11.6 C
Verona
venerdì, 1 Marzo 2024

Il punto sui gironi “A” e “B” di Prima categoria: 12^ giornata

Girone “A”: L’Olimpica Dossobuono di mister Giordano Rossi fa suo (3 a 1), al “Ciresa”, il match clou della 12^ giornata, quello contro il Consolini, e la contemporanea caduta del Quaderni – sconfitto (3 a 1) all’Alpo, dalla Lepanto – permette ai giallo-rossi “olimpici” di allungare il passo nei confronti dei “nero-verdi della Postumia” (il rapporto ora è di 31 a 27). Il solo “Stadio” Marassi salva la…bandiera per i costermanesi dello skipper Luca Bozzini: il suo urlo di gioia arriva, infatti, dopo quelli emessi da Samuele Olioso (1998), dall’infallibile rigorista Filippo Ferrari (2003) e dal centrocampista del 1997 Marco Bassani. Il Quaderni di mister Marco Aroldi conosce in casa dei giallo-verdi dell’Alpo Lepanto del “condukator” Massimiliano “d’Asburgo e Lorena” Signoretto la terza sconfitta dall’inizio del torneo. Federico Franchini con il suo gol prova a salvare l’onore… (si fa, ovviamente, per dire!) dei “nero-verdi della Postumia” non più al vertice da qualche settimana. Per la Lepanto, doppia di Francesco Vecchio ed assolo del classe 1996 Zeno Montolli. Al terzo gradino del podio, a 26 punti, troviamo il Valpolicella di mister Matteo Meneghetti, ieri con il costume di “pirata” al “Guglielmi”, in zona Sacra Famiglia, e “casa” dell’A.C. Cadidavid di mister Stefano Ghirardello. I bianco-blu cadidavidesi sono costretti, al termine del primo round, a sostituire la bocca di fuoco Alberto Sacconi, classe 2000, punta decisamente di categoria superiore. I bianco e blu del diesse Adelino Biondani vanno in rete con Knyazev (l’altra marcatura la sigla Manuel “Pierino” Prati), ma, poi, vengono travolti dall'”Uragano” Niccolò Esposito, autore di una fantastica tripletta (anche su rigore). A.C. Cadidavid, il quale resta incollato al 4° posto, a 23 punti, alla stessa stregua della Polisportiva Consolini.

A 20, come 6° miglior classificato, il Lugagnano di mister “Top Gun” Vasco Guerra, vittorioso al “Guglielmi” per 2 a 0 a spese dell’amletico Malcesine dello skipper Stefano Marchiori. Il mattatore è uno solo: Davide Zanoni, classe 1994, autore della doppia. Andamento alla maniera di una sinusoide anche per il Bussolengo di mister Nicola Martini: i rosso-verdi “ex calzaturieri” del presidente Emilio Montresor regolano di misura – 1 a 0 – la Montebaldina Sona United di mister Emanuele Bertoncelli: decisiva ai fini della conquista dei 3 punti risulta l’unghiata sferrata da Lorenzo Guglielmi. Al “Belvedere” di Calmasino, i bianco-verdi del club della frazione di Bardolino catechizzati da mister Peter Taccardi vengono sgambettati – 1 a 2 – dal Real GrezzanaLugo di mister Luca Tosi. L’autorete del difensore dei lacustri Barbalata viene dimenticata dal gol regolare realizzato dal compagno di scuderia Francesco Camparsi, classe 1997, ex Academy Pescantina. La freccia del sorpasso l’aziona la punta valpantenate, classe 2001, Andrea Bellamoli. Seconda vittoria in queste prime 12 tappe per la matricola Borgo San Pancrazio di mister Manuel Pignatelli: al Porto, i “gatti bianco-viola” con due graffi letali – 2 a 1 – sferrati da Luca Riva e da Francesco Menghin (costui, appena lanciato nella mischia) affondano la navicella del Peschiera guidata dal tenente di vascello Lucio Marconi. Arilicensi alla meta soltanto con Francesco Zanusso, classe 2006.

Ecce victoria! Finalmente, dopo ben 12 giornate di campionato, arriva la prima vittoria per la Scaligera di mister Fabio Di Nicola che vince 2 a 1 in rimonta. A Isola della Scala, i giallo-rossi isolani del presidente Luca Melotti devono farsi prima superare dal gol lacisiense segnato dal classe 2003 Matteo Buio, in apertura di secondo tempo prima di tirare fuori le unghie avvelenate di bomber Tommaso Ziviani che pareggia al 33° minuto e di Joele Faccini che due minuti dopo opera il sorpasso decisivo. Scaligera che si porta a 5 punti, più sopra fibrillano Calmasino 2003 e lo stesso Lazise a 10 punti precedute da un trio a 11 punti formato da Peschiera del Garda, Borgo San Pancrazio e Montebaldina Sona United.

