Vigasio sotto choc: Mister Colantoni lascia!

1159

Incredibile, ma vero: dopo solo due partite, e l’eliminazione dal 1° turno di Coppa italia, si chiude l’avventura di mister Mario Colantoni a Vigasio. Il tecnico reggino è stato quello che ha riportato, in prima battuta, i “Guerrieri del Tartaro” dall’Eccellenza in serie D – traguardo storicamente ottenuto due estati fa, ma con il ripescaggio al termine della lotteria dei play off – la sera del 25 aprile 2019, battendo all'”Umberto Capone” per 1 a 0 lo sparring partner Caldiero, nel big match della penultima giornata di campionato. “Ho rassegnato le dimissioni che il presidente Cristian Zaffani a tutti i costi non aveva inizialmente voluto accettare” ha commentato a botta calda, subito dopo la decisione presa il coach biancazzurro. Con Zaffani, che non è lo Zamparini del nostro calcio, rimango in ottimi rapporti perché credo che si sia lavorato in più di un anno in maniera corretta, come avviene tra due signori che amano questo sport. L’unica cosa che mi rimprovero, l’unico errore che riconosco di aver commesso è stato quello di aver accettato la riconferma quando avevo avuto sentore di non doverlo fare. Con me, ha deciso di dimettersi anche il mio vice Pippo Perinon!”

Una separazione fulminea, dunque, ma consensuale, quella tra mister Colantoni e il massimo dirigente biancazzurro Cristian Zaffani. Il quale, raggiunto al cellulare nella sua concessionaria, ammette di essere stato sorpreso, per non dire spiazzato, dalla decisione presa dal tecnico calabrese: “Non posso che rispettare la scelta presa da Colantoni, e colgo l’occasione per ringraziarlo, a nome di tutta la società che rappresento, per quello che ha fatto in questi undici mesi di lavoro. Credo che alla base della sua decisione ci sia una diversità di vedute tecniche con alcuni nostri dirigenti. Ora andiamo avanti con una soluzione interna – si vocifera Carletto Salardi, il preparatore dei portieri, ex Lonardi, ndr -, il quale già oggi pomeriggio potrebbe figurare in panchina in occasione della nostra trasferta al “Montindon” di Sant’Ambrogio della Valpolicella”. Il Vigasio, ancora a digiuno di punti dopo i primi 180 minuti di serie D, in compagnia dei triestini del San Luigi (squadra incontrata e battuta in primavera in Coppa Italia di Eccellenza dal Caldiero), si appresta a vivere un altro nuovo corso: in attesa della fumata bianca del nuovo successore, già al vaglio, in riva al Tartaro, dei dirigenti biancazzurri.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata