30.4 C
Verona
giovedì, 11 Agosto 2022

Per il diesse Paolo Tedesco il GSP Vigo 1944 ha costruito un gruppo importante

Dopo essere stata rimandata a causa di un’improvvisa tromba d’aria abbattutasi nel retro della chiesa Parrocchiale “San Martino Vescovo” (spazio gentilmente concesso dal parroco don Luciano, originario di Bevilacqua, padre spirituale della stessa scuderia calcistica vighese e primo sostenitore), il GSP Vigo 1944 ha dimostrato lo stesso nerbo del suo “Presidentissimo” (perché al suo 23° anno consecutivo sul massimo gradino!), l’ex salottiere, originario della padovana Saletto, Raimondo De Angeli. Il quale, nel suo discorso alla Nazione, rivolto a volontari, giocatori nuovi e riconfermati e ai dirigenti dei bianco-granata del club della frazione di Legnago, ha confessato che, terminato il non soddisfacente campionato 2022-23, è stato a più riprese tentato di lasciare quel sodalizio che – come ha avuto modo di ricordare nel suo discorso il vice-presidente Giuseppe Manara – senza la sua guida, sarebbe un porto senza faro, peggio, non esisterebbe nemmeno più.

Un’altra “colonna” del GSP Vigo 1944, l’ing. Bruno Tagliaferro, ha detto che a ridargli la forza di non desistere è stato il nuovo diesse, il classe 1961, Paolo Tedesco da Veronella, da una vita nei dilettanti, ultimamente vice di mister Mirko Dalle Ave all’U.S. Provese. Tedesco, il quale ha chiamato con tutto il fiato nei polmoni il gruppo caratterizzato da 16 atleti riconfermati e infarcito di 3 giocatori provenienti dall’Est veronese o da altre scuderie – l’immarcescibile quanto forte “panzer” ex Badia Polesine, Erjon Dervishi (1983), ultimamente con la casacca dei mantovani del Sermide; poi, la punta 1998 Luigi Pagliccia, ex Abbazia, club polesano, il collega di reparto Enrik Kuwi, classe 2002, giunto dal Colognola ai Colli, e Hicham Elrahaouti, classe 2000, ex S.Giovanni Ilarione -, ebbene, ha quasi “richiamato” il nuovo gruppo a profondere il massimo dell’impegno ed a essere prima gruppo che formazione.

“Sono qui sia per il grande amore che nutro per il calcio sia perché sono di Vigo. Sogno di fare qualcosa di importante per il mio paese e quello che andrà a iniziare il 28 di agosto, con i triangolari del 1° turno eliminatorio del Trofeo Veneto di Seconda categoria, lo si può considerare l’anno-zero oppure anno della rinascita del GSP Vigo 1944. Sono state intense settimane di contrattazioni, affiancato dall’esperienza del validissimo Antonio Ciocca, e alla fine crediamo di aver allestito una squadra che potrà dire la sua. I giocatori che sono stati aggiunti ai tanti riconfermati sono ragazzi che hanno voglia di riscattarsi, alla pari di tutta la piazza vighese!” Ed anche in quest’ottica è caduta la scelta su un mister nuovo, ma di provata conoscenza calcistica: Gianmatteo Malagnini, classe 1969, bomber tra i più longevi nel nostro calcio, trainer la scorsa stagione del Cà degli Oppi.

“Volevo anch’io” confessa il mister e supertifoso del Liverpool, padre di Davide, classe 2004 passato al Vigasio di Eccellenza e di bomber Matteo, classe 2002, riconfermato nell’Isola Rizza Roverchiara “concedermi una pausa, ma quando mi ha chiesto di incontrarmi il presidente De Angeli, mi ha convinto le sue parole ed eccomi di nuovo motivato. Voglio che voi ragazzi veniate al campo motivati, per il piacere di giocare e di stare assieme, e non che il calcio diventi o sia un peso per tutti voi. Non è l’allenatore che vince le gare, ma voi giocatori!” Presenti, per la FIGC-LND, il presidente della delegazione scaligera, il vigasiano Claudio Prando e il supervisore delle Rappresentative giovanili del C.R.V. FIGC-LND, il ceretano Mario Furlan. “In 2^ categoria sono previste 252 squadre, suddivise in 18 gironi da 14 concorrenti ciascuno. Ammiro la 2^ categoria perché è guidata da presidenti coraggiosi e sorretta da un volontariato encomiabile: senza queste tipologie di persone, non esisterebbero compagini in tale categoria. La stagione si aprirà con la Coppa Veneto il 28 agosto, con le altre 2 gare previste il 4 e 11 settembre. Essendoci nel Veronese 45-50 squadre, a voi toccherà di affrontare un girone con limitate trasferte e quindi pregne di tanti ed esaltanti derby della Bassa”.

Per l’ex stopper del Padova di serie C, il milanista Furlan, “il C.R.V. FIGC-LNd annovera ben 110 mila giocatori tesserati, il cui 70% è costituito da elementi provenienti dal Settore Giovanile e il 35% da dilettanti. Questo significa che, riconfermandosi il Veneto seconda regione italiana più ricca di giocatori e società, ed oltretutto al vertice di vittorie da parte delle sue Selezioni, significa che la piattaforma, la vera linfa della nostra Nazionale parla il dialetto veneto”. GSP Vigo 1944, il quale si sorregge su un volontariato gratuito e su preziosi sponsor, quali Alter (di Sandro Muschio, ex presidente dell’Angiari), su Santinello Metalmeccanica con azienda in Zai a Villa Bartolomea, sul Panificio Stefano Pasqualini, con opificio a Vigo di Legnago. Recentemente, si è aggiunto un importante sponsor della padovana Rubano, esperta nell’economizzazione di luce e di altre fonti considerate per gli italiani spese primarie.

Anche il Consiglio Direttivo del GSP Vigo 1944 ha registrato nuovi dirigenti ed alcune figure femminili, nuova linfa per la continuità esistenziale e per la sicurezza della programmazione della stessa società. Ottimo il risotto con seppie e gamberetti cucinato dall’ex orologiaio di Porto di Legnago, il cuoco abitante oggi a Vigo, ma di origini ferraresi, Sergio Polmonari, coadiuvato dalla moglie Francesca. Poi, affettati, con fette di melone e canederli alla trentina, infine, gelato, servito con tanto amore da Francesca De Angeli, figlia del presidente, con vicino la splendida Ginevra.

Questa la “rosa” 2022-23 del Gsp Vigo 1944:
Portieri: Filippo Caldonazzo (2000), Filippo Lucchini (2002) e Raffaele Diegoli (1981).
Difensori: Giacomo Bonadiman (93), Giacomo Dosso (92), Antonio Ciocca (84), Amelio Spektra (90), Samuele Barini (2000), Jalal Moudik (98, ex SSD ValdalponeRoncà), Sarkaria Anakhbir Sing (2000), Edoardo Emprio (2001).
Centrocampisti: Moustapha Khoziba, Nicola Tedesco (95), Cristian Zanini (93), Umberto Ambrosi (93), Valerio Cesare (92), Hicham Elrhaouti (2000, ex S.Giovanni Ilarione) e Anas Graich (2000).
Attaccanti: Luigi Pagliccia (98, dall’Abbazia Polesine), Erjon Dervishi (83, dal Sermide Mantovano), Enrik Kuwi (2002, dal Colognola ai Colli), Davide Ferrigato (95), Alessio Righetti (2000).
Quadri Dirigenziali del Gsp Vigo 1944:
Presidente : Raimondo De Angeli.
Vice-Presidente: Giuseppe Manara.
Diesse: Paolo Tedesco.
Segretario: Daniele Cappellari.
Team Manager: Ing. Bruno Tagliaferro.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
poche nuvole
30.4 ° C
31.4 °
29.5 °
26 %
1.5kmh
20 %
Gio
31 °
Ven
29 °
Sab
30 °
Dom
34 °
Lun
34 °