11.6 C
Verona
venerdì, 1 Marzo 2024

Il punto sui gironi A, B, C e D di 2^ categoria: 19^ giornata

Girone “A”: Al “Pace”, termina senza vincitori né vinti, il big match della 19ma giornata. Quello tra l’Arbizzano di mister Marzio Menegotti e il Caselle di mister Beppe Bozzini. I giallo-blu valpolicellesi salgono a 46 punti, mentre i pari giallo e blu casellini avanzano a 43 punti e restano in scia alla capolista. Al terzo posto, si blinda – ma, fino a un certo punto, perché nella corsa al titolo ieri ha rosicchiato agli avversari ben 2 punti! – il Gargagnago del mister-corniciaio Roberto Pienazza. I “tricolori della Valpolicella” hanno piegato – 1 a 0 – il braccio della forte resistenza a loro opposto dal Cisano Juventina Bardolino di mister Antonio Sperani. L’unghiata fatale la sferra il classe 1999 Matteo Paiarolli. Distanziata di ben 8 gradini, troviamo la Juventina Valpantena del belfiorese coach Loris Fedrigo, ieri vittoriosa al “Lorenzo Bellamoli” di Poiano per 3 a 1 ai danni del Colà Villa dei Cedri dello skipper Raffaele Pachera, in rete solamente con Andrea Dolci. Per i bianco-neri del presidente Ivan Ferraro hanno gioiosamente levato le braccia al cielo l’ex Virtus Verona United, Davide Perbellini, l’ex Illasi, Marco Simoni, e l’ex, pure lui, Illasi, Thomas Bertagna.

I valpantenati lasciano così alle loro spalle – il rapporto è di 32 a 28 – i “cedrini” giallo-verdi, di 3 tacche superiori alla coppia Cisano Juventina Bardolino e BureCorrubbio. I valpolicellesi di mister Manuel Bonazzi hanno ieri superato – 1 a 0 – il Rivoli di mister Gabriele Gelmetti. E le impronte sulla sfera di cuoio appartengono a Davide Tommasi. La Gabetti Valeggio di mister Francesco Corazzoli, in duplice vantaggio – grazie alle mire mostrate da Daniele Rossi e dall’avanti Djiby Hott -, si vede raggiunta nella parte finale della ripresa dal Real San Massimo di mister Antonio Sorgente, capace di trovare la via del gol grazie ai due Simeoni, Elia, classe 2001, e Mattia, classe 1995. Il SommaCustoza del “sergente” Andrea Guttoni s’impone di misura – 0 a 1 – al “Bertani”, impianto del Parona di mister “baffo” Flavio Marai. Match winner si consacra Christian Vargiu; da poco entrato al posto di Caliari. Al velodromo, 4° successo stagionale del Team San Lorenzo Pescantina di mister Simone Zerpelloni a spese della Fumanese di mister Luca Ponzini, e gran boccata di ossigeno per il Team, non più ora ultimo assoluto, ma appaiato alla Gabetti Valeggio, a quota 14 freccette. Per i pescantinesi, decide un calcio di rigore trasformato da Bonora. Matteo, classe 1991.

Brutta scivolata sul proprio campo per il Caprino di mister Alberto Cipriani che si vede battuta per 1 a 2 dal Sant’Anna d’Alfaedo del “falconiere” Alfonso Tommasi. Giallo-blu montebaldini in vantaggio grazie a Cristian Bergamini, ma poi raggiunti dai “falchi” bianco-granata con la rete dell’ex Lessinia Luca Bazzani, classe 1990, e superati dal difensore classe 2002 Matteo Cipriani. Con questi tre punti si consuma il sorpasso in classifica proprio ai danni dei gialloblù montebaldini fermi a 21 punti a -3 dai bianco-granata del presidente Simone Lavarini.

