Archivio: ULTIM’ORA

14/4/19
AL LEGNAGO IL DERBY COL VILLAFRANCA (2-1)

I BIANCAZZURRI VINCONO IL DERBY CON I BLAUGRANA CHE SEMBRANO DESTINATI AI PLAY OUT. IL LEGNAGO, A QUOTA 31, GIOCA GIOVEDÌ A DARFO BOARIO, ANCH’ESSO A QUOTA 31. SAREBBERO NECESSARI I 3 PUNTI PER NON RISCHIARE IL SORPASSO DELLO SCANZOROSCIATE CHE AFFRONTA IL CISERANO.

Il Legnago da quanto è tornato in serie D ha vinto tre volte il derby con il Villafranca: il 6 febbraio 2011 con il gol di Deinite, l’11 febbraio 2016 con una rete di Zanimacchia, che ora gioca in serie C con la Juventus under 23 e domenica con una doppietta di un ex, Diego Vita, che ha anche colpito un palo. Il Legnago era passato in vantaggio con Vita al 7’ ma due minuti dopo Pellacani con un bolide da 35 metri aveva ristabilito l’equilibrio. Nella ripresa a una ventina di minuti dal termine il secondo gol di Vita su calcio di rigore per un fallo di mano con espulsione di Avanzi. E’ stato un derby combattuto fino al 95’ con il Villafranca che pur in inferiorità numerica si è gettato alla disperata ricerca del pareggio mentre il Legnago era impegnatissimo ad evitare di essere raggiunto. Il Legnago con questa vittoria aggancia il sest’ultimo posto a quota 31 punti alla pari con il Darfo Boario, sconfitto ieri a Mantova con un tennistico 6 a 0. Fosse finito adesso il Legnago sarebbe salvo perché in vantaggio con il Darfo Boario battuto nell’andata a Legnago per 2 a 0. Ma giovedì si gioca un Darfo Boario-Legnago, altro scontro diretto per la salvezza che puà cambiare la classifica.

Il derby con il Villafranca era delicatissimo: il Legnago doveva vincere per scavalcare in classifica i bluamaranto e guadagnare posizioni in classifica, il Villafranca dopo tre gare con un solo punto sperava in un colpaccio per inguaiare i rivali. In tribuna anche la sindaca di Legnago Clara Scapin. Il Legnago in una giornata bigia e ventosa dopo la pioggerella mattutina si presenta con novità rispetto alla formazione sconfitta a Seregno: trovano una maglia di titolare Di Dionisio, Darraji e Mantovani. Assenti Sandrini in tribuna infortunato ad un polpaccio e Gulinatti a casa. In panchina con Colella ci  sono Marchesini, Porcaro, Taylor, Marin, Bruni, Ibe, Cocuzza e Miatton. Nel Villafranca torna fra i pali l’ex Legnago Martello per un infortunio dell’ultimora di Rossi. In panchina con mister Facci ci sono Quintarelli, Amoh, Andreis, Turrini, Zoppi, Dentale, Pape, l’ex Matei e Amorosino.

La gara inizia con un Legnago spavaldo, anche Di Dionisio in area ospite alla ricerca del gol che arriva al 7’. Traversone da fondo campo di De Gregorio con assist di testa di Peinado per Vita che batte Martello. Nell’esultanza dei giocatori locali viene esposta una maglietta d’incoraggiamento per il centrocampista Alessio Gulinatti con la dicitura: “Forza Gullo, ti aspettiamo.” Passano due minuti ed è pareggio: Fittà tocca corto una punizione e Filippo  Pellacani da 35 metri mette nel sette. Il Legnago sugli sviluppi di un angolo è pericoloso con Vita che incorna alto. Al 18’ Villafranca in area biancazzurra, Bortignon da sotto misura passa… a Cuoco. Poco dopo Vita da centro area conclude alto. Al 36’ Bortignon non inquadra la porta del Legnago.

Nella ripresa Vita crossa in area ospite, la difesa ribatte e De Gregorio conclude altissimo. Al 7’ Elefante tira, ma fuori, imitato da Fittà. I grattacapi per la difesa del Villafranca sono sempre di Vita che al 14’ s’inventa un gran tiro che sembra gol, ma il palo sostituisce Martello. Il difensore del Legnago Dabo devia in angolo un’offensiva ospite. La gara si decide al 26’ protagonista ancora Vita che crossa in area e Avanzi devia con la mano una conclusione di testa ravvicinata. Rigore ed espulsione del capitano. Dagli undici metri Diego Vita non perdona e realizza il  gol numero undici in maglia biancazzurra. Il Legnago, che ha inserito Ibe e Marin, resiste al Villafranca che ha effettuato quattro innesti, Pape, Andreis, Turrini e Dentale. I 5 minuti di recupero non cambiano il risultato anche se il Villafranca spinge e i tifosi locali attendono con ansia il fischio finale. Il Legnago festeggia la migliore posizione in classifica che è salvezza diretta, a metà con il Darfo prossimo avversario giovedì. 

Negli spogliatoi mister Andrea Pagan è contento: ”Un successo che per la prima volta ci mette fuori dalla zona play out, ma dobbiamo pensare subito alla gara di giovedì a Darfo Boario, un altro play out anticipato.” Così il d.g. Mario Pretto: ”Partita da tripla vinta più con il cuore che con la tecnica contro un avversario deciso a vendere cara la pelle.” Così il mister ospite Alberto Facci: ”Un derby deciso da un episodio, un rigore, non meritavamo di perdere.” Giovedì, oltre a Darfo Boario-Legnago, è in programma uno Scanzorosciate con 30 punti, contro il Ciserano (23 punti) penultimo in classifica in zona retrocessione diretta.

Legnago Salus (4-3-3): Cuoco, Dabo, De Gregorio, Marin, Di Dionisio, Orchi, Parrino, Darraji, Kouame (16’st Ibe), Peinado, Mantovani (18’st Marin), Vita. All. Pagan 
Villafranca (4-3-3): Martello, Guerrini (44’st Dentale), Avanzi, Pellacani, Foroni, Tanaglia (39’st Andreis), Porcelli, Bortignon, Bertoli, Fittà (39’st Turrini), Elefante (19’st Pape). All. Facci
Arbitro: Marco Gullotta di Siracusa
Reti: 7’pt Vita, 9’pt Pellacani; 26’st Vita (rigore)
Note: Spettatori 300 circa. Ammoniti Peinado, Dabo, Tanaglia, Pape, Guerrini. Espulso Avanzi, Angoli 3-3 Recuperi 2’ e 5’

Aldo Navarro per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:308