10.8 C
Verona
mercoledì, 12 Maggio 2021

Primavera 3: Un buon Legnago blocca il Padova sul 3 a 3

Grande prestazione e pareggio storico al comunale di Abano terme tra “Davide” Legnago ed il “gigante Golia” Padova. Partono subito fortissimo gli ospiti veronesi che con un ottimo approccio alla gara sfruttano gli spazi in profondità concessi dai Padovani di mister Agostini e contro ogni pronostico dopo soli 17 minuti del primo tempo sono già sullo 0 a 2 con la doppietta di un ispiratissimo Elia Albertini che sfrutta a pieno il grande lavoro in fase offensiva di Gugole e Melaca che aprono varchi e volano tra le maglie dei bianco Rossi. I ragazzi di mister Montorio appaiono da subito concentrati e motivati e determinati a dimostrare che la partita di sabato scorso contro l’Albinoleffe (finita con un passivo devastante di 2 a 6 ) è stata solo un incidente di percorso dovuto al cattivo approccio alla gara e alle molte assenze tra i biancazzurri. Ma il Padova è pur sempre il Padova e a detta di molti è la squadra più forte e completa del girone a dispetto della posizione di classifica che li vede in anomalo ritardo rispetto ai primissimi posti che la squadra bianco-scudata ha sicuramente nelle corde.

E così, un po’ storditi dal passivo, i ragazzi del bravo mister e avvocato Giuseppe Agostini fanno “valere i gradi” e si buttano con ordine e testa nella metà campo avversaria alla ricerca del pareggio. Al 21’ del primo tempo è Sartori ad accorciare mettendo la palla alle spalle dell’estremo legnaghese Bonomo grazie ad uno spunto di Ejesi. I padovani prendono così coraggio e aumentano l’intensità della loro fase offensiva anche se questo comporta scoprire spazi che gli avanti biancazzurri potrebbero sfruttare meglio. Al 25’ minuto l’arbitro Liviero di Vicenza assegna un penalty generoso al Padova per il quale la panchina legnaghese protesterà molto (ammonito mister Montorio) perché il fallo sicuramente subito sembrava fuori dall’area di rigore. Probabilmente la “dea bendata” era dello stesso parere e fa si che Alberto Bonomo intuisca la traiettoria del potente piazzato di Pilotto Andrea (attaccante classe 2003) che l’estremo del Busse’ appunto riesce a neutralizzare deviando di forza in angolo. Il rigore parato da nuovo slancio alla compagine legnaghese che si ripropone in avanti grazie alle transizioni di Zanetti e soci che sono abili nel rubar palla e proporla immediatamente agli attaccanti che però non sfruttano bene gli spazi e non concretizzano.

Cosa che invece riesce bene al Padova al 38° minuto quando favorito da un errato disimpegno al limite dell’area ruba e crea una bella occasione da rete che il numero 11 Pilotto non sbaglia facendosi così perdonare del rigore mancato. Si va così a riposo sul 2 a 2 con la partita che sembra aver preso una brutta piega per il Legnago che si è fatto rimontare il doppio vantaggio della prima parte di gara ed ora l’inerzia sembrerebbe andare verso una possibile vittoria padovana ma non è giornata ed i ragazzi di mister Alessandro Montorio, dopo l’intervallo, appaiono ancora più carichi e motivati della prima frazione e così entrano con grande ritmo e decisone tenendo testa alla veemenza padovana, rispondendo colpo su colpo e giocando a viso aperto senza accontentarsi di un pari, costi quello che costi.

Mister Agostini nella ripresa mescola le carte e immette forze fresche, al 62° effettua 3 cambi in un solo slot e l’effetto si vede subito perché i bianco rossi creano occasioni su occasioni che però si scontrano sul muro di una difesa biancazzurra attenta e determinata che vede protagonisti i due possenti difensori centrali legnaghesi Moracchiato Alessandro (2003 ex della partita ) e Davide Signoretto (2004 del vivaio legnaghese) e soprattutto l’estremo classe 2002 Alberto Bonomo che sembra davvero insuperabile mettendo la classica pezza ad ogni situazione pericolosa. Mister Montorio però non sta a guardare e sostituisce ad inizio ripresa Filippo Meneghetti con Francesco Barotto e al 65° il forte attaccante Previs Melaca con Rocco Alberti per aumentare con i centimetri il peso e del reparto offensivo. E, come si suol dire “azzecca il cambio”, perché sarà proprio il neo entrato Alberti al 67’ minuto a siglare il 2 a 3 che fa sognare il Legnago.

A questo punto il Legnago si copre e lascia meno spazio ai padovani che gestiscono bene il possesso palla ma che non riescono a sfruttare a dovere i pochi varchi concessi dai veronesi, occorre infatti un azione personale del fortissimo attaccante padovano di colore Ejesi Ugonna (2003 già in orbita prima squadra) che al 74′ riceve in area e con eleganza salta il diretto avversario e deposita la palla alla spalle di Bonomo che nulla può sulla pregevole giocata dell’avversario. La partita volge al termine ma il 3 a 3 non accontenta i padovani che mettono cuore e grinta nel tentativo di conquistare i 3 punti ma questo apre varchi che il Legnago prova a sfruttare ed al minuto 84, sempre il subentrato Alberti, grazie ad una azione in collaborazione con Berini Jacopo, prende il palo dopo un pregevole colpo di tacco alla “Mancini” che strozza in gola dei bianco azzurri l’urlo di gioia.

La gara termina quindi sul risultato di parità e anche se i padovani hanno dimostrato tecnica e doti superiori il Legnago ha mostrato cuore e organizzazione da grande squadra ed è questo li ha portati a fare punti in terra padovana. A fine gara mister Montorio commenta così: “Sono contento ed orgogliosissimo della prestazione di tutta la mia squadra, titolari e subentrati. Avevamo bisogno di dimostrare a noi stessi che la batosta subita sabato scorso in casa dall’Albinoleffe è stata episodica ed accidentale. Sono convinto che questa partita possa rappresentare per noi una svolta perché per testa, cuore e gamba non siamo inferiori a nessuno e anche se oggi il Padova ci ha fatto sudare le proverbiali sette camice, noi siamo stati bene in campo ed ho visto tutta la squadra lavorare coesa corta e dinamica come piace a me. Onore al Padova che ai punti magari avrebbe meritato di più di un solo punto ma oggi i miei ragazzi erano davvero determinati a non mollare e sono stati premiati dai loro sforzi. Adesso sosta e quindi meritato riposo che ci sarà utile per recuperare qualche infortunato e farci trovare pronti all’ultima di andata e per il girone di ritorno”

La redazione di www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Leggi ancora ...

Ultimi articoli

I Nostri Social

Verona
nubi sparse
10.8 ° C
15 °
3.3 °
82 %
2.6kmh
75 %
Mer
18 °
Gio
17 °
Ven
17 °
Sab
18 °
Dom
20 °