Prima categoria girone B: il punto sulla 1^ giornata

Audace e Illasi formati export, per Valtramigna Cazzano e Scaligera ottimo debutto! Per il resto tutti pareggi.

993

Audacini già, al primo colpo, …Cacciatori di vittorie e ricercatori di punti: al “Padovani” di Castel d’Azzano, in casa della biancazzurra matricola guidata quest’anno da Francesco Marafioti, passano i sanmichelati del nuovo mister Matteo Biroli, giovane trainer, vecchia conoscenza audacina sia in veste di portiere che in quella di allenatore (anche delle giovanili rosso-nere). Fa appena in tempo ad entrare sul terreno di gioco, ancora tutto freddo, Mirko Cacciatori ad inizio di ripresa, che il giocatore materializza alla meglio un invito delizioso di Pippo Menini. Bomber Filipovic, a due passi dal triplice fischio finale e a due passi dalla gloria, si vede negato il gol del definitivo pareggio da una strepitosa parata ravvicinata di Stefano Melchiori.

Ma, anche la neo-ammessa Illasi di mister Cristian Cordioli imita gli audacini, imponendosi per 0 a 1 al “Nicola Pasetto” di Pozzo di San Giovanni Lupatoto: è del sanmartinese Thomas Bertagna, ex Juventina Valpantena, figlio del grande Lando, “panzer” ex Sangiovannese (San giovanni Val d’Arno, e mancato Bari), ad effettuare il tiro da 3 punti. Ma, lo fa nelle prime battute di gioco, lasciando, volendo, tutto l’incontro ai pozzani guidati dal lupatotino Massimiliano Canovo per poter raddrizzare la barca. A.C. Pozzo, che recrimina per la sorte avversa per i due pali piallati da Polato prima e da Kassum dopo. Miglior debutto nella recuperata Prima categoria, e contro la neo-retrocessa Chiampo del tecnico Rezzadore, non poteva avere la matricola Scaligera di mister Alessandro Ghirigato: a Isola della Scala si inaugura bene sia la categoria che l’anno del 100mo di fondazione del club giallo-rosso, noto a tutti come la capitale del riso vialone nano di tutto il nostro Veronese. E’ ancora, perché aveva già fraccato in Coppa, Francesco Girardi a cacciare in buca la palla della vittoria.

Pari a rete inviolate a Montecchia di Crosara, tra l’SSD Valdalpone di mister Beppe Allocca e del diesse, il dr commercialista Emilio Cavazza, classe 1960, e il Casaleone del nuovo coach, il mantovano di Ostiglia, “Giulio” Cesare Bruschi. Il montecchiese Coku, verso gli sgoccioli dell’incontro, chiama alla grande parata di pugno il fortissomo portiere Luca Loschi, mantovano pure lui, di Magnacavallo. Anche a Sovizzo, tra i padroni di casa banco-nero-verdi di mister Sartori e club vicentino presieduto dal più alto scranno da Gianmaria Pasqualotto, solo fumate nere o grigie in fatto di reti contro i “leoni della Lessinia orientale” del San Giovanni Ilarione del trainer Confente e del diesse Omar Rossetto.

All'”Emilio Steccanella”, a Cazzano di Tramigna, il Valtramigna del “presidentissimo” Lucio “IV” Castagna e pattuglia catechizzata da Omar Lovato, ex sangiovannese, dà la paga, 2 a 0, al Bovolone del mantovano Daniele Branchini, ex sanguivenerato. Non impegnativo profetizzare i due bomber bianco-rossi in Christian Turozzi, il “gol da me è di casa”, come la moglie appena sposata, e “Varenne” Gianni Lorenzi, ex SSD Valdalpone, ma gloria di San Gregorio di Veronella. Infine, due gare finite in partità, 1 a 1: all'”Antonio Perlato”, l’A.C. Tregnago del coach soavese Adriano Laperni col laccio da Far West accalappia la Pro San Bonifacio in fuga con Signorini al 40 del primo tempo. E’ il 1999 Devid Tagliapietra a tagliare…la testa al povero e martoriato toro (perché invece non prendersela con la zebra?!?), strozzando in gola l’urlo alla Munch, di gioia però, emesso dall’esterno mantovano, Marco Signorini, classe 1995.

Alla “Bonbonera”, l'”Elio Todeschini”, lo Zevio del nuovo bomber ed ex nostra “scarpa d’oro” Stefano Rognini e di mister Antonio Sorgente (ex Tregnago) deve aspettare fino a qualche pugno di secondi al termine della gara per negare ai vicentini del Real San Zeno di mister Christian Vinoli la gioia oramai concretizzatasi grazie alla conclusione della “pantera” Nathan Onyejiaka, classe 1991 e compagno dell’attuale Team S.Lucia Golosine, il moldavo 1995 Gregore Plamadeala, dopo la caterva di reti realizzate con la maglia del Le Torri e l’anno scorso con i bianco-rossi del Montebello di mister Fiorenzo Bognin. E, ci pensa Esposito, in elegante rovesciata, a pochi spiccioli al termine.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata