Archivio: PRIMA PAGINA

7/4/19
IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI 1^ CATEGORIA (GIR. A) - 28^ GIORNATA

LA VICE-REGINA PGS CONCORDIA VIENE FALCIATA DALL’A.C. LUGAGNANO (1-3), CHE LO RINCORRE A -3. BOMBER D’ALEO (VALPOLICELLA) NEGA LA VITTORIA ALL’OLIMPICA DOSSOBUONO, “DINAMITE” BEGNONI IMPALLINA IL PESCHIERA, “EL PEDE” DI BOMBER AMBRA VINCE A LUGO. RINCORSA SANZENATE A QUADERNI E ARBIZZANESE AL “GUGLIELMI”, TRIS SECCO CAPRINESE AI CROZZINI, “POKER” SECCO PESCANTINESE AL CALMASINO QUASI SPACCIATO.
 
Un girone, quello contrassegnato dalla lettera alfabetica “A”, di Prima categoria, che ha da dire qualcosa solo nei piazzamenti play off: il SuperPescantina di mister Gianni Canovo e del presidente Lucio Alfuso maltratta, con un “poker” ruvido (al bersaglio: il mozzecanese Simone Bonetti, Victor Landry Ama…l’altro come te stesso, Cristian Carigi e Sospetti), il “fanalino di coda” Calmasino di mister Ivo Castellani, ora solo soletto all’ultimo posto con 27 punti, 4 in meno della coppia a 31 punti formata da Valpolicella e Parona.
 
Parona di mister “Sir Alex Ferguson” Flavio “baffo” Marai, che al “Bertani” impallina, 1 a 0, mattatore il solito “Dinamite” Daniele Begnoni con una bordata su punizione, il Peschiera di mister Diego Dal Dosso, portando ora a -4 la distanza tra i “bianco-verdi all’Adige” e gli arilicensi. I quali domenica prossima 14 aprile se la dovranno vedere, a Fumane, con quel Valpolicella del mister ed antiquario Gianluca Marastoni, uscito indenne (2 a 2) al “Luigi Ciresa” di Dossobuono, in casa dell’Olimpica guidata da Matteo “Trap” Meneghetti (in rete i giallo-rossi Andrea Fasoli, classe 1991, ex CastelnuovoSandrà, e il 2000 (nato il 6 di agosto) Bruno Pascarella, autori tutti e due dell’illusorio sorpasso del gol prima realizzato dal difensore 1991 Daniele Resenterra, imitato, costui, dal gol-pareggio definitivo timbrato dal tottiano Mario D’Aleo, classe 1983.
 
Ma, l’impresa, se vogliamo proprio chiamarla così, la compie l’A.C. Lugagnano di mister Massimo Gasparato, il quale si reca al “Manuel Fiorito” per fare la voce grossa (1 a 3): colpaccio consumato, ratto, dopo che erano stati i bianco-viola di mister Luca Righetti a passare per primi con il centrocampista 1986 Michele Martini. Per i giallo e blu del “vecchio, caro, Lugagnano”, l’hanno cacciata in fondo al sacco due volte Cornel Petru, una volta, invece, il 1993 Andrea Montresor.
 
A Caprino, chiara vittoria (3 a 0) della Montebaldina del mister ed imprenditore Salvatore Piccinato: la vittima era una delle più illustri, l’U.S. Croz Zai di “Gattopardo” Doriano Pigatto, risalita dai fondali della bassa classifica grazie a un filotto di una mezza dozzina di vittorie consecutive. Per i caprinesi, in gol ci vanno a turno l’ex gardesano Davide Zeni (1997), il difensore 1998 Luca Frezza e il “leone del Maghreb”, Mohammed Rkaiba, capocciata dell’attaccante classe 1989, preciso, determinante e puntuale come ispiratore e freddo come materiale esecutore, come terminale ultimo.
 
Su rigore, trasformato nel cuore della ripresa, è il 1989 arbizzanese Matteo “Alberto” Tomba a far pareggiare i conti (1 a 1) ai giallo e blu valpolicellesi del trainer lupatotino Massimiliano Canovo, al “Guglielmi”, in casa del Real Lugagnano non più guidato da mister Fabio Di Nicola (esonerato dopo la sconfitta a San Zeno); passato in vantaggio grazie all’avocato Filippo Mazzi, che da fuori area uccella l’estremo difensore Pighi.
 
In Postumia, termina senza vincitori né vinti (1 a 1) anche tra Pol. Quaderni e A.C. San Zeno Vr: in vantaggio i nero-verdi di casa di mister Nicola Chieppe grazie all'ex Team S.Lucia Marco Secchi, puntuale alla deviazione su corner, poi, pari definitivo a cura del granata sanzenate – in forza a mister Vasco “Rossi” Guerra – Alberto Galliazzo.
 
Infine, sul sintetico del “Lonardoni”, passa il Pedemonte, del duo Stefano Modena-Giorgia Brenzan, per 2 a 3. Inutili le reti per il Real GrezzanoLugo di mister “Zaccheroni” Antonio Ferronato realizzate da “taglio”…Cesareo Angelo (15-12-2000) e dal difensore datato 1987 Matteo Antonelli: infatti, il Pedemonte della Famiglia “vini Farina” riluce della forza di Ambra (doppia, anche su rigore, per il 1992 Marco) e del colpo definitivo impresso dal centrocampista 1991 Damiano Marchesini.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:2029