Archivio: ULTIM’ORA

18/4/19
DARFO BOARIO E LEGNAGO SI ANNULLANO SULLO 0 A 0

UN PAREGGIO PER IL LEGNAGO CHE SCENDE IN ZONA PLAY OUT. SE FINISSE ADESSO IL 1° TURNO PLAY OUT SAREBBE LEGNAGO- AMBROSIANA. MA PUÒ SUCCEDERE ANCORA DI TUTTO, LA SALVEZZA DIRETTA E' LI AD UN SOLO PUNTO.

Tutti gratis in tribuna a Darfo Boario per la partita fra i locali e il Legnago, una partita che le due squadre volevano vincere per migliorare la classifica ed evitare i play out. E’ arrivato invece un nulla di fatto e la vittoria dello Scanzorosciate, ora a 33 punti, fa scendere il Legnago in zona play out. Adesso la gara play out sarebbe disputata a Legnago fra i biancazzurri di mister Andrea Pagan e l’Ambrosiana di Tommaso Chiecchi. A due giornate dal termine tutto può accadere, la salvezza diretta potrebbe essere conquistata dal Legnago conquistando due vittorie. Ormai retrocessa matematicamente in Eccellenza l’Olginatese, dopo 18 anni consecutivi in serie D, il calendario nelle ultime due giornate  propone le seguenti gare:

Ciserano 23 punti: Ciserano-Seregno e Ambrosiana-Ciserano
Ambrosiana 27 punti: Olginatese- Ambrosiana e Ambrosiana-Ciserano
Villafranca 29 punti: Pontisola-Villafranca e Villafranca-Mantova
Darfo Boario 32 punti: Pro Sesto-Darfo e Darfo-Pontisola
Legnago 32 punti: Legnago-Caronnese e Sondrio-Legnago
Scanzorosciate 33 punti: Villa d’Almè-Scanzorosciate e Scanzorosciate-Olginatese

In tribuna il presidente Venturato, il vice Berlini, l’amministratore delegato Michelazzi, il socio Passarini e una decina di tifosi del calcio club Radioscarpa. Mister Pagan, rispetto alla formazione schierata inizialmente contro il Villafranca, inserisce Marin, Bruni e Cocuzza. Indisponibili Sandrini, Gulinatti e Marchesini. Pagan, che siede in panchina con Mario Pretto e il secondo Mattiazzo, ha come riserve il portiere Colella, Turatto, Porcaro, Taylor, Mantovani, Darraji, Lotfi, Peinado e Miatton.

Al 12’ cross in area neroverde di Marin, il portiere Romeda anticipa Bruni. Al 22’ Darfo pericoloso con Spampatti, spesso in veste di rifinitore, che serve Sinigaglia, ma la difesa del Legnago recupera. Al 42’  grande palla-gol per il Legnago: Kouame si trova tutto solo al limite, ma non tira rasoterra e il suo tiro alto è deviato in angolo dal portiere bresciano.

Nella ripresa subito dopo solo un minuto un errore Di Dionisio innesca Spampatti che serve Sinigaglia, bravo Cuoco a deviare in angolo. Batte il corner  Forlani e Zanardini non inquadra la porta. Al 3’ De Gregorio cerca il gol a sorpresa, ma il tiro è sballato. Al 6’ Spampatti è mangiarsi un gol. All’11° Diego Vita, poco servito ieri, conclude a rete, ma il muro neroverde ribatte le sue due consecutive conclusioni. Al 13’ azione Bruni-Marin-Cocuzza con debole incornata. Al 19’ Bruni in area bresciana è anticipato dal portiere in uscita. Brivido per il Legnago al 25°: Parrino svirgola un pallone e rimette in gioco Sinigallia sul quale rimedia Orchi col pallone che esce a lato. Il Legnago inserisce Peinado al posto di Cocuzza e Mantovani al posto di Marin, ma il risultato non cambia.

Non è stata una bella partita con molti errori da una parte e dall'altra. Per il Legnago quattro giorni di riposo. Gli allenamenti riprenderanno martedì pomeriggio sul campo di San Pietro. Domenica al “Sandrini” arriva la Caronnese e per i biancazzurri è d'obbligo vincere per continuare a sperare nella salvezza diretta.

Negli spogliatoi a fine gara i due allenatori, Alex Bonetti e Andrea Pagan, dicono che il risultato finale sarebbe potuto essere diverso. Così Andrea Pagan: “Partita difficile e complicata, dispiace per le occasioni di Bruni e Kouame avute nel primo tempo. Bravi nel primo tempo ma nella ripresa siamo stati un po’ condizionati dalla paura di perdere. Nelle ultime due gare, contro la Caronnese a Legnago e a Sondrio, bisogna fare 6 punti, per cercare di evitare i play out.” Mario Pretto, direttore generale del Legnago, aggiunge: "Partita giocata con attenzione in fase difensiva, clamorosa la palla-gol sprecata da  Kouame.” Il presidente Davide Venturato dice: “Il Legnago è stato un po’ meglio del Darfo, Kouame ha fallito una grossa occasione per far gol, peccato!” Alex Sonetti, mister dei bresciani, dice:” Il Darfo si è dimostrato di aver imboccato la strada giusta come atteggiamento, ci stava anche la vittoria nostra.”

Darfo Boario (3-5-2): Romeda, Fattori (36’st Baccanelli), Monteleone, Dadson, Lebran, Mondini, Filippi (31’ Minessi), Zanardini,  Spampatti, Sinigaglia (25’ st Baccanelli), Forlani. All. Alex Bonetti
Legnago Salus (4-3-3): Cuoco, Dabo, De Gregorio, Marin (39’st Mantovani), Orchi, Parrino, Bruni, Di Dionisio, Cocuzza (21’st Peinado), Kouame, Vita. All. Andrea Pagan 
Arbitro: Gandino di Alessandria
Note: Ammoniti Marin, Dabo, Filippi ,Mondini. Angoli 4-1 Recuperi 0 e 4

Aldo Navarro per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:244