19.8 C
Verona
martedì, 2 Giugno 2020
More

    Per Faella (Casaleone) potrebbero nascere collaborazioni tra società vicine

    Anche per il massimo dirigente dell’ASD Casaleone 1956, Marco Faella, le giornate di quarantena per combattere e contenere il Coronavirus trascorrono lentamente, molto lentamente. “Non saprei proprio cosa dirti, non so se ce la faremo a chiudere il campionato; allo stato attuale, direi proprio di no. Dal punto di vista medico è vero che stiamo assistendo, per via dei restringimenti chiesti dal Ministero della Salute e dal Governo, a dei buoni cali di contagio, ma, chi poi, terminata questa “guerra” si prenderà la responsabilità – e mi riferisco alle Amministrazioni locali – di riaprire un impianto sportivo, un teatro, una sagra, una palestra, curando la loro disinfestazione? Si espone a responsabilità penali di non poco conto”.

    Si sono giocate ufficialmente 22 gare di campionato: bastano per tirare dei verdetti finali? “Le classifiche, così come si sono fermate da domenica sera 16 febbraio, hanno espresso graduatorie più di merito, che di valori. Una qualsiasi decisione che verrà presa dal Parlamentino di Marghera lascerà di sicuro l’amaro in bocca a qualcuno, lascerà qualche società con il cerino in mano. Non saprei come stilare classifiche con ancora 24 punti in palio: noi eravamo in piena lotta per un posto di play off”. Che scenario si presenterà, una volta terminata questa drammatica battaglia contro il Coronavirus? “Mi auguro che tra le società dal campanile vicino sorgano fattive collaborazioni al fine di creare poli calcistici più grandi: questo, affinchè il calcio territoriale, comunale, di quartiere non possa sparire. Gli sponsor, di sicuro, ci daranno meno aiuti di prima perché le aziende che subiranno cali di profitti e di fatturati, a causa dello stop per il Coronavirus, dirotteranno la liquidità per far ripartire la ditta o per salvaguardare il posto di lavoro di chi, già occupato, ha famiglia, figli da crescere”.

    Ed ancora il presidente dei “casaleoncini della Bassa veronese”: “Le società dilettantistiche faranno di necessità virtù, guarderanno la disponibilità che resterà nelle loro casse, la quale sarà certamente inferiore a quella degli anni precedenti. I giocatori saranno costretti ad accontentarsi di quello che il convento proporrà di passare e di riconoscere a loro, dovranno mettersi in testa che esisteranno delle sensibili restrizioni a livello di rimborso-spese. Si farà con meno, non resta altra via di uscita!”

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

    © Riproduzione Riservata

    Leggi ancora ...

    pagine visitate
    123.396.859
    visitatori online
    163

    Ultimi articoli

    Raimondo De Angeli (Vigo): “Lasciati soli e con costi proibitivi per i protocolli sanitari”

    Per il presidente del G.S.P. Vigo 1944, Raimondo De Angeli finora gli addetti ai lavori del nostro calcio, dai massimi dirigenti ai...

    Iniziano i giochi. Ecco le prime “bombe” di calcio mercato

    Cominciamo a segnalare le prime "bombe" di uno dei mercati più strani degli ultimi anni. E, seguendo la logica sia del buon...

    La Polisportiva Pedemonte del presidente Alberto Fedrigo conferma mister Antonio Ferronato

    Compie quest’anno 25 anni di vita la Polisportiva Pedemonte guidata con maestria dal presidente Alberto Fedrigo. Gli danno una mano oltre agli...

    Mister Matteo Fattori ha voglia di tornare ad allenare

    Dopo un anno fermo ai box, mister Matteo Fattori vuole tornare in pista. Dopo aver guidato il Garda e il Bardolino, due...

    Matteo Manganotti (Unione La Rocca Altavilla) potrebbe tornare nel veronese

    Matteo Manganotti, ex Primavera del Verona e giocatore con più presenze nella nuova storia dell’Unione La Rocca Altavilla, si racconta a Pianeta-Calcio...

    I Nostri Social

    Verona
    poche nuvole
    19.8 ° C
    20.6 °
    18.9 °
    56 %
    1.5kmh
    13 %
    Mar
    26 °
    Mer
    24 °
    Gio
    20 °
    Ven
    22 °
    Sab
    22 °