Marzio Menegotti (Parona) vuole un posto ai play-off

463

Ha sempre creduto nella preparazione e la cura di ogni dettaglio, il nuovo condottiero del Parona Marzio Menegotti, arrivato quest’anno alla corte della società biancoverde del nuovo presidente Enrico Guardini dopo l’esperienza al Valdadige. La sua truppa vuole giocare tutte le proprie carte al meglio nel girone di ritorno appena partito. Domenica scorsa roboante vittoria in casa propria, per 3 a 0, contro il Borgo Trento. Adesso si guarda al proseguo con raziocinio, cercando di produrre, nelle prossime gare, un gioco spumeggiante e divertente. “Sono contento di essere arrivato al Parona – dice Menegotti -, in una società che vuole fare le cose fatte bene per rilanciarsi ed aprire un nuovo ciclo. Siamo pronti a fare lo sprint finale. Con un filotto di vittorie si può davvero arrivare molto in alto”.

Tiene moltissimo ai suoi ragazzi il nuovo mister biancoverde chiamato a sostituire, dopo dieci anni, mister Flavio Marai, passato a condurre i rivali dell’Avesa che sono inseriti nello stesso girone, il “B” di Seconda categoria, comandato con 35 punti dall’Olimpia Ponte Crencano che è seguita dalla Juventina Valpantena con 31 punti. Il Parona è al 7° posto a quota 25 punti, assieme al BorgoPrimoMaggio, a -2 dalla zona play-off. “Vorrei vedere in questo girone di ritorno – aggiunge Menegotti -, la mentalità che ha contraddistinto il Parona negli ultimi anni. La mentalità di una squadra che non muore mai, che è sempre alla ricerca dei tre punti ed ha tanta fame di vittorie”. Intanto capitan Daniele Begnoni è tornato a disposizione a tutti gli effetti dopo un brutto infortunio che l’ha tenuto fermo per otto mesi. E domenica scorsa ha subito segnato il terzo sigillo contro il Borgo Trento.

“Begnoni è il nostro capitano e l’anima di questo Parona. Senza di lui non si fa nulla. E’ un esempio per quantità, personalità ed attaccamento ai colori sociali. Lui qua fa tutto, dirigente, direttore sportivo, attaccante e tiene unito il gruppo con il suo carisma e la sua tempra. Si era rotto il perone della gamba sinistra otto mesi fa ed aveva una voglia pazza di rientrare in squadra. E’ un grande uomo e un giocatore di grande talento e di elevata intelligenza tecnica al servizio della squadra. Lottatore e trascinatore sempre in campo, uno degli ultimi capitani veri rimasti nel nostro panorama dei dilettanti veronesi. E’ il giocatore che ogni allenatore vorrebbe avere in squadra. Ha giocato 15 minuti contro l’Olimpia Ponte Crencano, 25 nella gara contro il Borgoprimomaggio e contro il Borgo Trento ha realizzato il suo primo gol stagionale. Voglio bene al “Begno”, è fortissimo ed un esempio per tutti per dedizione ed impegno”.

Mister Menegotti prima di salutarci ci parla ancora dell’andamento della sua squadra: “L’inizio in campionato di quest’anno non è stato certamente facile. Questo perchè abbiamo una squadra rinnovata in tutti i reparti con la necessità di amalgamare i nuovi arrivati con i vecchi giocatori rimasti in biancoverde. Sapevamo che avevamo bisogno di un periodo di assemblamento ma ora siamo tutti pronti a mettercela tutta per provare a centrare i play off. Con l’apporto del nostro capitano Daniele Begnoni possiamo alzare veramente l’asticella e sognare un posto al sole”.

Roberto Pintore per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata