18 C
Verona
giovedì, 30 Maggio 2024

Il punto sui gironi “A” e “B” di Prima categoria: 1^ giornata

Girone “A”: La Montebaldina Sona United di mister Emanuele Bertoncelli inizia la stagione con i risultati che contano, che pesano davvero sulla bilancia, superando – 1 a 0 – il Lazise dello skipper, il prof. di Scienze Motorie Andrea Urbenti, classe 1964. Il tiro che vale i 3 punti per i montebaldini lo scocca intorno alla mezz’ora del primo round Alessandro Aloisi, ragazzo classe 2004 con il numero 11 sulla maglia. I lacisiensi del presidente “Alfio” Alfredo Brunazzo e del diesse Luca Dorizza ci tenevano tantissimo a non far cilecca alla prima della stagione, visto che abbiamo ancora negli occhi il grande entusiasmo con cui si sono presentati alla stampa. A Isola della Scala, la matricola Alpo Lepanto del riconfermato mister Massimiliano Signoretto e del presidente Andrea Pozzerle, sembra già trovarsi a proprio agio, senza aver ancora staccato i tagliandi del comprensibile rodaggio in Prima categoria, imponendosi sui giallo-rossi isolani guidati da mister Michele Barone addirittura con un insindacabile 0 a 3. La parte del leone, in fatto di bottino di reti, la fa Zeno Montolli, classe 1996, imitato per una sola volta – e, cosa volevi di più? – da Francesco Vecchio, entrambi ex giocatori del Team S.Lucia Golosine.

Valpolicella ubriacante, quello allenato da “Trap” Matteo Meneghetti, che vince 3 a 2 in casa della matricola Borgo San Pancrazio guidata quest’anno da Manuel Pignatelli. Stupisce, in negativo, il crollo dei “gatti bianco-viola del Porto”: in vantaggio per 2 a 0, grazie al centrocampista Davide Marchetto (doppia per lui!), si è poi assistito al grande ritorno dei valpolicellesi grazie alle precise mire ostentate sotto porta da Zivelonghi e da Stefano Bonato. I quali hanno goduto anche del “bonus” della sfortunata autorete firmata da Giuseppe Cosoleto. La Polisportiva Consolini di mister Luca Bozzini fa…Scala reale sul sintetico del “Manuel Cerini” di Peschiera. I rosso-blu arilicensi, guidati quest’anno dall’osteopata sanzenate Pier Giorgio Troccoli, vengono trafitti al cuore verso la mezz’ora del primo tempo dal numero 2 costermanese, Mattia Scala, classe 1998. A Cassone, finalmente, si vede il Malcesine che ti aspetti: i bianco-granata alto-gardesani di mister Stefano Marchiori da Riva del Garda mostrano le unghie contro la titolata, oltre che ringiovanita Real GrezzanaLugo di mister Luca Tosi: 1 a 0, mattatore il classe 2006 (gulp!) Denis Andreis. Al “Belvedere”, la matricola Calmasino di mister Peter Taccardi scivola davanti al pubblico amico per 1 a 2: il semaforo verde scatta a favore dell’Olimpica Dossobuono del presidente Lucio Feder e del nuovo “timoniere” Giordano Rossi. L’urletto emesso da Alberto Ronconi serve solo ad addolcire la pillola amara, trangugiata dai “bianco-verdi del Benaco”, e servita prima da Terence Momodu e poi dal classe 2003 Filippo Ferrari.

Nella partitissima del debutto, quella tra Bussolengo e Pol. Quaderni, il carnet delle reti è davvero pingue: 2 a 4. L’asso nella manica del nuovo trainer quadernese Marco Aroldi è Mattia Franchini, classe 1999; il quale segna sia su azione che direttamente dal dischetto. Per non essere da meno, in fatto di doppietta, lo imita l’ex poli-virtussino Gilber Cadete, classe 1989, però, sempre con la palla in movimento. “El Busso” di mister Nicola Martini (11 su 22 della “rosa” sono nati dopo il 2001) e del presidentissimo Emilio Montresor, si consola andando al bersaglio prima con il classe 1996 Diego De Angelis e poi con Donatelli. Non basta, ahilui!, il gol realizzato dal duemillenario “Sacco-gol”, al secolo Alberto Sacconi, per fare pari e patta tra il suo Cadidavid e il Lugagnano al “Guglielmi” nel rione Sacra Famiglia. Nel confronto tra le due retrocesse dalla Promozione – i bianco e blu cadidavidesi di mister Stefano Ghirardello – ed il “Luga” di mister Vasco Guerra (ex enfant prodige del Milan) – prevalgono gli ospiti per 1 a 2. Scamperle e il 1993 Alessio Silvestri avevano timbrato il cartellino del gol già nei primi 45 minuti.

Girone “B”: Miglior debutto non poteva fare l’Isola Rizza Roverchiara di mister Lucio Merlìn: sull’impianto di via Sabbionare, in riva al Piganzo, i neo retrocessi “spallini” impallinano – 3 a 0 – un Valdalpone Monteforte, il quale nel primo tempo aveva fatto vedere cose egregie. Rulla subito – al 2° minuto – la grancassa del promettente 2003 Nicola Tamburini, imitato alla scadere del primo round dall'”immarcescibile” Eugenio Tieni, classe 1987. Ed è un’altra “vecchia sequoia”, Marvin “Hagler” Favalli, classe 1986, ad aggiungersi alla lista dei felici “cecchini”: bella la sua corsa, dopo il gol, verso la tribuna a baciare i suoi due bambini. Al “Nicola Pasetto”, l’ASD Pozzo di mister Walter Bampa le suona di santa ragione – 4 a 1 – al Bovolone di mister Stefano Gardona. Al bersaglio con Alessio Moio, classe 1995, giunto dal Gips Salizzole, ma quando ormai i puledri pozzani avevano già abbandonato la scuderia. Doppietta, infatti, per Andrea Carbonari, assoli per bomber Antonio Corbo (1994) e per Kevin Yao Doria.

Al “Pietro Ceccato”, il Nogara del nuovo coach Marco Goldoni e del presidente, il commercialista Gianni Frignani, esce indenne (0 a 0) contro l’Alte Ceccato, anche se i “cosacchi del Tartaro” avrebbero voluto inaugurare la stagione con un bel colpaccio. Al “Leo Todeschini”, va peggio – 2 a 4 – alla matricola Zevio di mister Ivan Benin, sgambettata dal Brendola di mister Crivellaro (Dal Maso, due volte Fall Bara ed una Elia Camerra (1996) i marcatori vicentini). Per i bianco-neri zeviani del presidente Giorgio Sambugaro gioiscono solo il classe 2003 Filippo Scagno e il 1991 Filippo Baltieri. Inizia di gran carriera la nuova stagione agonistica all'”Antonio Perlato” per l’A.C. Tregnago di mister Andrea Merzari: l’avversaria è di quelle con il pedigree, ovvero la mancata ammessa alla Promozione PGS Concordia Borgo Milano di mister Daniele Lo Presti. I giallo-blu alto-valligiani vincono con quel che serve per aver ragione dell’avversario, cioè con il minimo: 1 a 0, a firma del classe 1999 Michele Dal Forno, che di mestiere fa il “difensore” ma quest’anno spostato dal mister più verso la metà campo e che ieri ha trovato il gol con un tiro di collo pieno dalla distanza sul quale il portiere ospite nulla ha potuto.

Partenza migliore non poteva vivere, al “Renzo Tizian”, la Pro Sambonifacese 1921 del nuovo coach, il prof. Antonio Sorgente, ex mister dell’A.C. Tregnago: 3 a 1 rifilato ai vicentini del Tezze dell’ex trainer Totò Mantovani, in inutile tentativo di rimonta con il suo numero 4, Stefano Ramina, giocatore classe 1990. Per i rosso-blu della Pro Sambo, urlano “goool!” “Varenne” Giovanni Lorenzi (attaccante ex AlbaredoRonco) e Sebastiano Gazzo, classe 2002, autore di una fantastica doppietta. Al “Venturi”, l’Illasi del nuovo mister Matteo Bonomi scavalca – 3 a 2 – l’ostacolo del Bonavigo 1991 di mister Silvio Donadello. Alla gioia dell’illasiano Menini si unisce la doppia esultanza di David Tagliapietra, classe 1999 ex Tregnago. Per il Bonavigo 1961, centrano il bersaglio pieno, la mousse, il preciso rigorista Simone Frison, classe 1997, e bomber Aimuan Odaro.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Notizie dai network

Leggi altro ...

Verona
forte pioggia
18 ° C
20.4 °
17.2 °
94 %
4.1kmh
75 %
Gio
19 °
Ven
17 °
Sab
22 °
Dom
23 °
Lun
21 °

I nostri social