Girone “B”: Vincendo 0 a 1 al “Renzo Tizian”, in casa della Pro Sambonifacese di mister Davide Peroni, l’ASD Pozzo di mister Walter Bampa scavalca, in vetta alla classifica, ora con 24 punti, il più agguerrito dei concorrenti, ovvero il Nogara di mister Marco Goldoni. Per i rosso-blu pozzani fa la differenza la conclusione vincente scoccata al 90° minuto da Lorenzo Giardino, da poco mandato in campo dal coach, al posto di Yao Doria. Al “Remo Soave”, il Nogara del mantovano trainer Marco Goldoni è costretto a rincorrere con il laccio del cow boy – 1 a 1 – il Brendola allenato da mister Mauro Crivellaro. I vicentini erano momentaneamente passati in vantaggio con Francesco Guardia, classe 2002. Il pari definitivo era opera di Andrea “Rivera” Mantovanelli, classe 2001. Al terzo posto, ex aequo, a 21 punti, troviamo le Alte Ceccato di mister Davide De Forni e l’SSD Valdalpone Monteforte del mister e sarto di grandi firme, Francesco Boron. Al “Pietro Ceccato”, i giallo-rossi vicentini non riescono ad andare al di là del 3 a 3 contro il Dorial del casaleonese coach Devis Padovani. I padroni di casa fanno garrire la rete degli avversari veronesi con il 1985 Matteo Castegnaro, con la punta Alessandro Bicego e con il 2000 Luca Signorin. Per i dorialesi, doppia di Enrik Kuki (2002, ex GSP Vigo 1944 ed ex Colognola ai Colli) ed assolo di Maxime Vauvert, classe 1998.

All'”Orvile Venturato”, importante colpaccio ai fini della propria autostima – 1 a 2 – del Bovolone 1918 di mister Adriano Rossignoli. E, soprattutto, in casa di un Bonavigo (unico realizzatore, ieri pomeriggio, Rodella) che, sotto la guida di Matteo Zancanella, sembra aver trovato la sua quadratura. Per i rosso-neri “mobilieri”, doppietta fatta crepitare da Matteo Peroni, classe 1998. All'”Antonio Perlato” di Tregnago, a domicilio dei giallo-blu alto-valligiani allenati da Andrea Merzari, colpaccio sferrato dall’Isola Rizza Roverchiara di mister Lucio Merlin: 0 a 1, “giustiziere”, all’inizio della ripresa, il bomber e cuoco isolarizzano doc Andrea Pesarin, classe 1991. Al “Leo Todeschini”, tre punti preziosi come l’ossigeno per la sua classifica li colgono i padroni di casa dello Zevio di mister Andrea Scardoni. Il quale perfeziona l’operazione-aggancio in classifica – a 9 punti – con i biancazzurri del club della frazione sambonifacese. La vittima dell’1 a 0 è l’altra matricola del Locara di mister Carlo Danieli, impallinata al 92° minuto dalla carabina fatta esplodere dal classe 1995 Denis Schiavo. Entrambe alla pari e all’ultimo posto, sovrastate dal Brendola a 10 e dall’Illasi, a 11 punti. E, i colligiani di mister “Zaccheroni” Antonio Ferronato sono capitolati al “Venturi” – 0 a 1 – per mano dei monscledensi di mister Francesco Boron: l’unghiata velenosa la sferra Aiman Kamouni, classe 2001, ex U.S. Provese. Al “Manuel Fiorito”, in borgo Milano, pari e patta – 2 a 2 – tra il PGS Concordia di mister Daniele Lo Presti e il Tezze di mister Totò Mantovani (al preciso bersaglio grazie ai granata Valerio Dal Lago, classe 1987, e al 2002 Marco Ferrari). PGS Concordia (ieri due volte in gol con Menghini) alla superstiziosa boa numero 17, Tezze, due punti sotto, alla pari con la Dorial.

Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

© Riproduzione Riservata

Notizie dai network

Leggi altro ...

Verona
forte pioggia
11.6 ° C
12.5 °
10.6 °
84 %
0.8kmh
100 %
Ven
12 °
Sab
11 °
Dom
12 °
Lun
11 °
Mar
12 °

I nostri social