14.2 C
Verona
domenica, 21 Aprile 2024

Il punto sul girone “D” di Seconda categoria: 23^ giornata

Per il S.Giovanni Ilarione, con il lutto nel cuore, 0 a 0 a Santa Maria di Zevio e ancora vantaggio di +1 sul Borgo S.Pancrazio. Ben 5 i successi a domicilio, alla Provese "il derby dell'Est" giocato a Monteforte d'Alpone.

L’ancora stordito, scioccato, sconvolto da un dolore incredibile San Giovanni Ilarione non riesce ad andare oltre lo 0 a 0 al “Novilio Bianchi” di Santa Maria di Zevio, in casa della Nuova Cometa di mister Christian Piasere. Inutile dire che i ragazzi del diesse Omar Rossetto hanno da alcuni mesi una forte motivazione per cucirsi sulla maglia lo scudettino e con una dedica che non riesce più a trovare parole, visto la crudeltà del fato. Il Borgo San Pancrazio di mister Gianluca Bortolato (con lui Gentjan Cani collabora per la parte tecnica) cala il “poker” – 2 a 4 – in borgo Santa Croce, sul terreno “amico” dell’Ares Calcio Verona di mister Martin Marrone. Per i “gatti bianco-viola” graffiano in maniera letale il classe 1999 Mattia Cambioli, l’ex virtussino nonché 2001 Davide Castellini, infine, Luca “Gigi” Riva, classe 1994, autore di una doppietta. Per i bianco-nero-fuxia aretini, a segno sono andati il duemillenario Nicola Del Papa e il difensore classe 2003, ex RealGrezzanaLugo, Matteo Malizia. La classifica vede ancora capolista i sangiovannei a quota 57 punti tallonati a 56 dal Borgo San Pancrazio, ad ora sarebbero entrambe promosse senza passare per i play off visto che la Scaligera Lavagno di mister Roberto Albertini consolida il suo terzo posto, a 48 freccette, ma a 8 punti dai bianco-viola.

Scaligera Lavagno del presidente Samuele Tosi che spera ancora nei play off, grazie anche al colpaccio di ieri, 0 a 2, ottenuto al “Renzo Tizian”, in casa dell’A.C. Sambonifacese di mister Brizzi: per i lavagnesi, decisivi sono risultati il difensore classe 1993, Antonio Zullino, ex Boys Buttapedra, e al 90° minuto il solito Juliano Ortega, classe 1999. Il Soave di mister Antonio Vandìn, 2 a 3, cade al cospetto del Noi La Sorgente del diesse Luca Trentin: le “frecce rosse” che scoccano giusto nella mousse della sagoma sono il 2002, nonché ex Belfiorese, Cesare Dal Degan, e il Duemila, ex Caldiero, Alberto Gazzabini. Per i zampillanti giallo-blu del presidente Berardo Taddei, l’hanno cacciata in buca il difensore classe 1992 Federico Marchese, il 1999 Enrico Toffali e l’infallibile cecchino dagli 11 metri Francesco Conti, classe 1998. All'”Ugo Fano”, 1 a 1 tra il Colognola ai Colli del mister-psicologo Manuel Pauciullo e il Gazzolo 2014 di mister Stefano Campesato. Un botta e risposta, in pratica, tra il giallo-blu in forza al presidentissimo Paolo Valle, Arben Kumara, e il difensore goleador dei colligiani Luca Balestro, classe 1992. Al “Valentino Mazzola”, 0 a 1 per l’U.S. Provese di mister Freddy “Mercury” Serato: la differenza la fa ancora il rosso-nero Fernando Beltramo. L’Intrepida del “sergente dei marines” Antonio Donatiello, si impone 2 a 3 al “Comunale” di via Tanaro, “campo amico” dell’Academy Clivense della presidentessa Micaela Viadana e di mister Massimiliano Corsi e detta legge con i suoi precisi quanto spietati “cecchini” Nicolò Salmaso, Fabio Bovi e Posenato. Per gli “academici” non fallisce il penalty Diego Fanini né sotto rete si fa attendere De Iseppi.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Notizie dai network

Leggi altro ...

Verona
nubi sparse
14.2 ° C
15.9 °
11.5 °
48 %
6.7kmh
40 %
Dom
14 °
Lun
10 °
Mar
13 °
Mer
12 °
Gio
14 °

I nostri social