18.3 C
Verona
giovedì, 6 Ottobre 2022

Addio, Manuel, “Gigante buono”!

Il nostro calcio dilettantistico perde Manuel Vallicella, classe 1987, stopper cresciuto nelle giovanili del Caldiero, con un paio di stagioni vissute anche nel vivaio dell’Hellas Verona. Manuel era da qualche anno uscito dal nostro circolo, in cui aveva brillato diventandone una dei maggiori interpreti, nello Zevio della presidentessa Emanuela Cantù, affranta dal dolore dell’improvvisa scomparsa del suo “corazziere”. Lo conoscevamo anche dietro le luci sfavillanti, a cui ha dimostrato di non resistere, di “Uomini e donne “, facendoci, dopo un’intervista sostenuta in treno, di ritorno dagli studi televisivi, togliere quel dialogo, che puntava anche a svelare il suo io più profondo, segnato da una profonda, inguaribile malinconia. Lo avevamo anche segnalato al Valdalpone, dove aveva giocato con l’amico da una vita, bomber Emilio Brunazzi, con il quale condivideva, oltre al calcio, anche la passione per i tatuaggi, di cui era diventato un vero professionista nell’applicazione ad altri appassionati di questo vezzo, di questa moda. Manuel era un gran timido, il classico gigante, tutto muscoli e tatuaggi, che teneva a nascondere una forte timidezza, dalla quale trapelava un amore viscerale verso la madre, perduta qualche anno fa.

Una malinconica tristezza gli velava volto, cuore e animo: una volta il suo mister di quel magnifico Zevio di Promozione, l’ex scudetto dell’Hellas Verona, Gigi Sacchetti, visto che il suo centrale difensivo stava conducendo un campionato al di sopra delle righe, lo avvertì che alcuni osservatori di grandi club sarebbero venuti a vederlo, e, lui, invece, incappo in una giornata infelice. Forse, anche il ricorso a tanti tatuaggi hanno voluto fargli da barriera a un puro, a un ragazzo pulito che non si trovava più d’accordo con un mondo troppo spietato che circonda, in cui la prima cosa che davvero conta è apparire, possedere denaro, e non invece essere sempre e semplicemente se stessi. Ci lascerai sempre tatuato nel nostro cuore, Manuel, il tuo ricordo di “Gigante buono” e di inimitabile corazziere della difesa. Ma, si vede che lassù ne mancava uno bravo e forte come te, e, allora, tu ti sei reso subito disponibile! Un abbraccio forte forte, come le tue muscolose braccia, da tutti gli sportivi che hanno un cuore, buona partita, lassù, dove non esistono né vincitori né vinti, ma solo anime belle e giuste!

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Notizie dai network

Leggi altro ...

Ultimi articoli

Verona
cielo sereno
18.3 ° C
19.2 °
16.2 °
72 %
1.5kmh
0 %
Gio
18 °
Ven
24 °
Sab
23 °
Dom
19 °
Lun
19 °

I nostri social