Due righe su…: Atletico città di Cerea – Montebello 7-6 (1-1)

1269

L’Atletico Città di Cerea di mister Simone Marocchio, dopo una battaglia estenuante finita ai calci di rigore, batte il Montebello di mister Fiorenzo Bognin e dopo quattro turni di play-off vinti, dovrebbe finalmente approdare in Promozione. Entrambe le formazioni, va detto, meritano ampiamente il passaggio alla categoria superiore; auguriamo quindi anche alla formazione vicentina, infarcita di volti conosciuti nel calcio veronese, di giocare il prossimo anno in Promozione. Il calcio di rigore decisivo, dopo la parata di Pozzani, lo realizza l’avvocato Alberto Corradi, regalando al suo Presidente, l’avvocato Luca Bronzato, la vittoria dei Play-off.

Il Montebello parte fortissimo nel primo tempo, mentre l’Atletico Cerea accusa forse un calo di tensione nervosa, dopo la vittoria sempre ai calci di rigore, ottenuta sette giorni fa contro l’Olimpica Dossobuono. Al 10’ il centravanti Francesco Rovetti, entra in area dalla sinistra e calcia deciso, ma trova la respinta del muro ceretano. Al 12’ risponde l’Atletico Cerea con in tandem Guandalini-Alessandro Boscaro, sul cui cross, non arriva in perfetta coordinazione Marvin Favalli. Al 18’ incredibile palla-gol per il Montebello; sugli sviluppi di un corner, per ben tre volte si vede negare il gol, sui tiri di Rovetti e due volte Vujcic, dalle strepitose parate di Pozzani e da Vicentini che salva sulla linea di porta il tiro finale. Al 24’ Guandalini guadagna un calcio di punizione che egli stesso calcia sulla barriera; un ulteriore segnale che il Cerea non c’è. Al 33’ il Montebello segna con Vujcic che ribatte in rete una strepitosa parata di Pozzani, ma l’arbitro su segnalazione del secondo assistente, annulla per fuorigioco. Al 35’ ci prova Enrico Zanchi (ex Real Monteforte), su passaggio di Vujcic, ma Pozzani para in presa a terra. Al 38’ dopo una bella azione corale, il Montebello passa in vantaggio; la palla giunge allo smarcato Vujcic che mette la palla in rete. L’Atletico Cerea accusa il colpo ed al 43’ ci vuole super Tieni ad anticipare provvidenzialmente il tiro di Alessio Dal Lago (ex Cologna Veneta) lanciato a rete. Il primo tempo si conclude con l’ennesima parata di Michele Pozzani, stavolta sul tiro di Dall’Omo.

Negli spogliatoi mister Marocchio scuote i suoi ragazzi e nella ripresa si vede un altro Cerea. Al 3’ Guandalini si getta caparbiamente alla ricerca di anticipare il portiere Sandri sul retropassaggio di un difensore; l’arbitro ravvede il contatto e decreta il calcio di rigore. Come sette giorni fa, dal dischetto Guandalini manda alto sopra l’incrocio. La gara per l’Atletico Città di Cerea sembra segnata, nonostante l’incitamento costante degli encomiabili ragazzi della curva. Al 10’ nel tentativo di anticipare Favalli, il portiere Sandri tocca con le mani la palla fuori area. Il conseguente calcio di punizione è battuto da Andrea Boscaro il cui fendente rasoterra passa vicino al palo alla destra di Alberto Sandri.

Al 14’ la prima palla-gol per il Cerea; Alessandro Boscaro lavora benne sulla fascia sinistra e poi crossa teso rasoterra. Sulla palla si avventa Favalli il cui tocco attraversa tutto lo specchio della porta e si perde a lato di un niente. Al 22’ il Montebello prova il tiro con il neo entrato Plamadeala, Pozzani para in presa a terra. Al 28’ tra gli applausi scroscianti dei tifosi ceretani, esce Iron man Cristiano Marconcini, 46 dico 46 primavere. Gli subentra Umberto Ambrosi, e qualcuno tra il pubblico grida: “ora la vinciamo!”.
Mister Bognin schiera la difesa a tre, infoltendo il centrocampo con Piero Vidoni ex Cologna Veneta. Al 33’ arriva il sospirato pareggio dell’AtleticoCerea: Guandalini calcia una punizione morbida che scavalca la barriera con palla tra le mani di Sandri che non la trattiene: Marvin Favalli da navigato bomber, si avventa sulla palla e la caccia in rete. Il Pelaloca esplode in un urlo liberatorio. Al 39’ Vicentini commette un fallo apparso involontario e l’arbitro lo ammonisce; Vicentini protesta e riceve il rosso, apparso assolutamente eccessivo. Le squadre accusano la stanchezza; al 45 Andrea Boscaro anticipa provvidenzialmente il tiro di Vidoni lanciato a rete. Finisce il tempo regolamentare e si passa ai supplementari.

