Fumata bianca all’Albaredo calcio, il nuovo mister biancazzurro è Riccardo Adami

867

Dopo le dimissioni a sorpresa rassegnate da mister Manuel Cuccu, l’Albaredo calcio del presidente Andrea Rizzi e del d.g. Daniele Piasere si è subito messo alla ricerca del nuovo condottiero biancazzurro che avrà il compito di continuare il buon cammino fin qui fatto da mister Cuccu che prima delle ultime due sconfitte non aveva mai perso in campionato. Il diesse Mauro Prando si è messo al lavoro ed ha subito trovato il sostituto, come lui stesso ci dice:“Il nostro nuovo mister è Riccardo Adami, ex Casteldazzano, che ieri sera ha già diretto il suo primo allenamento, ritrovando alcuni suoi ex giocatori come, Maccachero, Ferrasin, Giardino e Prati, con i quali ha portato il Casteldazzano in Prima categoria lo scorso anno. Adesso ripartiamo da dove abbiamo lasciato con gli stessi intenti di inizio campionato. Questa squadra può ottenere la promozione in Prima categoria e finchè la matematica non ci esclude proveremo a recuperare. E’ ovvio che il Bevilacqua, se continua così, è assolutamente imprendibile, una squadra che fa 46 punti du 48 disponibili è una cosa rara da vedere. Se però avrà una flessione, un momento di difficoltà, noi dobbiamo farci trovare pronti”.

La corsa incontrastata del Bevilacqua vi ha sorpreso? “E’ una squadra che ha un buon allenatore, Antonio Marini, e un gruppo ben collaudato, non ha giocatori di grosso nome ma tuttavia l’insieme si sta dimostrando molto valido. Mi piace molto il trequartista Fabio Olivieri e l’ex Montagnana Mamadou Fall Bara, autore di 19 reti in 16 partite. Le partite con le dirette concorrenti le ha vinte sempre di misura quindi non è detto che nel ritorno le cose non possano cambiare. Ora noi dobbiamo riprendere a vincere e a crederci, anche perchè nel ritorno abbiamo tutti gli scontri diretti in casa e il campionato è ancora lungo e pieno di insidie. Finchè c’è speranza noi lotteremo per il titolo, di sicuro vogliamo un posto ai play-off.”

la redazione di www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata