davvero bella la sfida vista ieri al “Montindon” tra l’Ambrosiana già salva e l’Arzignano Valchiampo che aveva già la testa agli spareggi ma che allunga la sua striscia positiva con 8 vittorie e 4 pareggi nelle ultime 12 uscite di campionato. Partita che si è aperta con un brivido per i rossoneri con il tiro cross di Lisai che attraversa l’area senza trovare la deviazione vincente di nessun compagno. poco dopo il quarto d’ora va al tiro Casini ma il portiere rossonero Fumanelli para. Al 20° il signor Giovanni Agostoni di Milano concede un rigore all’Arzignano per un fallo su Sammarco ma Casini si fa parare il tiro dal dischetto da Fumanelli. L’Ambrosiana trova il vantaggio al 22° con Metlika che si libera di Bigolin e fa secco l’ex Legnago Manuel Enzo. I rossoneri insistono e poco dopo sfiorano il raddoppio con un colpo testa di Nicolò Righetti che esce di poco. Alla mezz’ora gran tiro di Menolli con la palla che non inquadra i pali della porta di Enzo. L’Arzignano risponde con una punizione di Lisai fuori misura. Al 37° azione dell’Ambrosiana con il traversone di Metlika che trova all’appuntamento Rabbas che insacca il 2 a 0 per i rossoneri.

Nella ripresa l’Arzignano in doppio svantaggio cerca subito il gol per riaprire la partita e lo trova dopo neanche due minuti con Lisai che sfrutta a dovere il cross di Monni e fa 2 a 1. L’Ambrosiana ci mette solo un minuto per ristabilire le distanze ancora con Rabbas che in contropiede sigla il 3 a 1 e la sua personale doppietta. La partita è un susseguirsi di capovolgimenti di fronte e su uno di questi Sammarco tocca per Monni che accorcia le distanze insaccando il 3 a 2. I vicentini insistono e completano la rimonta poco dopo il quarto d’ora di gioco con Monni che ancora imbeccato dall’ex Virtus Sammarco sigla il 3 a 3 e la sua doppietta personale. L’Arzignano insiste e va vicino al gol del sorpasso ancora con l’indemoniato Monni ma il suo diagonale finisce a lato. Prima della mezz’ora bel tiro di Lisai e parata sicura di Fumanelli. La gara pian piano si spegne, colpa anche del gran caldo, e le due squadre si accontentano del pareggio che soddisfa entrambe, con i giallocelesti di mister Giuseppe Bianchini che chiudono al 2° posto con 67 punti, a -14 dal Trento, e i rossoneri in 14esima posizione da soli con 47 punti.

Ambrosiana – Arzignano Valchiampo = 3-3
Ambrosiana: Fumanelli, Giordano, Perinelli (st 45’ Biasi), Penazzi, Dall’Agnola, Veips, Metlika, Menolli (st 37’ Avdullari), Righetti (st 25’ Merci), Rabbas (st 17’ Isufaj), Zanetti (st 14’ Testi). A disposizione: Spiazzi, Maccarone, Rossi F., Manfroni. All. Tommaso Chiecchi.
Arzignano Valchiampo: Enzo, Rossi E., Casini, Molnar, Monni, Lisai, Antoniazzi, Sammarco, Bigolin, Pettinà (st 23’ Maury), Zuffellato (st 23’ Roverato). A disposizione: Circio, Pasqualino, Cuccato, Villanova, Doda, Cavaliere, Semenzato. All. Giuseppe Bianchini.
Arbitro: Giovanni Agostoni di Milano
Assistenti: Giuseppe Ladu di Nuoro e Valeria Spizuoco di Cagliari
Reti: 22′ Metlika (A), 37′ Rabbas (A), 46’ Lisai (AV), 48′ Rabbas (A), 55′ Monni (AV), 62′ Monni (AV)
Note: Ammoniti: Zuffellato, Veips, Perinelli. Angoli: 2 a 2. Recuperi 2’+3′.

