Promozione – girone A: il punto sulla 1^ giornata

Il Cerea è sempre atletico. Per una matricola che ride (il Montorio) ce n'è una che piange (il Pescantina). Per Cavalponici e Polivirtussini subito 3 punti!

1139

Ancora una vittoria, stiamo sfiorando i 30 successi della gestione del coach raldonate Simone Marocchio nel “Piccolo Toro” da neanche un anno intero (gulp!), per l’Atletico Città di Cerea del presidente, l’avvocato nel pallone, Luca Bronzato, classe 1962. Ieri, al “Pelaloca”, 3 a 2 dei bianco-granata rifilato alla candidata numero uno al balzo in Eccellenza, l’Albaronco di mister, l’ex professionista Antimo Iunco, ex Bari, Cittadella. Vantaggio albaronchesano con Saorin, poi, doppia dell'”eterno” Marvin “Hagler” Favalli. Terza marcatura ceretana a firma in calce di Michele Filippini, quindi, l’amaro accorciamento delle distanze bianco-verde-granata ad opera di Riccardo Carpene. 

A punteggio pieno, nella prima domenica del girone “A” di Promozione in cui non si è registrata alcuna vittoria esterna, anche l’Aurora Cavalponica del nuovo mister Nicola Lonzar e di capitan Simone Romellini. La vittima è quella matricola scoppiettante dell’Isola 1966, la quale aveva stupito guadagnandosi in pratica già il turno successivo della Coppa tanto a lei cara (vedi salto di categoria grazie alla conquista del Trofeo regionale di 1^ categoria, conquistato al neutro di Bagnoli di Sopra padovano a spese della corazzata polesana dei “pescatori del Delta” dello Scardovari del coach Fabrizio Zuccarin) in virtù delle due vittorie su due. Per i cavalponici del presidente e gran tifoso helladino Stefano Bressan, al bersaglio l’ex Abano Piva Milanez Anderson e il vicentino bomber, ex Caldiero, il 1984 Stefano Fracasso, poi, l’intermezzo isolano dell’acuto emesso dall’ex Arco di Trento (Eccellenza trentina), il futuro medico Riccardo Pellegrini, già a bersaglio in Coppa. Quindi, la terza marcatura è a firma del nuovo acquisto, il vicentino Dal Lago, “compagno di merenda” dello stesso bomber Fracasso, ex Seraticense.

A Badia Polesine, i biancazzurri polesani di mister Bonfante e del diesse, l’ex diesse del Cerea di Doriano Fazion, ma di Villabartolomea, Michele Battaglia, recano il primo dispiacere stagionale alla matricola PescantinaSettimo di mister, il lupatotino Gianni Canovo: è l’ing. Junior Guido Manfrìn, classe 1995, fratello del Gianni virtussino, classe 1993, ex Reggiana, il match winner della contesa. Manfrìn, padovano, è anche ex CastelbaldoMasi e l’anno scorso giocava per l’AQS Borgo Veneto.

Vittoria, invece, per l’altra nuova della Promozione, il Montorio di mister Stefano “Bel-Paese: gol-razzo esploso al 2′ del primo tempo da Braggio e ad andare al tappeto è il neo-retrocesso San Giovanni Lupatoto di mister, il bancario di Belfiore, Marco Burato, vincitore di ben due Prime categorie, l’ultima, lo scorso anno, proprio in sella ai montoriesi. Ad Albettone, nel basso vicentino, 2 a 2 tra i bianco-neri del Sitland Rivereel del veronese Peter Taccardi e il Mozzecane dell’ex calciatore professionista Giovanni “Circo” Orfei. Mirabile la doppia di Giacomo Boseggia, ex sanmartinese approdato in Postumia, cui ha fatto esatta èco, ma siamo in stagione venatoria e si sa è un crepitare continuo, incessante di doppiette!, Maistrello.

In borgo Venezia, successo della Pol. Virtus del “colonnello di Perzacco di Zevio” Alberto Baù. 2 a 0 per i rosso-blu, vittima il Nogara, che al pala-riso sabato 14 settembre presenterà il libro sui suoi 100 anni di meravigliose pedate al pallone, scritto dal bravo Giordano Padovani, autore anche del film “Il Brigante” (2010), apprezzata pellicola sul 900 nogarese. Ancora Alberto Forgia, il “trottolino amoroso” classe 1999, scuola Hellas Verona e studente di Statistica all’Ateneo patavino, tra i marcatori borgo-veneziani, preceduto dal nuovo acquisto ex Cologna Federico Lucchiari. Uno a uno, in riva al Piganzo, all’altezza di Oppeano, tra i bianco-rossi di mister Stefano Ghirardello, al 3° anno consecutivo in panca e alla conduzione di una Prima squadra, e l’A.C. Cologna Veneta di mister Salvatore Di Paola: vantaggio-illusion oppeanese grazie al 1999 Tommaso Savoia, risposta di pari èco ad opera di bomber “Highlander” Fabio Sinigaglia, classe 1986, proprio sul filo di lana. Idem con patate, 1 a 1, a Povegliano, tra le “libellule” biancazzurre del riconfermato coach Lucio “Battisti” Beltrame e il CastelnuovoSandrà del nuovo timoniere Andrea Danese, ex Alba Borgo Roma, e prim’ancora ex mister degli Juniores Nazionali dell’Ambrosiana. Al solito Marco Secchi, replica all’ultimo minuto di recupero, al 94°, il nero-verde “castellano” Zocca.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione riservata