Il Verona International torna a respirare l’aria della Seconda categoria

624

E’ stato un campionato, il girone A di Terza categoria, dove il Borgo Trento del presidente Paolo Padovani ha chiuso meritatamente al primo posto. Gli uomini di mister Andrea Lunardi, sorretti dal direttore sportivo Alberto Tommasoni, l’anima dei gialloblu del Borgo Trento, hanno sfoderato grinta da vendere, riuscendo, con 47 punti, tre in più dell’inseguitrice Verona International del presidente Alban Saraci, ad ottenere in anticipo la promozione diretta in 2^ categoria. Insomma è stata una bella lotta, dove anche Pieve San Floriano con 42 punti, il Lessinia con 41 e il Crazy con 39 punti, non hanno certo sfigurato.

Il Verona International è una società giovane che è nata nel 2016 grazie al formidabile duo albanese formato dal presidente Alban Saraci e mister Gentjan Cani, i quali sono le anime di questo formidabile gruppo formato da tanti giocatori di svariate nazionalità. Tutti uniti nel fondere la propria cultura e il proprio credo calcistico in un unico progetto all’insegna dell’amicizia e del divertimento. Il Verona International del diesse Julian Cani ha guadagnato il biglietto per salire l’anno prossimo in Seconda categoria dopo aver vinto i play off battendo al 1° turno per 5 a 0 il Crazy e liquidando 2 a 1 al 2° turno il Lessinia di mister Antonio Donatiello. “E’ stato un campionato esaltante – dice il presidente Alban Saraci -, un anno per noi durissimo con tanto lavoro ed impegno. Abbiamo costruito un gruppo forte per poter vincere ed essere promossi, e ci siamo riusciti, anche se in seconda battuta. Siamo una società fresca ed ambiziosa che ha fatto un grande lavoro di gruppo. Un grande grazie a tutti ragazzi che non si sono mai risparmiati impegnandosi sempre sul campo. I meriti vanno soprattutto a loro”.

Raggiante mister Gentjan Cani che è anche il vice presidente del sodalizio rossonero (Spartak Mbrati è quello onorario), che ha deciso l’anno prossimo di prendersi il classico anno sabbatico lontano dal calcio: “Non è mai facile arrivare con la testa lucida e concentrata fino alla fine del campionato ed affrontare poi il nuovo mini torneo dei play off giocandoci una stagione in due gare. Abbiamo avuto vari problemi che abbiamo risolto alla grande. Ci sono mancati diversi giocatori, alcuni sono arrivati ed altri se ne sono andati via nel corso della stagione. Ci può stare, pensate che nelle ultime due partite dei play off avevamo solo 14 ragazzi in lista, non uno di più”.

Ha sempre lottato per salire di categoria mister Cani prima all’Edera Veronetta e poi al Verona International, mentre l’anno scorso, con quest’ultima divisa rossonera, è stata una stagione di assestamento. Il Verona International quest’anno ha invece espresso con sagacia le proprie qualità. 42 gol segnati in campionato, 20 in meno del Lessinia che è stato il miglior attacco del girone A. Non male la difesa, terza per gol subiti, soli 28, quattro in più della Pieve San Floriano e sette in più del Borgo Trento che è stata la miglior difesa del campionato. La punta rossonera Mirand Biba con i suoi 14 gol ha provato ad infastidire la coppia formata da Paolo Bicego (Lessinia) e Riccardo Gasparato della Pieve San Floriano che sono stati i capo cannonieri del girone con 19 gol. Bravo anche Arsid Ndini autore di 9 gol con la casacca del Verona International.

Mister Cani salutandoci ci dice: “Abbiamo fatto un buon campionato lottando alla pari con Borgo Trento, Pieve S.Floriano e Lessinia che ci hanno dato battaglia con molta grinta tutto l’anno. Dentro la testa e nella mente dei miei genitori c’era un bellissimo sogno che alla fine si è avverato. Ringrazio tutti i giocatori, nessuno escluso, un forte abbraccio all’amico Saraci, al presidente onorario Spartak Mbrati, al segretario Raffaele Cassa, al direttore sportivo Julian Cani e al vice allenatore Roberto Rizzo. Con tutti loro sono stato benissimo ma ora è giunto il momento per me di prendermi una pausa”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it