A fine gara si mescolano le emozioni. In campo scoppia una festa fragorosa e piena di sorrisi. In tribuna invece il presidente Filippo Berti si commuove, rendendosi conto del capolavoro appena realizzato dai suoi splendidi ragazzi. Il Calcio Caldiero si guadagna l’accesso ai play-off, mettendo in fila squadre e città molto più danarose e blasonate della piccola frazione termale veronese. La società ha vinto l’ennesima sfida. Un manifesto di organizzazione ed unione tra le componenti. A confermarlo anche l’ultima sfida contro il Montebelluna del nuovo mister Francesco Bordin che da due gare ha preso il posto dell’esonerato Nico Pulzetti. Il Caldiero partiva con quattro squalificati, oltre all’infortunio di Marco Burato nell’allenamento di rifinitura. Tutti ostacoli che avrebbero potuto incidere. La squadra di mister Cristian Soave però ha saputo andare oltre. Ha stravinto sul campo, respingendo nel duello a distanza il Mestre e regalandosi uno straordinario quinto posto finale in classifica. Avversari annichiliti e costretti ora allo spareggio con la Virtus Bolzano per mantenere la categoria. Il Montebelluna è leggero in difesa all’inizio della gara. La difesa a tre fa felice bomber Lorenzo Zerbato che ci mette solo 2 minuti a violare la porta di Bonato. L’attaccante di casa entra in area dalla sinistra, salta con irrisoria facilità Fabian e di destro deposita all’angolino e il suo 15° sigillo stagionale.

Bonato tiene a galla il Montebelluna con un prodigioso intervento su conclusione di Peli. In seguito viene annullata una rete a Tomasi per fuorigioco dopo un ottimo spunto di Fasan. È l’episodio che rimette la partita sui binari dell’equilibrio, perché il Montebelluna prende un po’ di fiducia, ma rimane alla mercè delle scorribande offensive del Caldiero. Lasciare campo e iniziativa a Manarin è però una colpa che si paga a caro prezzo. L’ex giocatore della Virtus porta a spasso mezza squadra avversaria e poi serve Peli, controllo e rasoterra all’angolino. Il raddoppio potrebbe chiudere il match ma una disattenzione difensiva del Caldiero lo riapre. Gjoni è bravo nel saltare Andreis, Fasan la mette dentro forte sul primo palo dove spunta Martin che insacca il 2 a 1 trevigiano. È una rete che mette apprensione al Caldiero, ma ci vuole ben altro per mettere i bastoni tra le ruote ad un gruppo di ragazzi del genere. I termali gestiscono il ritorno del Montebelluna e poi dilagano. Da calcio d’angolo perfetto lo schema per il colpo di testa di Jacopo Rossi ben appostato sul secondo palo per il tris. Peli fa il diavolo a quattro sulla destra e suntuoso assist per Zanazzi che sigla il poker gialloverde. Allo scadere Viviani premia il movimento del giovane Tamponi che si gira e scaraventa il quinto pallone alle spalle del povero Bonato. Finisce 5 a 1 ed è festa piena per il Caldiero che conquista per la prima volta nella propria storia l’accesso ai play-off di Serie D. Un’altra pagina di un romanzo che non smette di stupire. Caldiero, sei tra le grandi. Mercoledì il primo turno play-off sul campo dell’Arzignano sarà un premio per l’intero sodalizio termale che si gioca un posto in serie C.

Caldiero-Montebelluna = 5-1
Caldiero Terme: Tebaldi, Bernardinello (22’st Braga), Andreis, Rossi (27’st Rigo), Baldani, Cherubin, Martone (13’st Zanazzi), Viviani, Manarin (40’st Laperni), Peli, Zerbato (39’st Tamponi). (Kuqi, Lerco, Laperni, Bellamoli, Rossignoli). All. Soave.
Montebelluna: Bonato, Zucchini, Zago, Gjoni (29’st Paladin), Fasan, Martin, De Min (1’st Barra, 36’st Lukanovic), Franceschini (20’st Spagnol, Tomasi (39’st D’Arrigo), Fabian. (Rizzotto, Vedova, Baldini, Girardi). All. Bordin
Arbitro: Marchioni di Rieti
Reti: 5’pt Zerbato, 33’pt Peli, 39’pt Martin, 19’st Rossi, 37’st Zanazzi, 49’st Tamponi
Note: Ammoniti: Zucchini, Martone, Barra, Andreis. Recuperi: 1’+5′. Angoli: 6 a 2 per il Caldiero

La redazione di www.pianeta-calcio.it
Ufficio Stampa ASD Calcio Caldiero Terme

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
cielo sereno
22.8 ° C
25.6 °
18.7 °
78 %
1.5kmh
0 %
Mar
22 °
Mer
31 °
Gio
33 °
Ven
34 °
Sab
33 °