Archivio: ULTIM’ORA

25/10/18
LORENZO BARALDI (OLIMPICA DOSSOBUONO): "POSSIAMO RISALIRE!"

E’ al suo secondo anno in maglia giallorossa, l’attaccante classe 1989 Lorenzo Baraldi. La sua storia calcistica nella della Prima squadra dell’Olimpica Dossobuono continua imperterrita con slancio ed entusiasmo. Domenica scorsa, nella sfida giocata in “Busa” contro i granata del San Zeno, la formazione allenata da Matteo Meneghetti ha portato a casa la sua prima vittoria in campionato. Risultato finale 3 a 0 per Baraldi e soci grazie alle reti di Pigatto nel primo tempo, e di Marangon e Gandolfi nella ripresa. Tre punti importanti per far invertire la rotta ed abbandonare in fretta l'attuale penultimo posto a 6 punti e proprio in coabitazione con il San Zeno di mister Vasco Guerra che nelle ultime ore ha sostituito Pierluigi Troccoli sulla panca granata. Ha fatto peggio di loro, dopo sette incontri di campionato, solo il Croz Zai, fanalino di coda con cinque punti.

"Vogliamo d’ora in poi mettere la freccia - confessa il simpatico Lorenzo Baraldi, “beccato” telefonicamente durante una piccola pausa dal suo lavoro -, quando tutto ci gira come dovrebbe, non c’è ne davvero per nessuno. Il San Zeno ha provato a metterci in difficoltà, ma noi abbiamo giocato una partita accorta ed attenta tirando fuori il meglio di noi stessi".

In vetta da solo con 18 punti c'è il PescantinaSettimo, squadra neopromossa ma impreziosita da una rosa molto consistente, specialmente in attacco, con la terribile coppia formata da Stefano Bonato e Simone Bonetti, ben supportata dal guizzante brasileiro Filisbinho, che quando mette il turbo fa davvero paura ai portieri avversari. Dietro ai rossoblu di due punti c’è il Quaderni, formazione ben strutturata quest’estate con acquisti mirati. Ma attenzione anche al Parona, squadra di temperamento che sbaglia poco.

Domenica prossima al “Galdino Pinarolli Stadium” ci sarà lo scontro al vertice, tra Pescantina e Quaderni, vietato a chi soffre di cuore. "Un campionato che deve, a mio parere, - dice Lorenzo - ancora parlare chiaro. Onore e merito al PescantinaSettimo ed al Quaderni, ma chi è in testa deve temere chi insegue. Parona, Calmasino, Arbizzano e Concordia, a mio giudizio, non stanno facendo male. Il nostro girone A di Prima categoria è molto equilibrato. La classifica ogni mese potrebbe cambiare quindi bisogna ogni domenica stare con su con le orecchie e non abbassare mai la guardia".

Non lo preoccupa l’attuale classifica del suo Dossobuono. Sa che lavorando sodo e prestando attenzione ad ogni dettaglio, le cose possono cambiare in fretta. "Francamente, e non è una scusante, abbiamo finora pagato diverse assenze importanti, tra le quali anche la mia, visto che sono reduce da un noioso infortunio muscolare. Quest’anno la società ha voluto puntare sui giovani e ne sono arrivati tanti e davvero bravi dal settore giovanile, i quali sono stati uniti a giocatori un po' più esperti. Dobbiamo ancora trovare la giusta quadratura del cerchio. Siamo ambiziosi al punto giusto, ed abbiamo giocato sempre alla pari contro ogni avversario. Vediamo ora di non spegnere più la luce che contro il San Zeno è stata accesa veramente".

Tante le maglie indossate da Baraldi prima dell'Olimpica, Alba Borgo Roma per ben sette stagioni in Promozione, Polisportiva Virtus, Team Santa Lucia e San Zeno. Con le sue fiammate improvvise Lorenzo ha sempre fatto la sua ottima figura, segnando molte reti di pregevole fattura. "Si sa, ogni giocatore, nel corso degli anni, aumenta sempre il proprio bagaglio di esperienza. Conosci meglio te stesso e cresci nella qualità delle giocate e nella testa. Io credo di aver fatto in questa maniera. Voglio rendere grande l’Olimpica Dossobuono, dove mi trovo molto bene, a suon di gol. Se inanelliamo un buon filotto di vittorie, nelle prossime sfide, possiamo tornare anche noi tra le prime posizioni".

Lorenzo spende delle belle parole su mister Matteo Meneghetti, al suo primo anno con la divisa giallorossa. "E’ una persona squisita, con un serbatoio pieno di energia e di grinta. Ti carica nella maniera migliore e pretende il giusto da tutti noi giocatori. Cura in maniera maniacale ogni dettaglio e ne sa tantissimo di calcio. Tutti insieme, credendoci, possiamo dare la svolta al nostro campionato".

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

Visualizzazioni:1008