30.7 C
Verona
giovedì, 30 Giugno 2022

Il punto sulla Seconda categoria: 19^ giornata

Nel girone "A" la Pol. Consolini allunga a +2 sull'Academy, Cedri "spremuti" dalla Juventina. Lepanto, nel "B", sempre in...Alpo, vincono tutte le big. Nel "C", il Venera sgambetta l'ancora capolista Borgoprimomaggio perché l'Aurora Marchesino non luccica. Nel "D", Bonavigo a +13 sulla Spes Pojana finita al tappeto.

La Pol. Consolini mantiene la vetta del girone “A” a quota 38 punti, abbattendo la Pol. La Vetta. Sembra un gioco di parole, ma è invece una realtà, piacevole per chi fa l’andatura – i ragazzi di mister Luca Ponzini -, spiacevole per chi è stata costretta a subirla (per la 16ma volta in questo campionato). Costermanesi, che soltanto nella ripresa affidano il loro pugnale al 1997 Davide Zeni, e non deve essere stata una passeggiata il trionfo degli attuali capolisti sui domegliaresi di mister Maurizio Zanferrari, “fanalino di coda”, a sole 2 watt di lucore. Pol. Consolini a 38, Academy Pescantina di mister Alberto Pizzini a 36 e con le unghie mangiate per non essere andato oltre l’1 a 1 casalingo contro la rispettabile compagine del Calmasino Calcio di mister “baffo” Mario Marai, quinta a 31 punti. Entrambe la marcature sono maturate nella ripresa: Camparsi per gli “accademici” pescantinesi, Budic, inve, per i “bianco-verdi della frazione di Bardolino” e del presidente Corrado Benati. Crolla, in casa sua, il Colà Villa dei Cedri, “spremuto” – 1 a 2 – dalla Juventina Valpantena (ora 6^ a 29) di mister Bonomi, e i “credini” restano così al 3° posto a quota 34. La doppietta del bianco-nero poianese Mahdi Hamich (1999) impallina quelli del Colà guidati dal lacisiense Raffaele Pachera. Al quale resta in mano il cerino dell’unico gol segnato da Zamboni. 4° a 33 punti, il Lazise dello skipper Andrea Urbenti, il quale avrà sudato le proverbiali sette camicie per aver ragione – 3 a 2 – e al suo “Comunale” di via Strada delle Greghe del Sant’Anna d’Alfaedo di capitan Damiano Tommasi e del “falconiere” “Satana” Davide Campostrini. Per i lacisiensi vanno alla mèta “Stadio” Marassi, l’avanti 1997 Valentino Urbenti e Buio; per i bianco-granata di Sant’Anna d’Alfaedo, invece, l’ex lughese, il classe 2002 Matteo Cipriani e il 1998 Davide Ronconi.

Al velodromo di San Lorenzo di Pescantina, sfreccia più veloce il velocipede del rinato F.C. Valdadige di mister Mazzucchi: 0 a 1 e ad avere ragione dei pescantinesi di mister Adriano Zampini è il valdadigino 1993 Raffaele Gandini, ex Cavaion, freddo e preciso dalla lunetta ingessata di bianco. Al “Comunale” Brigaldara di San Pietro in Cariano, la Pieve San Floriano di mister Matteo Zanotti piega, 3 a 2, il braccio della resistenza oppostogli dall’Ausonia Sona United del coach Christian Campagnari (in rete e in effimera rimonta con Guessab e con Davide Bianchedi, difensore classe 1991, ex Burecorrubbio. Per i pievani del massimo dirigente Loriano Gasparato segnano il 1999 Matteo Gandini, Riccardo Gasparato (1997), costui, firmatario di una importante quanto fantastica doppietta! Al “Comunale” di via Pigna, a Gargagnago, finisce 1 a 1 tra i “tricolori della Valpolicella” di mister Stefano Modena…Brennero e Giorgia Brenzan e il BureCorrubbio del collega della panca Nicola Martini. Il 1998 Daniele Salzani per i burecorrubbiesi nel primo tempo, nella ripresa il 1993 ed ex Valpolicella Calcio Matteo Ferrari pareggia per i padroni di casa del presidente Stefano Sartori e del segretario Domenico Procura…vittorie.

Nel girone “B”, giornata di sorrisi per tutte e 4 le big del raggruppamento. Quindi, nessun scossone al vertice, rappresentato ancora a 41 punti dall’Alpo Lepanto di mister Massimiliano Signoretto, e tallonato a 39 dalla Dorial di mister Isacco “Newton” Marostica. Terzo e da una lunga collana di risultati utili consecutivi (vittorie a gogò comprese) il SommaCustoza del leccese Antonio “Conte” Sperani, classe 1957, con a sua volta sul collo l’alito emesso dal Pizzoletta della famiglia Maragna (Moreno il presidente, Matteo il diesse). L’Alpo Lepanto va a vincere extralarge, 0 a 3, al “Benali-Bonomi” di San Massimo, in casa del Real di mister Roberto Albertini, rimasto al palo dei 31 punti e al sest’ultimo posto. I “cecchini” dei giallo-verdi alpesi si chiamano: Enrico Piazzi, classe 2001, e Mourad Bouakou, classe 1999, autore, costui, di una splendida doppietta. Sul proprio terreno di La Rizza di Villafranca, la Dorial supera, con quel tanto che basta per incamerare i 3 punti, e cioé 1 a 0, la Gabetti Valeggio del mister e trattore (di ristorante, non di un Landini) Luca Carletti. Mattatore? Il solito “Pulcinella” “Brighella” Pascarella. Bruno, duemillenario, ex Olimpica Dossobuono.

A Sommacampagna, prosegue la marcia trionfale a suon di un incessante rullìo di tamburi dei sommacustozani sguinzagliati da mister Sperani: 3 a 0 secco, urticante, rifilato all’U.S. Cadore di mister Massimo Zito. Francesco Greco (1999), l’ex lugagnanese nonché 2001 Thomas Scamperle, quindi, non poteva mancare l’autografo impresso alla sfera di cuoio da parte di bomber Nicolò Bolla (1983). In rione Saval, spettacolare 3 a 4 per il Pizzoletta, il quale non può concedere sconti né saldi a nessuno, pena perdere all’orizzonte la vista-scudetto. Per i “pronipoti del Magico Pollo Miglioranza”, vanno a bersaglio il 1990 Amine El Saib, bomber Marco Secchi (doppia per il 1992, ex casellino) e un altro ex Caselle, il 1985 Marco Romanini. Per i giallo-rossi “Ragazzi della via…Pal-Saval” di mister Edgar Fasola Genovesi, invece, hanno fatto “bingoooo!” il 1993 Alberto Mazzacani, il 1999 Gioele Franco e il 1999, nonché ex Atletico Squarà, Alessandro Uderzo.

Al “Busani”, in borgo Milano, i “leoni rosso-verdi” della San Marco di mister “Fergusson” Emanuele Battocchio vengono catturati, 1 a 2, dai “lupi della Lessinia” di mister Massimo Burato. I quali si portano a 20 punti ed agganciano la Gabetti Valeggio. Nicolò Salmaso (1987), ex aretino e plurilaureato, e il più giovane di lui di un giusto decennio Filippo Fiorentini esultano per i trionfatori. Il solo Duemila Edward Chukwunyere, invece, per il San Marco Borgo Milano, sempre ultimo a 8 freccette. Al “Comunale”, il Giovane Povegliano della presidentessa Valentina Marcazzan e di mister Antonio Cuomo straccia (4-2) la Pol. Borgo Trento di mister Gianni Pierno (in rete con il 2001 Luca Raimondi, ex Alba Borgo Roma, e con il neo entrato Lorenzo Perina, classe 2002, ex anche lui Alba Borgo Roma). Per le “giovani libellule”, esultano – per ben 3 volte (gulp!) – il 1991 Thomas Caliari, imitato – solo una volta! – dal centrocampista 1989 Riccardo Dal Maso. Al “Vignola” di Avesa, i rosso-blu colligiani di mister “baffo” Flavio Marai stingono – 2 a 0 – i Boys Buttapedra di mister “Titti” Tiziano Salvagno, affidandosi al solo doppiettista Matteo Vignola, classe 1999.

Nel girone “C”, clamoroso tonfo dell’ancora capolista Borgoprimaggio di mister Andrea Lunardi (rimasto a quota 42 punti, 3 in più della pareggiante Aurora Marchesino di mister, il lupatotino Paolo Novali): sul campo della Venera – il “XII Maggio 1985” – i ragazzi di mister Marco Turrini (coadiuvato da Patrick Parolìn) sgambettano – 3 a 0 – i “draghi rossi” borgatari. Valgono un’autorete di Lluch, la felice conclusione di Elia Vicentini, classe 1999 da Isola della Scala, e quella inferta da Manuel Vicentini, classe 1990. Al 3° posto a dica…33!…in chiassoso condominio troviamo il trittico composto da Gips Salizzole, Intrepida e Colognola ai Colli. I rosso-blu salizzolesi del coach lo juventino e taciturno Andrea Greggio da Gazzo Veronese non riesce a uscire vincitore – 1 a 1 – a borgo Santa Croce, sul terreno di via Pergolesi, “casa” dell’Ares Calcio Vr di mister Martin “Pescatore” Marrone. All’aretino, al bianco-nero-fuxia santocrociano Davide Ederle, classe 1998, ex Sant’Anna d’Alfaedo, replica il bovolonese agente di commercio, lo juventino, l'”australiano”, il “Dubaiano” Leonardo Pinotti, classe 1998, ex Lions Casaleone. L’Intrepida di mister Antonio Donatiello si riprende morale e punti con gli interessi andando a fare la voce del leone – 2 a 4 – in casa del già abbattuto (più che battuto) A.C. Raldon di mister Stefano Castaldo (in rete, per i “ramarri raldonati” il duemillenario Giovanni La Corte e il 1997 Filippo Bonini). Per i rosso-neri “madonnari”, invece, la scaraventano in rete: per 3 volte Luca Notaro (1996) e per una il 1998 Fabio Bovi.

All'”Ugo Fano”, continua la sua bella ascesa l’A.C. Colognola ai Colli del mister e psicologo Manuel Pauciullo: 2 a 1 è lo score con cui i colligiani superano l’ostacolo-Noi La Sorgente di mister, il 39enne pordenonese Igor Gladich, nuovo direttore del Consorzio Tutela del rinomato Soave. Eppure in vantaggio i “giovani sorgentesi”, grazie al velenoso graffio sferrato dal difensore 2000 Nicolò Adami. Ma, poi, superati dalla doppia esplosa dal 1998 Manuel Gugole. Sul parrocchiale di Santa Maria di Zevio, finisce 0 a 0 il confronto tra la Nuova Cometa di mister Stefano Garzon (ma, non doveva giocare l’ex Hellas Verona?) e l’Aurora Marchesino dui mister Paolone Novali. Al “Lorenzo Molinaroli” di Lavagno, vince la Scaligera Sport Club del beliorese trainer Simone Marini a spese dei Lions Casaleone (che chiudono le fila a quota 10, stesso punteggio del Raldon) del mister e trattore, l’accanito milanista Davide Peroni. Il gol del “leone” e difensore del 2001 Dario Lorenzetti viene annichilito, cancellato, cassato dall’uno-due lavagnese griffato Gabriele Verzì, classe 1996. A Maccacari, 0 a 3 e il derby del “riso con le rane secche (o in umido)” arride all’Union Best di mister Luca Bortoletto, “re della piadina”. Infatti, i Boys Gazzo di mister “Fergusson” Matteo Gobbetti, a malincuore, sono costretti a piegarsi davanti alle reti erbetane firmate dal biondino rumeno Gheorghe Circiu (2000), da quello dell’ing. Pietro Zuccotto (ex Scaligera, classe 1994) e da quello realizzato al 95mo dal Duemila Yuri Kahri.

Nel girone “D”, deve solo, a nostro avviso, aspettare la matematica certezza il capolista Bonavigo di mister, il “cagliaritano” Manuel Cuccu: infatti, salgono a 13 i punti di vantaggio dei biancazzurri bonadicensi del presidente Angelo Zangari sull’immediato inseguitore. Che è quella Spes Pojana, ahilei!, ieri caduta in casa proria, sconfitta per 1 a 3 dai “cugini” del nobile decaduto Lonigo di mister Ricky Perlotto (ma, c’è dietro a tutto la sapiente regia del diggì, il sambonifacese Carlino Facchin). 47 a 34: questo è il rapporto dopo la 6^ di ritorno. Con a 32 la coppia Gazzolo 2014 e Villa Bartolomea, quindi, a 30 pulsa un’altra coppia, quella formata da Locara e da U.S. Provese. Ma, procedendo con ordine, all'”Orvile Venturato”, il Bonavigo stritola, 4 a 0, il Sossano Villaga Orgiano di mister Alberto Strazzacappa (1980), e lo fa mandando a turno tutte le sue bocche di fuoco. A partire dal bomber-cuoco-cacciatore di lepri, l’isolarizzano Andrea Pesarìn, classe 1991, mancino puro, per passare dall’avanti 1992 Mirko De Berti, e per l’ex albaretano, il classe 1999 Matteo Andriollo, e per finire con il corianese Marco Covassin. Al “Ghirotto”, la Spes Pojana subisce l’aggressione leonicena, accontentandosi soltanto nel finale della gara del gol-consolazione segnato dal centrocampista 1992 Stefano Padrìn. Doppia per il Lonigo dell’attaccante del 1999 Alberto Veronese (anche su rigore) ed acuto pavarottiano emesso da El Quasimi, prima della doppietta imbracciata dal compagno di squadra biancazzurro.

Il Gazzolo 2014 (al pareggio grazie a “monsignor” Michael Carrare, classe 1994) di mister Tiziano Barbieri non ne approfitta del mezzo passo falso commesso dalla Spes Pojana e si deve accontentare al “Comunale” di Gazzolo d’Arcole dell’1 a 1 contro il GSP Vigo 1944 di mister Adriano Rossignoli (aveva illuso il gol del vantaggio segnato da “Giulio” Cesare “Augusto”!). Ne approfitta, e come non farlo!, il Villa Bartolomea di mister Luis Gustavo Passera, ieri “corsaro” per 0 a 3 in casa del Cà degli Oppi di mister “Liverpool” Gianmatteo Malagnini. Per i “rosso-neri delle grandi Valli Veronesi” vanno in gol il 1991 Mattia Romani, il 1997 ed ex Spinimbecco Mattia Rigobello e il centrocampista ex Bevilacqua, il 2002 Gabriele Crivellaro. Al “Valentino Frigotto”, il Locara di mister Carlo Danieli piega le forze della grande resistenza oppostagli dall’SSD Sule di mister Matteo Pellizzaro, il diesse che si è seduto in panca all’indomani delle dimissioni rassegnate da “El Cina”, al secolo Stefano Rossignoli. Decide l’intera posta, e su rigore, il difensore classe 1989 Francesco Marchese. A Casale di Scodosia, termina sul nulla di fatto – 0 a 0 – Union CUS (mister è Giuseppe Schivo) e il Porto di Legnago di mister Matteo Zancanella: un punto che deve essere considerato un brodino per convalescenti per i bianco-rossi portuensi dopo la batosta subita domenica scorsa. Al “Fa. Lou. Sal.” di Monteforte d’Alpone, passa, 0 a 2, la Provese del coach sambonifacese Freddy “Mercury” Serato. Entrambe nella ripresa le marcature, frutto delle reti realizzate da Amin Sraidi (1998) e dall’impeccabile rigorista, il classe 1987 Pierluigi Dal Bosco, dottore in Giurisprudenza e mancato notaio. Il Real Monteforte del mister e professore di Italiano Latino e Greco (al prestigioso Liceo Classico “Scipione Maffei”, nel cuore di Verona), Dionisio Zamperini resta quint’ultimo a quota 21, a -2 dal Vigo, a + 4 dal Cà degli Oppi.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
poche nuvole
30.7 ° C
33 °
29.5 °
51 %
2.6kmh
20 %
Gio
34 °
Ven
33 °
Sab
34 °
Dom
37 °
Lun
39 °