16.2 C
Verona
lunedì, 1 Giugno 2020
More

    Gabriele Ferrari (Olimpia Ponte Crencano): “Si è creato troppo panico!”

    E’ una situazione strana, particolare, quella che si è creata dopo i casi di Corona Virus, che neanche il vice-presidente dell’Olimpia Ponte Crencano Gabriele Ferrari ha mai vissuto fino ad ora: “E’ una situazione, che apre scenari che non si riescono neanche ad immaginare come saranno. Una settimana solo di stop sarebbe troppo poco per gestire l’evento causato dal coronavirus: cosa serve? E’ solo servita per creare un gran panico, una grande paura e poi? Bisognerebbe che la nostra “quarantena calcistica” durasse un mese, anche, se adottando questa misura, i campionati finirebbero. Si è così voluto scoperchiare un vaso di Pandora di cui non conosci il contenuto e fino a quando durerà o continuerà a riversare le proprie conseguenze”.

    Non è piaciuto il balletto no-agli allenamenti, sì agli allenamenti: “Mi metto nei panni di chi esercita certe responsabilità, è difficile prendere certe decisioni in tempi brevi e in simili situazioni, dettate da troppa emotività, scrupolo di coscienza ed eccesso di prudenza. Ma, la vedo, la situazione, come al solito, gestita all’italiana: presa una decisione, convinta che sia la più idonea, necessaria, poi, ci si accorge di aver commesso un danno irrecuperabile, madornale. Oggi, secondo me, siamo nel pieno sviluppo del virus, siamo sul filo di lana quanto a numero di contagiati e zone rosse di contagio. Viviamo in una situazione sospesa. Confido che si riprenda a giocare l’8 marzo, ma, i problemi veri del nostro Paese sono altri: il lavoro, la quotidianità, e prima di tutto, ovviamente, la salute di tutti”.

    Giocare a porte chiuse, alla pari dei professionisti? “Noi, possiamo contare, al massimo, su un centinaio di spettatori che si distribuiscono su 200 mq circa di perimetro: bisogna proprio che il contagio uno di questi vada a cercarselo! Cambia, voglio dire, ben poco! Così come sono convinto che lo stop non vada a falsificare i verdetti finali perché il problema dell’auto gestione dei giocatori rappresenta uno sforzo ulteriore per tutte le nostre società. I valori delle categorie sono quelli, difficilmente scadono o sono suscettibili a modifiche o scadimenti”.

    Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

    © Riproduzione Riservata

    Leggi ancora ...

    pagine visitate
    123.389.113
    visitatori online
    9

    Ultimi articoli

    Per Roberto Praga (Pozzo) il top sarebbe annullare il campionato

    "Sono molto sereno" confessa il geometra Roberto Praga, presidente dell'A.S.D. Pozzo 1961 "anche perché i verdetti li conosceremo, con ogni probabilità, dopo...

    L’Asd Parona del presidente Enrico Guardini sta programmando il futuro. Sarà ancora con mister Marzio Menegotti?

    Al suo primo anno al Parona, reduce dalla bella salvezza ottenuta l’anno scorso in Seconda categoria con il Valdadige del presidente Michele...

    Ennio Fedrigoli (Pol. La Vetta): “La nostra speranza è quella di restare in 2^ categoria!”

    Ennio Fedrigoli, classe 1952, informatico, è una sorta di "memoria storica" della Pol. La Vetta di Domegliara: è dirigente dal 1985, presidente...

    Marco Burato è il nuovo mister dell’Albaronco!

    Classe 1962, di professione bancario, Marco Burato da Belfiore d'Adige è il nuovo mister dell'U.S. Albaronco del direttore generale Alessandro Romio. L'accordo...

    Il Garda del presidente Zampini passa nelle mani di mister Davide Zomer

    E’ pronto a ripartire con la programmazione della stagione 2020-2021, il Garda del presidente Vittorino Zampini, che sarà ancora ai nastri di...

    I Nostri Social

    Verona
    cielo sereno