11.2 C
Verona
venerdì, 1 Marzo 2024

Il punto sui gironi A, B, C e D di 2^ categoria: 20^ giornata

Girone “A”: Arbizzano e Caselle mantengono sia il proprio passo spedito che le distanze (il rapporto è di 49 a 46). In più i giallo-blu di mister Marzio Menegotti detengono il record d’imbattibilità, condiviso dalle veronesi degli altri gironi di Seconda categoria con Olimpia Verona e Villa Bartolomea. I capolisti valpolicellesi si recano a Caprino a fare la voce grossa: 1 a 3, frutto dei precisi “arcieri” Kerron Adade (costui direttamente dal dischetto), Bruno Pascarella e dal neo entrato Denis Butucaru. Per i montebaldini di mister Alberto Cipriani firma il gol-consolazione Leah Appiah, classe 1998. Caprino, il quale resta a 21 punti, con ben 6 concorrenti che alitano alle sue spalle. Si conferma vice-regina il Caselle del mister e sindacalista U.I.L. Beppe “Mazzini” Bozzini. Ieri vittoria interna, 3 a 1, all'”Alberto Tosoni”, vittima il Team San Lorenzo Pescantina di mister Simone Zerpelloni (Bonora su rigore per il “club del velodromo). Per i casellini, offrono lo spritz al bar, il classe 2003 Dorin Ceacla, Vittorio Iurato (2001) e Francesco Savoia. Sempre terzo miglior classificato – ora a 41 – il Gargagnago del mister e corniciaio Roberto Pienazza, classe 1967: al “Benali-Bonomo” di San Massimo, non esce il 2 della vittoria in schedina, ma tutto si risolve in un pareggio: 1 a 1, con il vantaggio momentaneo firmato dal “tricolore” valpolicellese Riccardo Sospetti, classe 2000 al 23° centro in 20 partite, e con il pareggio definitivo autografato dal nero-verde rionale di mister Antonio Sorgente, Alessandro Fiorìn.

Quarta, a 33 punti, la Juventina Valpantena del belfiorese coach Loris Fedrigo: i bianco-neri della Valpantena rientrano dalla trasferta di Sant’Anna d’Alfaedo con un risultato in bianco: 0 a 0. Due gradini sotto, ecco a 31 punti il Colà Villa dei Cedri dello skipper Raffaele Pachera, ieri vittorioso per 2 a 0 davanti al lago a spese del Burecorrubbio di mister Manuel Bonazzi. Festeggia la famiglia Pachera: e la vittoria del mister e la doppietta esplosa con successo dal figlio ed avanti Marco, classe 1993. A 28 incontriamo il Cisano Juventina Bardolino di mister Antonio Sperani: anche qui vittoria interna – 2 a 1 – e di fronte al Benaco ai danni del Parona di mister “baffo” Flavio Marai; al tentativo dell’illusoria rimonta con Leonardo Rossi, classe 1995, difensore. Per i lacustri in gol Luca Cinquetti ed Elia Pachera. La Fumanese di mister Luca Ponzini “fredda” – 2 a 0 – il Rivoli di trainer Guerrino Gelmetti e il “giustiziere” è uno solo: Vittorio Zardini, perché autore di entrambe le marcature. Il SommaCustoza di mister Andrea Guttoni – 2 a 1 – stoppa l’avanzare della Gabetti Valeggio di mister Francesco Corazzoli. Inutile – ai fini dello score finale – il gol segnato da Lorenzo De Santi. Sulla bilancia pesano, eccome!, le reti di Sebastiano Morano e di Matteo Dalla Pellegrina.

Girone “B”: Questo raggruppamento sempre di più si colora di giallo e blu – rima baciata non ricercata, la nostra! – colori dell’Olimpia Verona di “Ravanelli” Emiliano Testi. L’ancora imbattuta e capolista incontrastata vola a 51 punti grazie anche al “poker” secco – 4 a 0 – calato ieri al “Tino Guidotti” dirimpetto all’Alpo Club ’98 del presidente Mirko Rampazzo. In gol vanno Pasquale Gerardi, l’ex Avesa HSM Andrea Righetti (classe 1987), Pietro “Sheva” Bellè (1987) e Matteo Magagna, sono loro i quattro moschettieri che imfilzano la retroguardia rosso-nera e accompagnano l’Olimpia Verona alla 16 vittoria in 19 gare giocate. Solo tre pareggi concessi alle avversarie con ben 49 gol fatti e solo 12 subiti (meglio dei gialloblù del presidente Roberto Donà solo la Virtus United con 10).

