15.7 C
Verona
domenica, 21 Aprile 2024

Giacomo (Cà degli Oppi) e l’importanza di essere…Freddo sui rigori: parati 3 su 3!

Giocasse in un club professionistico, beh, certamente se ne sarebbero già accorti tutti del magic moment che l’estremo difensore del Cà degli Oppi, 2^ categoria, girone “C”, sta vivendo. Giacomo, “Jack” per gli amici, Freddo, classe 1999, è il giovane estremo difensore della squadra del club della frazione di Oppeano, presieduta dal più alto scranno dal rappresentante di materiali di ferro ed acciaio in Emilia, Roberto Salvan, e di mister Adriano Freddo, sì, avete capito bene, il padre di Giacomo, classe 1961, ex attaccante dei sodalizi di quel lembo di terra bagnato dal Piganzo. “Ho iniziato a tuffarmi nell’A.C. Oppeano, dove ho militato fino agli Allievi” racconta “Jack”, già con la laurea triennale in Scienze Motorie in tasca (votazione 103/110) ed ora all’inseguimento della Magistrale. “Poi, il San Giovanni Lupatoto, gli Juniores d’Elite, la panchina come secondo di Riccardo Bertacco – sempre nei lupatotini -, senza mai debuttare in Promozione, i Lions Casaleone – 2^ categoria -, quindi, da una stagione e qualcosa sono in biancazzurro”. Giacomo, finora, ha detto di no a ben 3 “cecchini dagli 11 metri” su 3: “E’ successo in Coppa contro il Gips Salizzole, in campionato, invece, in casa contro lo Zevio e domenica scorsa – 3^ di campionato – in occasione della nostra prima vittoria a Villa Bartolomea”. Qual è il tuo portiere preferito? “Sono un tifoso del Chievo, ora della Clivense, quindi, Stefano Sorrentino: è sempre stato un portiere grintoso e un po’ matto, alla pari del sottoscritto. Ma, anche l’ex genoano, ora juventino Mattia Perìn mi piace, eh: sono un po’ gatto come lui!”

Non hai mai calciato un rigore? “Credo che per un portiere vero sia più importante essere capaci di pararlo che trasformarlo: quello è un compito che spetta alle punte o agli specialisti del tiro dalla lunetta. No, non sono un numero uno moderno, capace di partecipare con i piedi alla manovra che parte dalla difesa: è più importante che neutralizzi le conclusioni degli avversari. Il piede, semmai, mi serve, mi può aiutare a rintuzzare la minaccia avversaria”. Avere in panca come mister un genitore è un piacevole imbarazzo o un vantaggio? “Devo confessarti che è una situazione e sensazione strana: durante le sedute atletiche e domenica in partita lo vedo come un mister, a casa, invece, lo rivedo come padre vero e proprio. Ogni tanto mi ricorda di ragionare più velocemente”. “Jack” calcia di destro: “Sono molto esplosivo, alto 175 cm, più forte tra i pali sicuramente. Ora, da giovedì scorso, mi sto allenando con Cristian Lanza, 42 primavere, e considero il confronto molto stimolante perché è ancora un portiere tosto e mi permette di avere assicurata in banca la maglia, visto che ho iniziato la preparazione da solo. La squadra? Se azzecchiamo un altro paio di vittorie consecutive, ci scrolliamo di dosso le tante sconfitte subite in Coppa e nelle prime 2 giornate di campionato, per poi avviarci a toglierci qualche bella soddisfazione, perché no?”

Nel Cà degli Oppi, dove la salvezza è sempre stata considerata come la conquista di uno scudetto, l’ingresso in società di un dirigente esperto come il consulente tecnico – in affiancamento al diesse Fabio Bertolotto, detto “El Pez” – potrebbe alzare il traguardo dei cadeglioppini: “Da noi si è creato un bel mix, affiatato, di giovani e di giocatori esperti. La presenza di Leonida Zorzan sicuramente rappresenta il valore aggiunto – data la sua enorme esperienza di ex dirigente a lungo dell’A.C. Oppeano – di questa squadra, la quale vuole dare l’addio definitivo a salvezze raggiunte sempre nelle ultime giornate di campionato. Leo è un grande appassionato, ci mette tanta di quella voglia e passione, che sembra davvero uno di noi. A lui e a tutti i meravigliosi dirigenti – Mirko e Moreno Dal Cortivo, Maurizio Marchiotto, Marzio Olivieri, altri – noi giocatori dobbiamo regalare le grandi soddisfazioni che si meritano, soprattutto per l’impegno e il tempo che spendono per noi della Prima squadra e per le altre 2 compagini dei 2008 e del 2009”.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Notizie dai network

Leggi altro ...

Verona
nubi sparse
15.7 ° C
16.7 °
14.7 °
35 %
2.6kmh
40 %
Dom
16 °
Lun
7 °
Mar
12 °
Mer
12 °
Gio
11 °

I nostri social