Archivio: PRIMA PAGINA

4/10/15
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI SERIE D (GIR. C e D) – 6^ GIORNATA

MISTER FRESCO PESCA IL JOLLY, VESENTINI REGALA LA VITTORIA ALLA VIRTUS IN CASA DELL'ABANO (1-2). IL LEGNAGO PAREGGIA CON L'ARZIGNANOCHIAMPO (1-1), STESSO RISULTATO PER IL VILLAFRANCA CHE SEGNA AL 91°.

La Virtus Vecomp è corsara sul campo dell'Abano e si rilancia in classifica al 4° posto solitario del girone C di serie D. Dopo un primo tempo privo di emozioni chiuso sullo 0 a 0 e con le squadre che cercano di non farsi del male, nella ripresa la gara inizia con molto più brio ed aggressività da parte di entrambe le squadre che si giocano la gara a viso aperto. Ci prova subito la Virtus Vecomp, prima con Cernigoi e poi con Verdun, ma Ruzzarin, giovane portiere dell'Abano, fa buona guardia e sventa le insidie rossoblù. L'Abano ci prova pure lui con due sortite infruttuose, ma, alla terza, sorprende la retroguardia rossoblu con Munarini che infila di precisione l'1-0 all'11' del secondo tempo.

Gigi Fresco risponde quasi subito con una sostituzione, a riposo Verdun e fa entrare Alba per ottenere maggior ritmo nelle ripartenze e nelle azioni d'attacco. Ma senza risultato, manca un bomber che chiuda le azioni sottoporta perchè Mensah e Cernigoi sono supercontrollati dalla difesa nero-verde. Gigi Fresco si gioca così la carta Michele Vesentini, un bomber davvero incontenibile lo scorso anno in Promozione con la Polisportiva Virtus (capocannoniere del girone con 20 reti) ma poco utilizzato quest'anno e bisognoso di trovare il gol per far decollare la sua fiducia.

Michele Vesentini entra in campo sorretto dagli incoraggiamenti dei compagni che credono in lui. L'attaccante di mister Gigi Fresco cambia il volto della gara, segnando ad una manciata di minuti dallo scadere la rete del pareggio grazie ad una bella azione di Cristian Pedrinelli che gli smista un pallone in area invitante che lui riesce riesce a depositare in rete. fra il tripudio dei rossoblù che raccolgono tre punti insperati a 5 minuti dalla fine.

Il bomber si è poi ripetuto due minuti dopo, nel recupero e quando tutti si aspettavano ormai la fine della gara: Cernigoi riceve un pallone al limite, potrebbe tentare la bordata ma passa la palla a Vesentini, il quale spara in porta incrociando il tiro sul quale il portiere locale non ci può arrivare. Finisce 2 a 1 per la Virtus Vecomp, si torna a Verona da vincitori, con i rossoblù che raccolgono tre punti insperati fino a 5 minuti dalla fine.

Insomma un pari che fa fatto arrabbiare tutti. l'Arzignano Chiampo riteneva di aver perso due punti e il Legnago, in dieci uomini per tutta la ripresa, che voleva ottenere l'impresa con la vittoria.

Il Legnago pareggia 1 a 1 e si porta in classifica al 5° posto del girone D di serie D con 9 punti e in buona compagnia. Legnago con l'allenatore in seconda Mario Loro in panchina per la squalifica di mister Andrea Orecchia. La partita vede dopo 8' l'Arzignano passare in vantaggio: cross dalla sinistra di Fracaro, Trinchieri lascia scorrere il pallone per lo smarcatissimo Roveretto e l'ex Virtus fulmina Cybulko. Il Legnago cerca di reagire e si rende pericoloso più volte. Al 46' netto fallo in area di Bragagnolo su Viviani. E' rigore? No! Viviani protesta ed è ammonito per la seconda volta e viene espulso.

Nella ripresa gli ospiti partono forte e al quarto d'ora di gioco l'Arzignano fallisce lo 0 a 2 che avrebbe chiuso la gara con Pozza. Il Legnago, scampato il pericolo, innesta una marcia in più. Cerca il gol Zanimacchia con un tiro da fuori e al 20' arriva il meritato pareggio: capitan Friggi manda un pallone a campanile in area e Andrea Tessari, che ha giocato con un casco protettivo per la ferita riportata nella partita di Coppa, inzucca in gol. Il Legnago insiste e potrebbe andare in vantaggio, ma l'assist di Friggi per Broso è deviato sopra la traversa. Ormai è il Legnago padrone e al 35' Broso tocca a Zanimacchia che tira alto. Poi un brivido per un gol di testa dell'ex Trinchieri che l'arbitro annulla perchè vede la bandierina dell'assistente alzata per fuori gioco. Al 90' Zerbato salta due avversari e serve Adriano che non aggancia, finisce 1 a 1.

Sempre nel girone D, la Virtus Castelfranco si mangia le mani per aver gettato al vento tre punti ormai quasi sicuri contro un mai domo Villafranca di mister Sauro Frutti che trova un insperato gol del 1 a 1 proprio allo scadere dell'incontro grazie a Capitan Avanzi che regala ai blaugrana del presidente Mirko Cordioli un punto preziosissimo per la classifica ma soprattutto per l morale. Un buon pareggio, quello ottenuto ieri dai blaugrana del diggì Mauro Cannoletta in terra Emiliana, contro una buona squadra ora a 6 punti nel gruppone di centro classifica.

Parte in attacco il Villafranca che nei primi minuti, con Fochesato, impegna il portiere locale che con una spettacolare parata acrobatica che mantiene inviolata la porta emiliana. La partita prosegue con occasioni da entrambe le parti, anche se non decisive. Si arriva così alla ripresa con il Villafranca che appare più pericoloso, ma, al 22° minuto, su un calcio di punizione, il Castelfranco passa in vantaggio con il colpo di testa di Vinci. Dopo un attimo di smarrimento, i veronesi ospiti riprendeno coraggio e reagiscono con veemenza. Doppia sostituzione di mister Frutti per cercare di cambiare l'inerzia della gara: entrano Cecco e Viviani e il pareggio arriva meritatamente a pochi secondi dalla fine, grazie al bel gol di Avanzi su assist di Cecco.  Villafranca sempre ultimo ma in compagnia di tre squadre e che si è lamentato della terna arbitrale che ne combinate, a detta dei blaugrana, una per colore. Il Villafranca ritornerà in campo sabato 10 ottobre alle ore 15.00 contro il Legnago, nell'anticipo del derby tutto veronese che si giocherà al comunale di via Porta di Villafranca.

tratto dagli addetti stampa delle società - www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1998