Scivola la più immediata delle inseguitrici, ovvero la Virtus Verona United di mister Stefano Leso, rimasta a 38 punti in quanto sconfitta al “Novilio Bianchi” di Santa Maria di Zevio dalla Nuova Cometa di mister Padovani. E’ il blucerchiato Matteo Langella a far brillare i “cometini”, terz’ultimi e in chiassosa compagnia a 19 punti con Rosegaferro ed Alba Borgo Roma. Luna nera anche per il Povegliano Veronese del mozzecanese trainer Maicol Sambenini (fermo a 35 punti), sgambettato in casa – 1 a 2 – dal Casteldazzano di mister Andrea Danese. Poveglianesi in vantaggio grazie alla precisa mira sfoggiata da Davide Venturelli, ma, il compito di ribaltare come una clessidra il verdetto spetta ai bianco-rossi “castellani” …”io mi chiamo Fortunato” e al “profeta del gol” Elia (Alessandro). Quarti a 34 punti sia i Boys Buttapedra di mister Tiziano Salvagno che il BorgoPrimomaggio del collega Alberto Fiorini. Vittoria, ieri pomeriggio, per entrambe: al proprio “Eliseo Zendrini” per i Boys (vittima l’Avesa HSM di mister Giampietro Fontana, marcatori il classe 1998 Pietro Grossule, preceduto dal classe 1997 Luca Zaffani.

I “draghi rossi” del diggì Enrico Sgreva invece “limano” il Rosegaferro di mister Antonio Como grazie a un 2 a 3, frutto delle vampate di fuoco emesse da Andrea Vasile, Luca Boaretto e dal classe 1998 Alessandro Morando. Per i “rosso-blu della Postumia” pensano al gol il preciso rigorista l’ex Mozzecane Luca Faccioli (1997) e su azione Christian Bodini, classe 2000. Al “Polisportivo Avesani”, in Ponte Crencano, l’U.S. Cadore di mister Michele Barone ha la meglio e di misura – 1 a 0 – sulla Clivense allenata da Fabiana Comin. Gol-razzo, alla Speedy Gonzales, realizzato al 1° minuto da Filippo Napoli. Al “Busani”, in borgo Milano, i “leoni rosso-verdi” del San Marco di “Fergusson” Emanuele Battocchio stingono – 3 a 1 – la semifinalista di Coppa Veneto di 2^ categoria, l’Aurora Marchesino di mister Enrico Cannavò (passata in vantaggio grazie al bomber ex lupatotino Nicola Avesani). Per i borgo-milanesi, alzano le braccia al cielo Bret Adobah, Giovanni Migliorini (2001) e Tommaso Tonon. All'”Esterino Avanzi”, in borgo Roma, l’Alba di mister Roberto Manfrìn non riesce a prevalere 1 a 1 – sull’A.C. San Zeno Vr di mister Andrea Gelain, nel derby tra i club dei rioni scaligeri. Bussa per i giallo-rossi Filippo Ghirlanda, nel primo tempo, risponde il “granata della busa” Andrea Manzotti nella ripresa. Sanzenati a circa metà classifica, a quota 24 freccette.

Girone “C”: Il Villa Bartolomea di mister Emanuele Friggi vincendo per 0 a 3 al “Comunale” di Sorgà, in casa dell’Union Best di mister Mauro Bissa, la vera sorpresa del girone, oltre che consolidare il proprio ruolo di protagonista in assoluto – e finora incontrastata perché imbattuta! – mostra la forza del suo collettivo. Per i giallo-rosso-neri, centrano nella mousse la sagoma Gabriele Crivellaro (2002), Mohamed Sesay e il “fedelissimo” (classe 1991) Mattia Romani. “Villa” a 47 punti, tallonato a 41 dagli Amatori Ponso di mister Giuseppe Sartori: i basso-padovani asfaltano – 5 a 1 – gli ospiti e “cugini” del Megliadino San Vitale allenati da mister Faedo e in rete soltanto con il centravanti Pinzan. Per la vice-regina, doppietta di bomber Jacopo Dall’Omo, classe 1996, acuti di Giampaolo Borretti e di Stefano Boretti, classe 1995, oltre che al…”nitrito” cacciato dal promettente e giovane (2005) Samuele Cavallini. Al terzo posto, a quota 37, un duetto, quella formato da Castelbaldo 2021 e dall’Altopolesine, entrambi di fronte ieri pomeriggio al “Donato-Smanio” ed alla fine al…”patteggiamento” di un prudente 1 a 1 (Donelli per i bianco-rosso-blu locali spronati da mister Crescenzo Nardella; Abdi Lamkhanter, classe 1998, per i rodigini di mister Andrea Bertelli). Quinto, a 36 freccette, rimane l’Union Best, poi, l’Union CUS di mister Leonardo Pastorello, “corsaro” per 2 reti a 4 al “Comunale” di Cherubine. I bianco-verdi del club con il simbolo del cavallo (grande festa a fine estate nella frazione di Cerea), guidati dal fantino…Nicola Manara, classe 1987, sprecano il duplice vantaggio siglato da Gabriel Donadoni, classe 2001. La poderosa “remuntada” della scuderia di Casale di Scodosia è opera dei virtuosismi di Giovanni Crosara, di Antonio Belluco (1997) e del doppiettista Mantoan, Pietro, classe 2001.

Il GSP Vigo 1944 ben allenato da Niko (e Massimo, suo fratello ) Ferrari – ex di turno – scivola a Porto di Legnago, sgambettato dai bianco-rossi del sodalizio della presidentessa Beatrice Zancanella. Decisivi, diremmo fatali, sono risultati il rigore trasformato da Riccardo Ferrian e il raddoppio – su azione – siglato dal neo entrato Mohammed Benhjila. Al “Comunale” “XII Maggio 1985” di Venera di Sanguinetto, i rosso-blu di mister Patrick Parolin sono costretti a rimontare, in casa del Gips Salizzole, le due reti realizzate dal 2004 Mattia Perazzoli, ex Atletico Città di Cerea, e da Lorenzo Battistella. E, quest’impresa avviene grazie alle precise mire ostentate da Alain Parolin – con l’11 sulla maglia – e da Mattia Visentini al 90° minuto. A Maccacari, 3 a 2 dei Boys Gazzo di mister “Fergusson” Matteo Gobbetti, vittima la Sampietrina, sempre al penultimo posto, ma a +2 di vantaggio sul Cà degli Oppi (il nuovo rapporto tra le due squadre che cercano la retrocessione diretta è di 8 a 6 punti per il sodalizio del coccodrillino). Per la Sampietrina hanno esultato Michele Soave e il 1998 avanti Enrico Zaghi. Per i Boys hanno visto la loro conclusione oltrepassare la linea bianca l’ex Venera Riccardo Bissolo, Matteo Turazza, classe 2001, e Maicol Coelati Rama, classe 1991. Al “Lombardi” di Bonferraro, gli Amatori del presidente Alfredo Gheli ed affidati a mister Mattioli, contro il Cà degli Oppi di mister Adriano Freddo, subiscono al 90mo minuto il vantaggio ospite a firma di Giacomo Rossignoli (1995) e poi, nell’arco di pochissimi secondi – al 98° minuto – agguantano il pari definitivo grazie al classe 1999 Alex Cottarelli.

Girone “D”: E’ la domenica, la 20esima, in cui il San Giovanni Ilarione di mister Andrea Grigoli perde il primato d’imbattibilità. Ma, la caduta dei “leoni della Lessinia orientale” imita quella dei grandi, non fosse per il troppo pingue (3 a 0 verdetto) successo all'”Emilio Steccanella” del Valtramigna Cazzano di mister Stefano Guandalini. Valtra, sempre con la corona sul capo di vice-regina, in virtù dei suoi 45 punti, uno solo in meno della “fuggiasca” Colognola ai Colli del mister e psicologo Manuel Pauciullo. Per i bianco-rossi di Cazzano del “presidentissimo” Lucio “IV” Castagna e del diesse Federico Bovi saltano di gioia il difensore duemillenario Simone Donà, Davide Santacà e bomber Matteo Andriollo. All'”Ugo Fano”, l’A.C. Colognola ai Colli i nerazzurri del presidente Tiziano Tregnaghi superano – quel che basta; come una manciata di prezzemolo nelle vivande – e cioè 1 a 0 il difficile ostacolo costituito dal combattivo Lessinia 2018 di mister Gentjan Cani. Mattatore è l’esperto (classe 1989) Alberto Vallisari. Terza miglior espressione del girone “D”, a quota 38 (ex aequo al San Giovanni Ilarione) si conferma la Scaligera Lavagno del nuovo tecnico Massei, subentrato ad Albertini, che va a fare la voce grossa (0 a 3) al “Comunale” di Vestenanova, in casa dei “bianco-verdi dei fossili” guidati da “Fergusson” Moreno Beltrame. Per i “corsari di Lavagno”, non fanno cilecca i mirini approntati sugli scarpini di Tommaso Pedrollo, Erik Xibraku e di Adun Garbe. 

Riscatto extra large – 6 a 0 – a La Prova di San Bonifacio da parte dei rosso-neri della Provese di mister Francesco Vincenti. A soccombere nettamente al team plasmato in estate dal diesse Francesco Malgarise è l’Atletico Squarà del soavese trainer Adriano Laperni. Si scatena letteralmente il “ciclone-Turozzi”: il “re dei bomber” Christian autografa addirittura ben 4 sfere di cuoio, concedendo un pò di ribalta al classe 1994 Giacomo Castagnaro e al classe 2004 Elia Signoretto, ex AlbaredoRonco. Al “Mancassola” di Lonigo, 3 a 2 a favore dei padroni di casa sferzati da mister Beppe Allocca a spese del Monteforte Valdalpone di mister Fausto Nardoni. Sempre il pallino del vantaggio in pugno ai monteforte-monsceldensi, i quali hanno trovato la via del gol grazie all’ex Stefan Gonta e al 2000 Matteo Malacarne. I leoniceni, però, ribattono colpo su colpo, gol su gol con Valerio Panarotto (2001), Alessandro Parise e con il 2002 Davide Soldà. Al “Comunale” di Gazzolo d’Arcole, 1 a 1 tra i “giallo-blu dell’asparago” di mister Tiziano Barbieri e il Grancona di mister Ricky Perlotto. In soldoni, un botta e risposta tra il basso-vicentino e nero-verde Marco Dalla Pozza, classe 1993, e il gialloblù locale Pietro Bagatìn (all’85° minuto). In borgo Santa Croce, l’Ares Calcio Vr di mister Edgar Genovesi è costretto alla resa delle armi – 1 a 2 – dai “cugini” dell’Intrepida di mister Andrea Ferrari in grande spolvero. Una vittoria raggiunta dai rosso-neri “madonari” al 93° minuto grazie all’unghiata fatale sferrata da Davide Ederle. Che scocca una manciata di secondi dopo il pareggio raggiunto dal compagno di squadra Mattia Avagliano. Per i bianco-nero-fuxia aretini l’aveva cacciata dentro prima di tutti il centrocampista 1992 Roberto Bulighin. Ares Calcio Verona sempre terz’ultimo a quota 14 punti, Intrepida che si porta a 18 carati. Infine il Coelsanus di mister Fiorenzo Bognin liquida 2 a 0 l’Union Scaligeri Academy di mister Lazzari grazie ad una doppietta di Matteo Lunardi.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Notizie dai network

Leggi altro ...

Verona
pioggia moderata
11.2 ° C
12.5 °
10.1 °
94 %
2.3kmh
100 %
Ven
12 °
Sab
11 °
Dom
12 °
Lun
11 °
Mar
14 °

I nostri social