Girone “B”: Pareggiando – 0 a 0 – al “Monterotondo”, in casa del Borgoprimomaggio di mister Alberto Fiorini, l’Olimpia Verona di mister “Ravanelli” Emiliano Testi raggiunge cima 48 punti mantenendo a ben 10 tonde tonde tacche di distanza la Virtus Verona United di trainer Stefano Leso che si candida come alternativa alla vetta del girone “B” di Seconda categoria. Il team virtussino, ieri vincitore per 3 a 2 nella immaginiamo combattutissima fino all’ultimo respiro sfida contro i Boys Buttapedra 2006 di mister Tiziano Salvagno (“bonus” del gol all’incontrario firmato da Encarnacion, più rigore trasformato da bomber Pietro Grossule, classe 1998). Decisivi ai fini del successo numero 11 dello sparring partner dell’Olimpia Verona risultano Riccardo Castano, classe 1998, Filippo Fochesato e il freddo quanto preciso rigorista Alessandro Coronin, anche lui classe 1998. E’ un gran bel momento per l’A.C. San Zeno Vr di mister Andrea Gelain: all'”Arrigo Ligabò”, altra vittoria dei “granata della busa” – 3 a 0 – a spese della Clivense di mister Fabiana Comin. Questi i “cecchini” sanzenati: Simone Ventre, Andrea Raimondi e l’immarcescibile, unico “capitano dei capitani”, Riccardo De Pizzol, classe 1983, irremovibile nei suoi propositi vittoriosi anche dagli 11 metri.

Al “Padovani”, il Casteldazzano di mister Andrea Danese prevale – 3 a 1 – sull’Alba Borgo Roma di mister Roberto Manfrìn (per i giallo-rossi rionali la caccia dentro il solo Esposito). Doppia, invece, del “profeta del gol” bianco-rosso, l’ex Team S.Lucia Golosine Alessandro Elia, a cui va ad aggiungersi l’assolo di Notaro. Al “Vignola”, l’Avesa HSM di mister Giampaolo Fontana fa suo il “derby rionale”, quello contro il San Marco Borgo Milano di mister Emanuele Battocchio (al bersaglio pieno soltanto con Francesco Zangani, classe 2002). A braccare i “leoni rosso-verdi” del club di borgo Milano, l’azulgranata colligiano Marco Vassanelli, classe 2002, il coetaneo Federico Guiotto e lo straordinario bomber Kiriwellage. Rosegaferro (mister è Antonio Como, ora a 19, ex aequo con l’U.S. Cadore) e Povegliano Veronese (coach è il mozzecanese Maicol Sambenini: “libellule” al 3° posto, a quota 35, e a -3 dalla Virtus Vr United) dividono (quasi evangelicamente) – 0 a 0 – il bottino in palio. Al “Rino Dalle Vedove” di Marchesino, 3 a 2 per l’Aurora guidata da Enrico Cannavò, avanti anche nel cammino di Coppa: la vittima n.9 stagionale dei giallo-blu è la Nuova Cometa di mister Cristian Cordioli, brava – ma non è bastato! – ad opporsi soltanto con la doppietta spianata da Enrico Ottocento. Per i padroni di casa, al centro-classifica a 30 punti, alla pari del Casteldazzano, esultano il lupatotino Nicola Avesani, autore della doppia, e il preciso rigorista Federico Girardi, capocannoniere del girone. Alpo Club ’98 e Cadore (mister è Michele Barone) non si sono fatti male: 2 a 2. Per i rosso-neri di mister Silvio Donadello fanno capriole sul terreno Diego Fadini e Gianmarco Ferrante; di contro, per i “nero-verdi di Ponte Crencano” rispondono Matteo Ficcadenti (1992) e la punta datata 2002 Amedeo Lugoboni. Alpo Club 98 a 21, cadorini a 19.

Girone “C”: Il Villa Bartolomea di mister Emanuele Friggi pareggia in casa propria, al “Pioppeto”, per 0 a 0 contro una tra le più temibili inseguitrici, gli Amatori Ponso di mister Giuseppe Sartori. Ma, il bicchiere, per i capolisti giallo-rosso-neri è da considerarsi mezzo pieno in quanto il punto serve a mantenere i 6 punti di distacco dai rivali padovani, ora a 38 rispetto ai 44 totalizzati dal team ancora imbattuto dall’inizio della stagione, “Il Villa”, appunto, del carrozziere Lucio Albarello. Il quale ci aveva parlato di “partita come un’altra” quella disputatasi ieri, anche, forse, per non creare ulteriori pressioni ai suoi ragazzi e al tecnico. Alle spalle del Ponso, un trittico di compagini tutte a 36 punti. Parliamo del Castelbaldo 2021 di mister Crescenzo Nardella, non oltre l’1 a 1 al “Donato-Smanio”, contro quel Bonferraro, che in panchina non ha più mister Andrea Greggio, ex Nogara ed ex Scaligera. Un gol per tempo: Enrico Prando, classe 1994, per i “castellani” bianco-rosso-blu, Alex Cottarelli, classe 1999, per i giallo-amaranto del presidente Alfredo Gheli. A 36 troviamo, poi, l’Altopolesine del nogarese trainer Andrea Bertelli, ieri “pirata” – 0 a 2 – sul campo parrocchiale del GSP Vigo 1944 di mister Niko Ferrari. Un gol per tempo anche qui, e sempre su rigore, trasformati da Alberto Formigoni, classe 1995, e da Leonardo Ambrosi, classe 1992. Terza squadra a quota 36 punti, l’outsider, ovvero l’Union Best di mister Mauro Bissa, ieri uscito imbattuto – 1 a 1 – dalla trasferta di Porto di Legnago. Per gli erbeto-sorgaresi, neanche a scriverlo, segna Gheorghe Circiu, classe 2000, punta da altra categoria; per i bianco-rossi portuensi, invece, il difensore 1999 Mattia Migliorini.

Sesto a 29 punti l’Union CUS di mister Leonardo Pastorello, al successo nella sua Casale di Scodosia per 2 a 0 a spese dei Boys Gazzo di mister “Fergusson” Matteo Gobbetti. A cacciarla alle spalle del maccacarese Bianchi, il 2007 (gulp!) Luigi Borìn e poi il duemillenario Ayoub Sabri. Il Cherubine di mister Nicola Manara, altra bella sorpresa del girone in quanto ammessa in categoria quasi in extremis, ottiene un 3 a 4 chiassoso a Salizzole, in casa del Gips allenato da Luca Monastero (Tommaso Zanini e due volte Lorenzo Battistella per i “rosso-blu del castello”). Il team bianco-verde della frazione ceretana, con sullo scudo il cavallo e guidato dal più alto scranno dal giovane presidente Diego Paganotto, affida ai propri “arcieri” il compito di tenersi stretti i 3 punti in palio: Riccardo Soave, Sami Ahabchane (doppietta per l’ex Lions Casaleone) e Amine Soalymane. Altro punto, prezioso perché raggiunto fuori casa, esattamente a Megliadino San Vitale, per il “fanalino di coda” Cà degli Oppi dell’oppeanese trainer Adriano Freddo. Ora a quota 5 punti, e con la Sampietrina a 3 più in alto. E’ ancora una volta Denis Zanini a realizzare il gol, che non permette al padovano centravanti Francesco Gioachin (classe 2002) di fuggire con il malloppo pieno. A San Pietro di Legnago, la squadra con simbolo il coccodrillino, guidata da Girardi, ovvero la Sampietrina viene superata – 2 a 3 – dal Venera di mister Patrick Parolin. Per i rosso-blu del club della frazione di Sanguinetto, doppietta di Alessandro “Sky” Guerra, classe 1994, ed assolo di Luca “Charlie” Pasquali, l'”immarcescibile”. Per la Sampietrina, hanno esultato Francesco Barone, classe 1995, ed El Mouaffaq.

Girone “D”: Sorpasso del Colognola ai Colli del presidente Tiziano Tregnaghi – ora a 43 punti – nei confronti del Valtramigna Cazzano, ora a 42. I nerazzurri colligiani caricati a dovere dal mister e psicologo Manuel Pauciullo festeggiano il primato a Vestenanova, infliggendo un pesantissimo 0 a 6 ai bianco-verdi locali di mister Moreno Beltrame. La tabellina dei marcatori riporta i nomi e cognomi di Marco Balestro, classe 1992, di Alessio Zucchelli e del “bocia del ’99” Andrea Isolani. Nella ripresa il giocatore Gianluca Magrinello cala il tris personale per il 6 a 0 finale a favore dei nerazzurri. Il Valtramigna Cazzano di coach Stefano Guandalini non riesce ad ottenere i 3 punti al “Valentino Mazzola” di Monteforte d’Alpone e deve accontentarsi dell’1 a 1. Le due reti scoccano nella ripresa e sono state griffate dal padrone di casa Matteo Malacarne, classe 2000, mentre per i bianco-rossi cazzanesi rimedia l’ex giocatore del Bonavigo Matteo Andriollo.

