L’italia femminile approda ai quarti di finale ai mondiali di Francia

110

Vola l’Italia del C.T. Milena Bertolini, che negli ottavi del Mondiale di calcio femminile batte, con determinazione e coraggio, un ostica Cina con due reti di buona fattura. Il primo gol è stato siglato da Valentina Giacinti che al 15′ del primo tempo, dopo un azione convulsa, partita da una sua incursione dalla destra con assist per la compagna di squadra Bonansea che mette in mezzo per la Bartoli che viene murata dall’attento portiere cinese che respinge proprio sui piedi di Aurora Giacinti che mette con rapidità la sfera in rete. Il secondo gol arriva nella ripresa dalla neo entrata Aurora Galli, centrocampista juventina, che al 4′ riceve palla dalla Guagni e da circa 30 metri prende la mira e lascia partire una forte rasoiata che si infila nell’angolino basso dove il portiere Peng non può arrivare. Poi la partita va via liscia come l’olio, la Cina è stordita e non riesce a rendersi pericolosa come vorrebbe. C’è anche spazio al 30′ per l’esordio di Martina Rosucci, sempre della Juve, dopo lunghi mesi di sofferenza per la rottura del crociato. Sul finire Giacinti fa ancora venire i brividi al portiere cinese Peng che para da campione. L’Italia ha conquistato così l’approdo ai quarti per la seconda volta nella sua storia mondiale, dopo quello del 1991. Ora aspetta con trepidazione la gara di sabato 29 alle ore 15 a Valenciennes contro l’Olanda che ieri ha battuto 2 a 1 il Giappone.

Milena Bartolini a fine gara ha detto: “E’ un risultato incredibile ottenuto dopo una partita difficile, forse non giocata benissimo, ma abbiamo ottenuto il passaggio del turno che era quello che più contava. Oggi non c’è stato un bel gioco, ma le ragazze hanno dato tutto e sono state ciniche. Ci siamo fatte un regalo bellissimo, stiamo facendo grandi cose e abbiamo bisogno del calore degli italiani, più si va avanti e più il livello sale”. Il C.T. delle azzurre Milena Bertolini è nata a Correggio il 24 giugno 1966, lo stesso paese che ha dato i natali al celebre cantante Ligabue. Vanta, assieme a Carolina Morace, oggi allenatore del Milan, anche il titolo per allenare una squadra di serie A maschile. Ha giocato come difensore centrale vestendo le casacche di Prato, Woman Sassari, Bologna, Agliana, Monza, Modena, Pisa e Foroni Verona. Intraprendendo proprio alla Foroni la carriera di allenatore, come vice, nella stagione 2001-2002. L’anno successivo, invece, ha guidato con maestria la prima squadra, prima di passare alla Reggiana ed al Brescia. Dal 4 agosto 2017 guida l’Italia femminile subentrando allo scudettato juventino Antonio Cabrini, il quale lascia la Figc dopo 5 stagioni.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata