E’ un’Aurora Cavalca-pronostici …

2073

Inizia la sesta avventura in Pomozione per l’Aurora Cavalponica del presidente Stefano Bressan: la novità è la presenza in panchina di un nuovo mister, Nicola Lonzar, classe 1982, da una vita nel calcio, prima praticato (10 anni nel vivaio del L.R.Vicenza fino alla Primavera bianco-rossa, poi, serie C2 a Trento, Belluno, Jesolo, serie D a Cerea e a Castelnuovo, Eccellenza al Real Vicenza, al Team S.Lucia Golosine, a Sant’Ambrogio e a Villafranca), con attenzione e pratica di mister delle giovanili quasi da sempre (ha insegnato a quasi tutte le età, già da quando militava nel CastelnuovoSandrà). “Quest’estate” racconta Lonzar “ho voluto compiere il passo ulteriore, quello di allenare la Prima squadra. Il momento e l’occasione giusta mi è arrivata dall’Aurora Cavalponica, e io non me la sono fatta sfuggire”. Che società hai trovato? “Un club intrigante, ambizioso e che ha sempre fatto bene ma che non è mai riuscita a superare il 3°-4° posto, mi hanno detto. Ho accettato di lavorare in una categoria non semplice, non facile, e ho voluto partire da un sodalizio che mi offre la possibilità di esprimermi bene. No, non mi ha dato obiettivi particolari, se non quello di fare il meglio possibile: cosa che chiedo sempre prima a me stesso e poi ai miei giocatori”.

Nella vita di tutti i giorni, l’ex n. 4, l’infaticabile motorino che abbiamo ammirato a Villafranca ricopre il ruolo di responsabile commerciale di una catena di alberghi: “Sì, è vero, in campo ero uno che davo l’anima, non risparmiandomi, giocando per la squadra e riuscendo qualche volta a piazzare qualche golletto. Da piccolo tifavo Milan, come caratteristiche tecniche potrei ricordare Cambiasso dell’Inter, sì, anche per la calvizie”. Chi partirà in pole position nel girone“A”di Promozione 2019-20? “L’Albaronco, a meno che non la ripeschino all’ultimo momento: sulla carta è decisamente la più forte! Poi, direi il Mozzecane, il Pescantina, l’Oppeano, e per le vicentine, l’Altavilla, ovvero l’ex Seraticense”. I tuoi giocatori, che impressione ti hanno dato al primo giorno di scuola? “Non mi piace trinciare giudizi, devo prima conoscerli, vederli all’opera. Da quel poco che ho intravisto, sono sicuro che avranno qualcosa da dire, perché la qualità e l’affiatamento li ho riscontrati. I giovani, poi, sono sicuro che quest’anno cresceranno ulteriormente”.

Sesto campionato in Promozione per il capitano di una società, l’Aurora Cavalponica (quest’anno festeggia il suo 10° anno di fondazione), Simone Romellini, difensore della classe 1988: “Il gruppo è valido, poi, è sempre il campo a emettere i verdetti. I giovani sono sempre, per le loro caratteristiche e per quella esperienza che nessuno può comprare al supermercato, imprevedibili, un bel terno al lotto. Purtroppo, in un Torneo estivo il nostro difensore Matteo Franchetto, classe 1999, ha riportato la rottura dei crociati; cosa questa che non ci voleva proprio!”

Che Promozione sarà quella che decollerà domenica 8 settembre? “Quello che andremo ad affrontare sarà un Torneo di Promozione molto competitivo, in cui, oltre all’Albaronco, partiranno con i favori dei pronostici l’Atletico Città di Cerea del nuovo acquisto Stefano Coraini, la matricola Pescantina e il rafforzatosi Mozzecane. Delle vicentine, meritano un occhio di riguardo il Sitland Rivereel e l’ex Seraticense. Confido nella consacrazione dei nostri Bonomi, Girardi (è un 2000), in più sul grande bagaglio di esperienza di Dal Lago e sulle reti di un bomber navigato, qual è l’ex Caldiero Stefano Fracasso”. L’obiettivo di quest’anno? “Arrivare ai 40 punti… (sorriso). No, dai, fare il meglio possibile. Speriamo in bene!”Scorrendo la “rosa”, tantissimi i giovani, per lo più promossi dal vivaio, incredibilmente bebè sono le saracinesche della squadra, in cui nessuno dei tesserati è inferiore alla classe di nascita del 2000 (gulp!).

QUESTA LA “ROSA” 2019-2020 DELL’AURORA CAVALPONICA:
PORTIERI: Pietro Leso (2000), Isacco Vale (2000, dall’Arzignano), Alberto Giarolo (2001, dall’Albaronco), Federico Marìn (2003, dal vivaio).
DIFENSORI: Simone Romellini (1988), Nicola Pimazzoni (86), Valerio Dal Lago (87, dalla Belfiorese), Federico Bonomi (99), Matteo Franchetto (99), Alberto Scalzotto (99, dal Chiampo), Davide Seghetto (2001, dal Legnago Salus), Matteo Pieriboni (2003, dal vivaio).
CENTROCAMPISTI: Edoardo Colognese (90), Nicolò Sartori (91), Nicola Cicolìn (99), Simone Gennari (2004, dal vivaio), Luca Fortunato (88), Nicolò Moro (99), Marco Piccoli (91), Federico Marostica (2001), Jacopo Girardi (2000).
ATTACCANTI: Anderson Piva Milanez (dall’Abano Terme), Stefano Guandalini (82, dall’Atletico Città di Cerea), Stefano Fracasso (1984, dalla Seraticense), Thomas Montresor (2001, dal vivaio), Ervinio Kumara (2002, dal vivaio).

STAFF TECNICO E DIRIGENZIALE DELL’ASD AURORA CAVALPONICA 2009:
Mister Nicola Lonzar, vice Nicola De Grandi, preparatore dei portieri Luca Visentin, osteopata Mattia Costantin, Team manager Stefano Pavoni, Consulente tecnico Luigino De Mori, direttore Sportivo Demis Murari, Presidente Stefano Bressan.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata