22.3 C
Verona
venerdì, 5 Giugno 2020
More

    Un giocatore esperto spiega ai giovani perchè devono continuare a giocare…

    “Scrivo queste righe non per risposta al precedente ‘sfogo’ ma per dare un altro punto di vista. Io ho superato i 30 anni ormai, e comincio a ‘scontrarmi’ con l’età che avanza, gli acciacchi che fanno più male e la consapevolezza che comunque questo più che uno sport è stata per me una disciplina di vita. Quando ho cominciato io, come penso valga per molti miei coetanei, spesso e volentieri i primi ‘allenatori’, quelli che avrebbero dovuto aiutarmi in una crescita di gioco, erano i figli dei cugini degli zii di qualcuno, senza la minima competenza di gestione di un gruppo di ragazzini di 8-10 anni e tanto meno senza la minima competenza tecnico-tattica del gioco. Tutto quello che oggi so fare l’ho imparato con il tempo, la dedizione e gli errori che a mio modo di vedere sono i migliori maestri che uno possa avere. Crescendo ho trovato allenatori a volte competenti e a volte meno, allenatori con cui sembravo avere un rapporto che andava al di fuori del gioco, ma che poi invece mi hanno deluso. Ho trovato direttori sportivi e addetti ai lavori che mi hanno illuso, mi hanno addirittura tenuto fermo un anno (un ragazzino di 13 anni) solo perchè volevo cambiare aria, ed ho visto i miei genitori dispiaciuti forse più di me. Ma non ho mollato!”

    “Credo che oggi, nelle nuove generazioni, manchi proprio la mentalità. Oggi, parlando con i miei coetanei ancora in attività, capisco che questa fragilità è uno dei motivi principali del perchè o del per come uno smette così a caso a 20 anni. Potessi averli io 20 anni. Il sabato con la Beretti o Juniores che dir si voglia, domenica prima squadra se ti convocavano (spesso in panchina e con ogni temperatura e clima possibile e immaginabile). Se andava bene giocavi una mezz’ora ed eri felice che gente di 30-35 anni conoscesse il tuo nome o ti facesse sentir parte di quello spogliatoio. Avevamo tutti morose, lavoro, studio, genitori che rompevano, problemi quotidiani… qualcuno riusciva a fare serata in discoteca tra le due partite; e vedo che siamo ancora qua, e spesso a fare anche da chiocce o da ‘assistenti sociali’ ai più giovani, perchè ci teniamo al bene della squadra, che sia Promozione, Prima o Seconda categoria. Se un giorno a caso a 20 anni decidete di mollare, che sia calcio, basket o pallavolo, mollerete sempre nella vita”.

    Un anonimo quasi ex giocatore, per www.pianeta-calcio.it

    © Riproduzione Riservata

    Leggi ancora ...

    pagine visitate
    123.421.193
    visitatori online
    157

    Ultimi articoli

    Mister Matteo Meneghetti saluta l’Olimpica Dossobuono ed è ora pronto a nuove sfide

    E’ pronto ad intraprendere una nuova avventura, nel nostro pianeta dei dilettanti veronesi, mister Matteo Meneghetti che qualche settimana fa ha saluto...

    Mister Alessandro Matrullo: Nel segno di Sarri

    Il calcio è la sua vera grande passione: Alessandro Matrullo, nato a Napoli nel 1976, ha conseguito il patentino Uefa B e...

    Come sarà il calcio dilettante nel post virus.

    Abbiamo chiesto a Dionisio Zamperini, allenatore "esperto" della nostra provincia, di esporre il suo parere sul "Calcio Dilettante" del dopo Covid-19: "Rispondo...

    Il San Zeno riparte dalla riconferma di mister Vasco Guerra

    Cent'anni e non sentirli, i granata del "Piccolo Toro" di San Zeno sono pronti a dare filo da torcere nel prossimo campionato...

    Mister Simone Boron: “Ci aspettano mesi duri per la ripresa del calcio dei dilettanti ma dobbiamo essere fiduciosi”

    E’ sempre nel cuore di tutti gli sportivi della nostra provincia, mister Simone Boron. Per una scelta legata al suo lavoro, che...

    I Nostri Social

    Verona
    poche nuvole
    22.3 ° C
    22.8 °
    22 °
    64 %
    2.6kmh
    20 %
    Ven
    20 °
    Sab
    25 °
    Dom
    22 °
    Lun
    24 °
    Mar
    22 °