Il Cerea stringe i denti, Mattia Visentini è in panca ad onor di firma, ma indisponibile; Zonzini subentrato a Peroni esce infortunato anch’egli. Il Montebello prova ad approfittarne, vista la superiorità numerica. Al 8’ p.t.s, esce Alessandro Boscaro ed entra Alberto Corradi, un difensore con l’intento di proteggersi da parte di mister Marocchio. Al 10’ p.t.s., Plamadeala fa tutto da solo, scarta si accentra e poi calcia alto sopra la traversa. Nel secondo tempo supplementare, al 5’ lo stesso giocatore esplode un gran tiro da fuori area che Pozzani respinge con i pugni. Al 10’, Ambrosi calcia una punizione con palla scodellata in area sulla quale Guandalini prova la deviazione in spaccata, mancata d’un soffio.

Si va ai calci di rigore. Parte il Montebello con Plamadeala che fa centro. Risponde il Cerea con Guandalini. Poi tocca a capitan Gabriele Confente (ex Isola Rizza) ed è gol. Risponde Favalli che mette in rete. Francesco Lissandrini, figlio di mister Maurizio, realizza il terzo rigore per il Montebello. Ambrosi realizza per il Cerea. Per il Montebello fa centro Sebastiano Foletto con palla sotto l’incrocio, risponde il Cerea con Tieni. Sul dischetto si presenta Nathan Onyejiaka, e la mette dentro. Tocca ora a Leonardo Tavella; c’è un po’ di apprensione ma il giovane classe ’94 fa centro. Per il Montebello va sul dischetto Alessio Dal Lago, uno degli uomini di maggior esperienza per mister Bognin; ma Michele Pozzani ne ha da vendere di esperienza e stavolta compie l’ennesimo miracolo di una stagione meravigliosa e para il tiro. Tocca ora all’avvocato Alberto Corradi, ex Nogara tra le altre; l’avvocato vince la causa ed il Pelaloca esplode in tutta la sua gioia. I giocatori si abbracciano e corrono sotto la curva. Il Montebello riceve i complimenti di tutti, anche del pubblico avverso, ed un’altra pagina di storia si chiude.

Atletico Città di Cerea – Montebello 1-1 (7-6 dopo calci di rigore)
Atletico Città di Cerea: Pozzani, Andrea Boscaro, Marconcini (28’st Ambrosi), Ghisi, Tieni, Vicentini, Alessandro Boscaro (8’s.t.s. Corradi), De Berti (7’st Tavella), Favalli, Guandalini, Peroni (7’st Zonzini, 38’st Rossato). A disposizione: Patuzzo, Visentini, Soave e Giammarino. All. Marocchio.
Montebello: Sandri, Meneghetti (ex Belfiorese), Lissandrini, Confente, Pertile (ex Bevilacqua), Dal Lago, Dall’Omo (15’p.t.s. Onyejiaka), Zanchi (30’st Vidoni), Rovetti, Rebbas (11’st.s. Foletto Sebastiano), Vujcic (20’st Plamadeala). A disposizione: Priante, Portinari, Zuccon, Rossin e Massimo Foletto. All. Bognin.
Arbitro: Andrea Cavasin di Castelfranco
Assistenti: 1° Alberto callovi di San Donà di Piave, 2° Paolo Fiorese di Bassano del Grappa.
Reti: 38’pt Vujcic (M), 33’st Favalli (At.C)
Rigori: Plamadeala gol, Guandalini gol, Confente gol, Favalli gol, Lissandrini gol, Ambrosi gol, Foletto gol, Tieni gol, Onyejiaka gol, Tavellagol, Dal Lago parato, Corradi gol.

Antonio Dal Molin per www.pianeta-calcio.it