10.8 C
Verona
mercoledì, 12 Maggio 2021

Lorenzo Pinamonte: “Il mio sogno è quello di fare l’allenatore”

Lorenzo Pinamonte ha un sogno nel cassetto, quello di fare l’allenatore nel mondo dei nostri dilettanti veronesi. siamo in tempi di pandemia da Corona Virus, ma quando sarà possibile si iscriverà al corso allenatori, come lui stesso ci racconta: “Ad ottobre dell’anno scorso, prima che il virus interrompesse tutti i campionati dei dilettanti, facevo il vice l’allenatore della prima squadra del Garda del presidente Vittorino Zampini dove c’è un gruppo di ragazzi fantastici. Stavamo lottando per coronare il nostro sogno salvezza. Poi sappiamo tutti come è andata a finire ma ci rifaremo nella prossima stagione 2021-22”. Ma come è nata la tua voglia di frequentare il corso? “Il calcio giocato mi ha dato tantissimo ed ora poter allenare mi intriga parecchio. Così, consigliato da diversi amici, mi sono detto perchè non ottenere il patentino da allenatore? E’ un percorso che voglio intraprendere prossimamente studiando con serietà e misurandomi con tematiche che per il sottoscritto non sono certo nuove, visto la mia grande esperienza maturata da calciatore”.

A maggio, Lorenzo Pinamonte compirà 43 anni, sicuramente ben portati grazie al suo fisico statuario. Lui è sicuro di poter ancora dare tantissimo al calcio veronese. Ha anche un grande cuore el “Pina” visto che è volontario della protezione civile di Garda ed assieme ad un gruppo di amici aiuta distribuendo pacchi alimentari alle famiglie bisognose del territorio: “Fare del bene al servizio del prossimo è sempre bello. Non bisogna mai dimenticare che ci sono persone meno fortunate di noi. La protezione civile si impegna quotidianamente per aiutare con forza ed entusiasmo chi vive un periodo di grande difficoltà sociale”. Nel corso della sua carriera da giocatore Pinamonte ha vestito le maglie di numerose compagini inglesi come Bristol City, Carlisle, Brighton, Brentford, Leyton Orient e poi ha anche viaggiato in lungo e largo nel nostro paese giocando in varie squadre della serie C con fierezza e lasciando il suo segno a suon di reti a Castel di Sangro, Arezzo, Novara, Benevento, Lumezzane e Brindisi. “Ovunque sono stato ho sempre cercato di dare il massimo di me stesso. Sono stato in squadre dove sono cresciuto come giocatore e come uomo e in piazze importanti che volevano lasciare il segno nel mondo del calcio. Tutte esperienze comunque importanti ed avvincenti, non ce n’è stata una più interessante dell’altra”. Ma ora è tempo di voltare pagina, il corso allenatori l’aspetta!

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
nubi sparse
10.8 ° C
15 °
3.3 °
82 %
2.6kmh
75 %
Mer
18 °
Gio
17 °
Ven
17 °
Sab
18 °
Dom
20 °