Sulla terza poltrona più comoda del girone, a 38 punti, troviamo sempre il San Giovanni Ilarione di mister Andrea Grigoli: ieri, i “leoni biancazzurri della Lessinia orientale” sono andati a Marzana, in casa del Lessinia di mister Gentjan Cani, a fare la voce grossa – 1 a 2 -; impresa riuscita grazie anche alla doppietta fatta crepitare dall’ex Valdagno classe 2001 Nicola Lovato (aveva momentaneamente pareggiato Francesco Montolli, classe 1989, ex Ares Calcio Vr ed ex Croz Zai, per i padroni di casa del massimo dirigente Matteo Guglielmini). San Giovanni Ilarione del diesse Omar Rossetto ancora imbattuto in campionato. Con la vittoria – 1 a 0 – ottenuta a Cologna Veneta, l’Union Scaligeri Academy di mister Simone Lazzari – mattatore, nella ripresa, l’ex Sule Manuel Lunardi (classe 1996) – piega la resistenza del Gazzolo 2014 di mister Tiziano Barbieri e va a posarsi sul trespolo n.33. Due gradini sopra, esattamente a 35 punti, resta la Scaligera Lavagno di mister Roberto Albertini, inciampata – 2 a 1 – a borgo Santa Croce, dove l’Ares Calcio Vr di mister Edgar Fasola Genovesi coglie la 4^ vittoria della stagione, mantenendosi al terz’ultimo posto, a 14 freccette. Nouasri e Matteo Malizia segnano per i nero-fucsia, per gli ospiti aveva momentaneamente pareggiato Juliano Ortega.

A Madonna di Campagna, 1 a 1 tra l’Intrepida di trainer Andrea Ferrari e il Lonigo del collega della panchina Beppe Allocca. Al realizzatore leoniceno Nicola Ometto, classe 1997, ha risposto con ugual intensità e risultato il rosso-nero “madonaro” Tommaso Pagani (con il n.3 sulla maglia). A Grancona, l’U.S. Provese di mister Francesco Vincenti incappa in una sconfitta – 3 a 2 – che non avrebbe dovuto subire. Per i nero-verdi vicentini di mister Ricky Perlotto vanno a turno a bersaglio pieno: da “Palazzo” Ghigi (Filippo, classe 2003) a Stefano Sartori (1998) e a Filippo Sturaro (1992). Per i rosso-neri del club alle porte di San Bonifacio, hanno spinto la sfera di cuoio oltre la linea bianca il “re dei bomber”, Christian Turozzi e Giacomo Castagnaro, classe 1994. A Montorio, l’Atletico Squarà del soavese “fantino” Adriano Laperni perde – 2 a 4 – il confronto con il Coelsanus del sambonifacese coach Fiorenzo Bognin. Il centravanti dei sossanesi addirittura si regala un fantastico tris: parliamo del maturo (1993) Andrea Girardi, imitato sotto rete da Sperandio. Per i montoriesi, invece, hanno visto la sfera oltrepassare la linea bianca di gesso Alessandro Uderzo ed Andrea Martini, classe 1996. E, i basso-vicentini, oltre alla vittoria, compiono l’operazione-sorpasso nei confronti della stessa preda. Il nuovo rapporto è ora di Coelsanus 16 punti, Atletico Squarà a 15 punti.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Notizie dai network

Leggi altro ...

Verona
forte pioggia
11.6 ° C
12.5 °
10.6 °
84 %
0.8kmh
100 %
Ven
12 °
Sab
11 °
Dom
12 °
Lun
11 °
Mar
12 °

I nostri social