30.4 C
Verona
giovedì, 11 Agosto 2022

Niccolò Quarella non vede l’ora di indossare la sua nuova maglia gialloblù del Caprino

E’ pronto per la sua nuova avventura, alla corte dell’ambizioso Caprino del presidente Lino Maestrello, il centrocampista classe 1993 Niccolò Quarella. Per lui il calcio è passione e voglia di dimostrare, con applicazione ed umiltà, il proprio valore. Dotato di piedi buoni e capace di costruire con intelligenza il gioco della propria squadra, a Niccolò piace fare quadrato per inseguire assieme ai compagni di squadra un sogno da toccare con mano. Nicolò, dopo alcuni anni di militanza nel Casteldazzano, quest’anno ha lasciato i biancorossi della presidentessa Nicoletta Braga. “E’ un sodalizio – dice Nicolò – che porta avanti con attenzione le proprie idee e che vuole fare calcio divertendo alzando pian piano l’asticella anno dopo anno. Ognuno di noi è sempre alla ricerca di nuovi traguardi e di nuove mete. Dopo due anni con il Casteldazzano, dove abbiamo conquistato due lusinghieri secondi posti nel campionato di 1^ categoria, ho deciso di iniziare un nuovo percorso cercando di avvicinarmi il più possibile a casa, a Pescantina. Dopo aver vagliato alcune proposte che mi sono arrivate, ho deciso di accettare quella del Caprino e di voltare pagina”.

Che tipo di ambiente hai trovato a Caprino? “C’è molto entusiasmo, cosa che non deve mai mancare! Poi è da poco arrivata la conferma del ripescaggio in Seconda categoria che è stata la classifica ciliegina sulla torta che mancava. Ho notato, da parte della dirigenza gialloblù, tanta fame di vittorie. Mi ha colpito il carisma del presidente Lino Maistrello e di suo fratello Davide che due anni fa, con un gruppo di amici, hanno rifondato la società. Ci sono tutti gli ingredienti giusti per fare bene anche in Seconda categoria. Ritrovo mister Massimiliano Nigro (che guiderà la prima squadra gialloblù) che mi aveva già allenato in passato. Noi giocatori dobbiamo farci trovare pronti e darci tutti da fare perché il girone “A” di Seconda categoria è davvero tosto, troveremo delle avversarie agguerrite che vorranno dire la loro. Noi dobbiamo lavorare duro già dal 10 di agosto, quando inizierà la nostra preparazione. Francamente io non vedo l’ora di indossare la mia nuova casacca gialloblù del Caprino”.

Che cosa ti ha dato il calcio dei nostri dilettanti? “Sinceramente tanto! A parte gli infortuni che mi sono capitati. Mi sono rotto un crociato e sono stato fermo un anno ma non ho mai perso la voglia di giocare, io sono uno che non molla mai. Non ho mai voluto arrendermi davanti alle difficoltà, ho sempre cercato di rialzarmi quanto prima e di far tesoro degli errori commessi. Nel nostro piccolo calcio conta molto fare gruppo per costruire uno spogliatoio solido. I risultati arrivano solo dopo che hai lavorato, assieme ai compagni, con il massimo impegno durante la settimana. Senza mordente e grande umiltà non si va da nessuna parte, credetemi”.

Sei partito dalle giovanile del Pescantina, poi hai indossato le divise di Lugagnano, Parona, Caselle, Pastrengo, Pescantina, San Zeno, Peschiera, Team San Lorenzo e Casteldazzano. Quali sono gli allenatori che porti ancora nel cuore? “Tieni presente che ogni allenatore predica la sua idea di calcio e giustamente tiene sempre in primo piano il suo credo. E’ la cosa che mi ha sempre intrigato, vedere il diverso modo di interpretare il calcio dei vari allenatori che ho avuto. Se devo proprio fare dei nomi ti dico Marco Magagnotti, ai tempi del Peschiera, Massimiliano Nigro (al Team S.Lorenzo) e Vasco Guerra ai tempi del San Zeno del mitico presidente Gianfranco Casale”. In che ruolo ti identifichi maggiormente? “Faccio all’occorrenza tutti i ruoli del centrocampo, mi metto sempre a disposizione delle esigenze del mister e della squadra. Mi piacevano da matti le giocate di Andrea Pirlo, aveva un modo di scendere in campo che era sempre da protagonista, giocatore incredibile e di grande di personalità”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
poche nuvole
30.4 ° C
31.4 °
29.5 °
26 %
1.5kmh
20 %
Gio
31 °
Ven
29 °
Sab
30 °
Dom
34 °
Lun
34 °