27.1 C
Verona
giovedì, 30 Giugno 2022

Per la seconda volta di seguito sarà l’ASD Bovolone 1918 a tenere il Torneo internazionale “Pulcino d’oro”

Ieri mattina, presso la “Sala Rossa” del palazzo della Provincia, nel cuore pulsante di Verona, si è tenuta la presentazione della 7^ edizione del Torneo Internazionale “Pulcino d’oro”. Sarà la Bovolone calcistica il teatro della fase regionale veneta nella due giornate fissate per sabato 14 e domenica 15 maggio. L’albo d’oro della manifestazione decollata nel 2015 – anno in cui ha trionfato il Cesena -, ha visto sorridere all’Internazionale Milano (2016), ancora ai nerazzurri, ma assieme allo Sporting Club de Portugal (2017), altre due volte l’F.C. Internazionale Milano (2018-19) e nel 2021 al Parma Calcio 1913 (l’edizione del 2020 non si è potuta disputare a causa del Covid-19). “La fase finale” ha ben spiegato l’addetto alla Comunicazione del Torneo, l’ex calciatore di serie D del Levico, Andrea Scalet, “si terrà da giovedì 16 giugno a domenica 19 giugno. Alla kermesse, parteciperanno Juventus, Inter e, per la prima volta, il Milan. Dal Portogallo ritornano i talentuosi ragazzi dello Sporting Lisbona, mentre dall’Olanda (novità) quelli del PSV Eindoven. Anche la squadra brasiliana di San Paolo, il prestigioso Palmeiras (la cui massima espressione calcistica si è aggiudicata le ultime due edizioni della Coppa Libertadores, la massima competizione calcistica sudamericana per squadre di club, l’equivalente alla Champions League europea). Una sfilata, in pratica, di un migliaio di giovani promesse in età compresa tra i 9 e i 10 anni, i quali daranno vita a oltre 300 entusiasmanti sfide, che si terranno nel centro di Levico Terme fino al Parco Asburgico”.

Per il Presidente ed organizzatore del “Pulcino d’oro”, Renzo Merlino, da 35 anni e più nel mondo dei vivai giovanili, “il Pulcino d’oro offre l’opportunità al grande mondo del calcio dilettantistico di confrontarsi con quello professionistico, creando i presupposti per un momento di scambio e di crescita sia sotto il profilo umano che sotto quello puramente sportivo. Grazie ai vari Tornei regionali di questa manifestazione” ha aggiunto Merlino “Levico Terme, con ben due campi in erba – diventerà il teatro delle migliori società dilettantistiche italiane”. Il Veneto, dunque, sarà nuovamente – come nel 2019 – rappresentato da Bovolone: “E’ la società” ha sottolineato Merlino “che ha saputo interpretare meglio sin da subito lo spirito del Pulcino d’oro. Nel 2019 il prestigioso Trofeo fu vinto dalla Pol. Calcio Caselle, quello d’argento dalla Junior Oppeanese, quello bronzeo dal Villafranca, quello gialloblù dal San Giovanni San Donà. Gli incassi di questa manifestazione saranno devoluti all’Unicef, così come in precedenza sono stati destinati ad Associazioni Onlus”.

Perché ha pensato di partire con la categoria dei Pulcini e non invece con gli Esordienti o con i Giovanissimi? “Perché in un impianto sportivo, trattandosi di sfide tra 5-6 ragazzini, l’area può in contemporanea contenere 4 incontri. E, poi, la partecipazione di genitori, nonni e parenti è davvero molto elevata. L’idea mi nacque dopo più di 30 anni dedicati ai vivai e per dare la possibilità – nel nostro territorio – a tutti i ragazzini di paesi tra di loro distanti e delle nostre amate valli di potersi non solo unire in una squadra, ma anche di confrontarsi con altre idee e modi di intendere il calcio. Infine, anche la voglia di far conoscere la bellezza del nostro territorio, i nostri laghi, le nostre montagne, gli sfondi, i paesaggi, la ricchezza, le risorse e le peculiarità della nostra Valsugana”.

La conferenza è stata tenuta dal primo cittadino bovolonese Orfeo Pozzani, “scortato” dall’Assessore allo Sport Maicol Ferrari e da Loris Renzo (presenti in sala), con Delega alle Manifestazioni Pubbliche. “Bovolone è fiera di poter accogliere per la seconda volta nella sua cittadina questa splendida, significativa manifestazione del Pulcino d’oro. Del resto, non si fa altro che sottolineare l’efficienza di dirigenti – quali il presidente Marco Gonzato e Marco Zermiani (che ha voluto che si tenesse da noi la precedente edizione) -, volontari ed appassionati, i quali sono supportati dalla preziosa, fondamentale esperienza di persone – vedi Vittorio Peroni e Roberto Marchiotto – che nel e per il calcio hanno speso una vita. Vivremo due giorni all’insegna dello sport, dell’amicizia e del sano confronto tra scuole calcistiche diverse, e la kermesse darà lustro alla nostra comunità. Lo sport non singolo, ma quello di squadra insegna il rispetto verso sè stessi, i propri compagni, gli avversari, e prepara al futuro”.

Per il presidente dell’ASD Bovolone 1918, l’imprenditore Marco Gonzato, dopo aver ringraziato l’Amministrazione Comunale per l’appoggio che ha dato e che riserverà a questa manifestazione, ha sottolineato l’importanza per il club rosso-nero di essere stato nuovamente incaricato di essere teatro delle gare che si terranno nella nostra regione Veneto: “Presso l’impianto “Cavallaro” si terrà uno spettacolo unico, da non perdere e questo grazie all’appassionata partecipazione e passione dei nostri preziosi collaboratori. Quindi, Bovolone epicentro del calcio giovanile nell’ambito della nostra regione, serbatoio di grandi campioni, ed occasione di scambio non solo calcistico, ma amicale tra le centinaia e centinaia di genitori, parenti, tifosi che converranno al “Cavallaro””.

Presente anche l’ex a lungo dirigente del Bovolone Calcio Gianfranco Baldini, in rappresentanza del Coni provinciale e del suo presidente Stefano Gnesato, e Stefano Nicolis, il presidente dell’ASD La Grande Sfida Onlus, l’associazione che da oltre 30 anni utilizza lo sport, la cultura, l’arte e il lavoro per promuovere la cultura dell’incontro tra i mondi vitali della comunità, con particolare attenzione alle fragilità. Una Onlus che coinvolge attivamente Scuole di ogni ordine e grado, Università, associazioni sportive, culturali, chiese, Comuni, promuovendo una rete di condivisione esperienziale di grandissima portata e di ricchissimo bagaglio, convinti che l’inclusione, l’integrazione iniziano sempre da un incontro, da un confronto.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
cielo sereno
27.1 ° C
28.1 °
25.4 °
61 %
1kmh
0 %
Gio
34 °
Ven
33 °
Sab
34 °
Dom
37 °
Lun
39 °